monelli

Un politico qualche anno fa, con un aforisma disse “Il potere logora chi non ce l’ha”. A Palagiano sembra vero il contrario. Il potere logora chi ce l’ha. E’ ormai conclamato da tempo che, i nostri amministratori, invece di migliorare la vivibilità, l’economia ed i servizi, del nostro comune, pensano solo ad avere più potere per pavoneggiarsi e mostrarsi per il paese con un portafoglio di deleghe non indifferenti. E questa continua ricerca della felicità li logora, appunto, a livelli mai visti. Consiglieri con tre deleghe, assessori con quattro deleghe, gruppi consiliari che crescono di numero, per fare la voce grossa, contro gli ex alleati che adesso sono rivali ma, ancora uniti nel reggere un Governo di paese, allo sbando. E adesso non resistono più. Tutti si lanciano sulla tavola imbandita, un po come Totò e la sua famiglia nel celebre film Miseria e nobiltà. Ognuno ad accaparrarsi il trancio più succulento, nella paura di non assaggiare più niente per tanto tempo. Ma ne vedremo ancora delle belle. Continueranno ad andare d’amore e daccordo, un po come il Governo centrale, Pd ,Pdl e Udc ( o Scelta Civica, fate voi) che si rinfacciano di tutto, ma PER IL BENE SUPREMO DELL’ITALIA, son costretti ad andare daccordo. E il popolo arranca. Non si può solo spartirsi il potere. Bisogna anche saperlo usare. Noi saremo ben lieti di approvare in Consiglio Comunale i punti del programma sottoposto all’attenzione dei palagianesi, ma qualcuno DEVE ordinare agli uffici di predisporre gli atti. BASTA CON QUESTA SUPERFICIALITA’. Noi siamo i primi a fare polemica e a denunciare con voce grossa le mancanze dell’amministrazione, ma con la stessa voglia abbiamo proposto le nostre iniziative che andrebbero perseguite per Palagiano. Nei prossimi giorni chiederemo al Sindaco, per iscritto, di dare delle scadenze sull’approvazione di alcuni punti inseriti nel NOSTRO programma elettorale.

Con osservanza i Consiglieri di Maggioranza LIPPOLIS e TAGARIELLO

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

3 pensiero su “IL POTERE LOGORA CHI CE L’HA”
  1. Le persone perbene non “perdono tempo” con certi personaggi.
    Con uno che a gran voce ha detto(tra l’altro in un contesto pubblico e ufficiale): “ce m n m’bort a me du popl” non ci si dovrebbe nemmeno fermare a chiacchierare. E qui di politica non c’è assolutamente nulla.
    Etica e morale non si sbandierano ad intermittenza (o a convenienza).

    p.s. è ignobile che, ancora a distanza di tutto questo tempo, il tizio non abbia ritenuto di fare le DOVUTE scuse.
    E questo la dice lunga circa il rispetto che hanno della Costituzione tutti i componenti della casa comunale.

    D’altronde viviamo nel paese delle nipoti di Mubarak…

    1. Egregio signor/a PICCHIO mi associo al suo pensiero. Anzi, a proposito di quel signore che durante lo svolgimento del consiglio comunale, pubblicamente aveva affermato che. del popolo non gli importava nulla, mi riferisco al consigliere MONACO Salvatore, il quale, per effetto della legge sulla trasparenza ha dichiarato di essere AMMINISTRATORE UNICO, titolare al 100%, della società denominata PULISERVICE MERIDIONALE. Pare che la stessa impresa nell’estate 2012 aveva gestito i parcheggi estivi in quel di CHIATONA, creando non pochi problemi in danno dell’utenza che lamentò, addirittura, comportamenti che rasentavano il reato di truffa. Inoltre, pare che la stessa società si sia aggiudicata diversi appalti dal comune di Palagiano, come ad esempio il rifacimento della segnaletica stradale orizzontale; la impermeabilizzazione del solaio della scuola Rodari ed altri tipi di interventi.
      Orbene. Se il consigliere MONACO dichiara di essere il titolare di quell’impresa ammette ESPLICITAMENTE il CONFLITTO D’INTERESSE. Ma a Palagiano tutto è legittimo. Anche la dichiarazione dell’ assessore PETROCELLI, il quale durante lo svolgimento del consiglio ammette pubblicamente di aver svolto incarichi tecnici per conto di alcuni componenti del consorzio di città impresa. Successivamente si apprendeva che gli incarchi erano circa una ventina. Anche in quella circostanza, si pensava che, l’evidente conflitto d’interesse, avrebbe indotto il predetto assessore alle sue dimissioni. Invece? – Nulla. Questi signori continuano a fare i porci comodi in danno della comunità, con l’ulteriore aggravio che a partire dal prossimo anno aumenteranno addizionale comunale, tasse sui rifiuti e quant’altro possa ulteriormente danneggiare una popolazione vessata al limite della sopportazione.
      Se l’opposizione continua a dormire, non ci resta che auspicare il commissariamento di questo comune per INCAPACITA’ DEL PRIMO CITTADINO NELLA GESTIONE DELLA COSA DI POCHI..
      ADANEGRO

  2. è vero anche che un’opposizione seria andrebbe in procura a denunciare i conflitti e le malefatte, se di reato si tratta. invece sono tutti daccordo e fingono di scontrarsi. alla faccia dei cittadini seri e onesti che di questi tempi sono chiamati fessi!!!!!!

Lascia un commento