Cenni storici sulle chiese palagianesi

Maria SS. Annunziata

 

La Chiesa di Maria SS. Annunziata, sede dell’omonima parrocchia, fu costruita nella seconda metà del XVIII sec. in stile barocco pugliese semplice e si presenta con un’unica navata. E’ popolarmente indicata come chiesa di S. Rocco, da quando il Santo è stato assunto a Patrono di Palagiano.
Naturalmente le diverse esigenze postconciliari di certi aspetti liturgici hanno imposto una nuova organizzazione degli altari. Infatti, è stata demolita l’antica mensa in tufo baroccheggiante per far posto ad una struttura più adeguata e il tabernacolo è stato sistemato al centro del coro ligneo, che contiene 12 stalli di pregevole fattura. C’è ancora il vecchio ed artistico organo settecentesco. Il pavimento è stato ripristinato e rifatto, perché era in uno stato di pericolosa staticità, poiché copriva la sottostante cripta, a causa delle esalazioni provocate dalle ossa dei defunti che vi seppellivano fino al 1865 (quando fu costruito il cimitero).
Tra le opere d’arte mobili  figurano: Cristo con le anime del Purgatorio, S. Antonio da Padova, la Madonna del Carmine, la Madonna con il Bambino, l’Annunciazione, Cristo risorto ed una preziosa statua di S. Francesco (proveniente dall’ex convento francescano del 500 recentemente restaurata).  La parrocchia è divisa in sette comparti pastorali, dedicati a S. Francesca Romana, S. Pio X, S. Giovanni Bosco, S. Domenico Savio, S. Maria Goretti, Madonna del Rosario, S. Egidio da Taranto, Beati Martiri d’Otranto. Nella base dell’altare maggiore sono conservate le rispettive reliquie. Questa dedicazione è anche ricordata su un artistico bassorilievo murato in occasione della consacrazione del tempio il 24 novembre 1984 da parte del vescovo di Castellaneta Mons. Ennio Appignanesi.