Cultura,  Palagiano,  Politica,  Sociale,  Spettacolo

“Affidamento in gestione del TEATRO COMUNALE Karol Wotila” – OSSERVAZIONI di “PALAGIANO IN COMUNE”

Deliberazione del Commissario Straordinario n° 56 del24.11.2016 (affissa

all’Albo il 6.12.2016) “Affidamento in gestione del TEATRO COMUNALE Karol Wotila” – OSSERVAZIONI.

 

 

I sottoscritti Rappresentanti del Movimento Politico-Culturale “PALAGIANO IN COMUNE” esprimono la propria contrarietà agli indirizzi contenuti nella Delibera in oggetto, per i motivi di seguito succintamente esposti.

 

  1. La realizzazione di un Teatro COMUNALE è stato frutto di 30 anni di impegno politico e civle, per esso sono stati impegnati 500.000 euro di soldi pubblici e sicuramente ha dato (e dovrà tornare a dare) un contributo importante all’ampliamento dell’offerta Culturale per il nostro paese. Perché ciò possa essere, è indispensabile che la gestione del Teatro sia pubblica, sostenuta e capace di fornire un’offerta di attività, spettacoli e iniziative culturali economicamente sostenibili e attrattive per i cittadini, e per i giovani in particolare.  OBIETTIVI ASSOLUTAMENTE IRREALIZZABILI CON UNA PREVISIONE DI BEN 20,00 EURO DEL COSTO DEL BIGLIETTO!

Comprendiamo (esclusivamente sul piano matematico) che un tale costo scaturisca dal Piano di ammortamento degli investimenti posti a carico dell’ipotetico gestore, ma è proprio la forma di gestione proposta che non ci convince ed, anzi,  consideriamo la causa di questa ed altre conseguenze nefaste.

 

  1. La forma di gestione proposta, che presuppone un investimento in partenza di ben € 40.530,04, oltre alle spese per ordinarie manutenzione, personale, pulizie, eccc…,  comporta – oltre all’insostenibile costo del biglietto – altre conseguenze, a nostro sommesso avviso, pesantemente negative:
  2. Chi potrà partecipare alla prevista Procedura di Selezione Pubblica, non potrà che essere un Soggetto  con un’ampia disponibilità finanziaria (o con qualche finanziatore occulto alle spalle): come dire…. la selezione è già fatta!
  3. Un affidamento lungo 9 anni, che – ovviamente – ipoteca qualsiasi altra e diversa soluzione per tutto questo lungo periodo. Oltre ai rischi insiti in un appalto così lungo (il disastroso appalto R.S.U. docet!).
  4. Il costo di ben 350 euro per l’uso del Teatro per una semplice serata da parte di altri soggetti- non gestore, significa nei fatti mortificare quelle tante pregevoli e coraggiose Associazioni Culturali che a Palagiano tentano faticosamente di scrollarsi (e scrollare ) di dosso quella cappa di apatia, delusione ed abbandono così largamente diffusi tra le giovani generazioni.

 

 

CREDIAMO, IN TUTTA FRANCHEZZA, CHE UN’ALTRA SOLUZIONE SIA POSSIBILE.

 

Il Comune reperisca i fondi per realizzare in proprio l’appalto dei lavori necessari all’ottenimento del C.P.I. Certamente spenderà molto meno dei previsti € 40.530,04,

Se non è in grado di assicurare una gestione diretta del Bene Pubblico,  lo affidi (scevro dalle spese di investimento per 1 anno, con un bando che consenta ad una più vasta platea (anche di soggetti Associativi a ciò legittimati) di partecipare.

Per meglio approfondire queste tematiche,  Le  chiediamo un incontro, con cortese urgenza, fiduciosi che, nelle more,  vorrà soprassedere all’attuazione dei suddetti indirizzi.

 

 

Palagiano 09.01.2017                                                            p.    Il Movimento Politico-Culturale

PalagianoInComune

 

La Portavoce  p.t.

Antonella LIVERANO

 

Foto del profilo di Facebook

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento