Vi scrivo perche’ noto giorno dopo giorno un vostro reale interessamento al territorio.
Questo mi basta per porre un’attenzione particolare verso il progetto che state cercando di realizzare.
Non so per gli altri, ma per me siete un punto di riferimento “politico”.
Quella politica che puo’ diventare Politica,per intenderci.

E ho deciso di parlare di spazzatura per la prima volta su questo portale.
Con Voi, come se foste degli amministratori…virtuali!

In passato mi sono tenuto molto “alla larga” su questo argomento che a volte e’ stato duro e fonte di scontri fra le “fazioni” politiche.
Non mi interessa, (probabilmente sbagliando) l’appalto, a chi e’ stato affidato e quanto costa, non sono preparato e informato sull’argomento e ritengo che in questi casi e’ meglio tacere piuttosto che affermare cose senza senso!

Vorrei parlarvi,invece, del fenomeno che ci sta assalendo in queste settimane : la spazzatura lungo i bordi della periferia e nelle nostre campagne.
Ma vorrei parlarne senza le solite frasi del tipo: “L’amministrazione fa schifo”, piuttosto che “siamo incivili tutti noi!”.

Il fenomeno va studiato e analizzato attentamente.

Perche’ sta succedendo tutto questo?
Davvero gli amministratori fanno finta di non vedere? Io non penso.
Davvero siamo diventati “incivili” tutto ad un tratto, visto che da decenni non si vedevano queste scene? Io non penso.

E allora PERCHE’?

Cosa puo’ indurre una persona a prendere da casa una busta di spazzatura, metterla in macchina, uscire dal paese e lanciarla dal finestrino?

E soprattutto. cosa diventera’ Palagiano/periferia tra qualche mese?

Ovviamente il rischio che ci sia una psicosi collettiva del tipo ” lo fanno gli altri, perche’ non devo farlo io?” e’ ipotizzabile.
Un po’ come quando giri una piazza intera senza trovare un cestino: dove buttarla la carta?

Bisogna,secondo me, affrontare questo problema seriamente senza demagogie di sorta.

Il problema c’e’!

E allora parliamone con la speranza di trovare tutti insieme una soluzione.
A chi tocca ripulire i bordi e le campagne?
Come frenare questa emorragia di buste lanciate dal finestrino?

Dei grossi bidoni di indifferenziata a 3 km dal paese possono tamponare il problema in attesa di soluzioni “alternative” fra le maetranze?

Di tutto questo…
Voi,che ne pensate?

Life

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

31 pensiero su “Cari Indignati, del “lancio” della spazzatura, che ne pensate?”
  1. Ciao Life,
    proviamo a dire la nostra su questa incresciosa situazione.

    Per quanto riguarda la gara, riteniamo di non poterci esprimere in quanto non conosciamo bene i fatti e tu ormai sai benissimo che non siamo abituati a parlare senza esserci prima documentati in merito.

    Quello che noi ci sentiamo di sostenere è che la raccolta differenziata sia il nostro futuro. Non ci si può e non ci si deve esimere dal farla. Purtroppo la gente va educata. Che molti, a distanza di mesi dall’inizio del servizio portata porta, si rifiutino categoricamente di uscire i bidoni è un dato di fatto. Molte volte ci capita di fare un giro del paese e notare che ci sia gente che non esce MAI i bidoni, la stessa gente che sicuramente utilizzerà metodi alternativi per smaltire l’immondizia!

    Noi vorremmo poter dire che la colpa stia interamente da una o dall’altra parte ma non è così semplice. Forse l’amministrazione dovrebbe essere più sensibile al problema, cercando di monitorare le varie zone extraurbane con assidue vigilanze e multando i trasgressori. Non è necessario che si dica che in un paese tutto vada bene ad ogni costo: se un problema c’è, quello rimane e va affrontato da cittadini e amministratori denunciando e, secondo noi, questo renderebbe sicuramente più giustizia ad un’amministrazione che cerca di risolvere anziché nascondere.

    D’altronde sappiamo bene che una volta multati i primi trasgressori, chiunque ci penserebbe due volte prima di fare il “lancio della monnezza”. Basterebbe vigilare a zone il territorio e qualcosa si otterrebbe.

    Vedi Life, a noi sono bastate un paio di sere per accertare le luci spente ed ora il paese è illuminato ma non possiamo certo farci da accusatori e segnalare tutta la gente che la sera non mette fuori i bidoni. Questo dovrebbe farlo la ditta stessa quando ogni mattina ritira la spazzatura. Ci vuole poco.

    I bidoni alla periferia del paese? Bhè! Secondo noi si ridurrebbero tutti a lasciare i propri rifiuti lì senza preoccuparsi di differenziare, come succede anche nei bidoni dei condomini ( vedi vicino il comune ) dove tutti si sentono autorizzati a gettare di tutto di più senza neanche preoccuparsi di trovare il bidone giusto.

    Altro controllo che ci dovrebbe essere sta nel modo in cui la stessa raccolta venga fatta. Non ci si dovrebbe imbattere in una situazione come quella di Palagianello per poi finire su “striscia la notizia” e quindi è importantissima la vigilanza in merito.

    Ancora, non condividiamo il modo in cui vengano lasciati i bidoni. Capiamo che gli operatori stiano raccogliendo immondizia ma, è proprio complicato lasciare i bidoni così come siano stati trovati? Al mattino pare scoppiata una guerra civile: bidoni capovolti, lanciati senza alcun criterio…insomma, ci vorrebbe solo un pizzico di buon senso e tanto tanto senso civico da parte di tutti quanti: amministratori, cittadini e operatori.

    Il problema poi, caro Life, non sta solo nella raccolta ma anche nella stessa pulizia delle strade. Con la vecchia ditta, durante la mattina, si incappava sempre in operatori lì a fare il loro lavoro di pulizia e spazzamento delle strade. Oggi il paese è decisamente sporco. Qualcuno, e non ricordiamo chi, forse il sig. Amatulli, tempo fa si è preoccupato di pubblicare giorni e orari in cui le strade dovessero essere pulite. Ora noi ci chiediamo: qualcuno si preoccupa di verificare questo? Lo si fa in modo molto superficiale? Non lo si fa proprio? Quello che notiamo è che il paese è sporco e non sappiamo perchè.

    Life, quello che oggi accade (abbandono dell’immondizia ovunque sia), avveniva anche prima; purtroppo la gente incivile esiste da quando esiste il mondo, non ci si improvvisa all’inciviltà: è un modo di essere! La differenza da ieri ad oggi, secondo noi, sta nella ditta che, mentre prima era attenta e pronta a correre ai ripari, oggi lascia perdere!

    Capiamo la fase di rodaggio, ma prima o poi dovrà pur finire. Speriamo al più presto altrimenti bisognerà indignarsi tutti insieme per evitare di finire come Napoli!

    Una nota polemica però ce la devi consentire: raccogliere la spazzatura al centro del paese e lasciare la periferia e le strade extraurbane in completo stato d’abbandono è come vedere una bella donna con un abito straordinario, spogliarla e scoprire che indossa le mutande rotte.

    Con affetto______________gli indignati

  2. Vigilanza e multe, voi dite?
    Quindi, facciamo un po’ di conti e di esempi
    Per controllare la periferia ci vorrebbero (almeno!) una quindicina di vigili 24 ore su 24!.
    Per tre turni fanno 45, piu’ sostituzioni per ferie e malattie varie, arrotondando fa 50.
    50 x 1300€ lordi (bastano?) fa 65000€. Al mese.
    Ora, pensate che sia ancora la soluzione migliore?

    Vi pregherei,per correttezza alle tante intelligenze che leggono questo portale,di non ripetere la solita litania nell’affermare ” avrebbero dovuto fare…” o “dovrebbero risolvere….” senza poi dire, in effetti, NULLA!
    La vigilanza, secondo il mio esempio qui sopra, NON E’ LA SOLUZIONE PIU’ IDONEA, per via dello spreco di denaro nell’ assumere vigili.

    Dei bidoni a 3 km, davvero pensate che tutti gli abitanti andrebbero “in pellegrinaggio” ogni mattina per buttare la spazzatura? Io penso di no, e in questo modo eviteremmo lo scempio naturale nei tempi immediati, in attesa di trovare e adottare altre soluzioni.

    Cari Indignati, tutto qui?

    Forza!

    Life.

  3. Potremmo proporla come nuova disciplina olimpica. Avremmo ottime possibilità di incrementare il medagliere 😉 (anche se c’è davvero poco da sorridere e strizzare l’occhio!)

  4. Caro Life, qui è un problema di responsabilità.
    1. Responsabilita contrattuale: Tu teknoservice devi garantire la pulizia del paese. Life se conosci qualcuno che ci lavora dentro prova a parlarne amichevolmente e privatamente scoprirai che non ci sono le condizioni per svolgere serenamente il proprio lavoro. Chiedi lumi sull’incendio dell’altra notte all’isola ecologica.
    2. Responsabilità civica: la gente che compie questo scempio è già morta! Ha deciso di trascinare nella fossa anche noi. Ci seppelliremo di sacchetti colmi di scarti della nostra abbondanza.
    3. Responsabilità politica: la nostra amministrazione dovrebbe dimettersi immediatamente e avere il coraggio di ritornare su quel palchetto, riaffollarlo di affaristi e ciarlatani, e spiegare le ragioni delle dimissioni mettendo al primo punto proprio l’incapacità gestionale del problema rifiuti. 
    Life ti ho sempre stimato per le tue capacità di analisi dei problemi e di mediazione nei confronti perciò ti chiedo se non sembra assurdo anche a te che l’analisi di questioni così importanti debbano passare attraverso il costante intervento di un gruppo di moderni “zorri” indignati che da commentatori si trasformano in risolutori dei problemi. Lavoro lodevole mancando tutto il resto. Dov’è l’amministratore di riferimento? Perchè nessuno sente il bisogno di intervenire per difendere il proprio “sano” operato? Forse siamo in quella libidinosa fase di rodaggio? Ma quello stesso rodaggio che poi permette di pagare ai “cavalieri dello zodiaco” ben 500 euro di soldi pubblici? Leggete lo statuto con annesse finalità di quel gruppo e ci sarà da interrogarsi.
    P.s. Io questo sindaco l’ho votato.

  5. Caro Marcello, ti ringrazio per il tuo maturo intervento e credo che hai centrato pienamente su quasi tutto.
    La tua parte finale DEVE far riflettere un po’ tutti.
    Perdinci, interrogamioci e chiediamoci perche’ siamo arrivati al punto che gli “zorro” di turno sono l’unico nostro riferimento….politico! Perche’ questa assenza sulla rete? Perche’ solo sterili comunicati propagandistici? Perche’ non c’e’ nessun confronto con la popolazione virtuale e tutto DEVE per forza accadere in privato… semmai anche a telecamere spente?
    Qual’e’ la vera paura, FORSE L’INCAPACITA’ DI ESSERE NORMALI?

    Tuttavia vorrei ancora soffermarmi sulla questione “civica” anche a costo di essere impolare e controcorrente. Mi chiedo, perche’ le strade di campagna ORA sono un ricettacolo di immondia “lanciata”? Perche’ per decenni il fenomeno era sotto controllo?
    Non penso che ci sia stata un’alta percentuale di regressione civica tutto ad un tratto senza motivo.Certamente non difendo i “pirati” delle buste lanciate, ma e’ inutile soffermarsi asserendo che sono solo incivili! Non basta sollevare il problema, qui bisogna anche risolverlo!
    Non c’e’ tempo a disposizione anche se sono consapevole che… c’e’ bisogno di tempo!

    Allora tamponare con i bidoni di indifferenziato alle porte ( lontane) del paese per proteggere la nostra immagine di civilta’ verso chi,forestiere, non riesce a comprendere gesti cosi’ incivili, mi sembra l’unica soluzione! Al momento.
    Poi ci sara’ tempo per educare,ma,ripeto, ora il problema deve essere “tamponato”.
    Senza se e senza ma.

    Life.

  6. Salve sig.ri Life e Marcello
    Ci chiamate degli Zorro anonimi quando zorro noi non siamo. Per anni abbiamo demandato ad altri quello che dovrebbe essere il saper governare il paese. Per anni siamo stati delusi ed ora che finalmente vedevamo un barlume di speranza ci siamo sentiti sprofondare nella più grande delusione.
    Quello che il sig. Marcello sostiene sul problema delle responsabilità è tutto vero. Forse non siamo riusciti a spiegarci al meglio, ma, anche se in modo diverso anche noi abbiamo più o meno sostenuto le stesse cose, magari senza dover necessariamente far polemica.
    Sul discorso dell’amministrazione assente, forse voi dimenticate che il nostro primo articolo poneva degli interrogativi ai quali ancora attendiamo risposte. A quelle ne sono seguite altre e poi altre e nessuno nella maniera più categorica ha ritenuto doveroso dare delle risposte. Se solo pensate che i nostri due ultimi post sollevano due questioni di gravità inaudita e tutto tace! Come si può sapere che esista una ditta che arbitrariamente decide di non rispettare quanto scritto in contratto e non c’è un’anima disposta ad accertare questo! Ancora, sappiamo per certo che una Nota sia stata sottoscritta da un ex sindaco che molto probabilmente non ne aveva le competenze o da un “non ancora sindaco” che non poteva assolutamente averne e tutto pare la più assoluta normalità! Possiamo andare avanti con le dichiarazioni rilasciate dagli amministratori su facebook sull’ottimo risultato della raccolta porta a porta, quando subito dopo il “sig. semplicemente Bruno” pubblica un servizio fotografico sulla campagna palagianese che è tutto un programma , non solo, viene anche accusato di aver creato quelle “gradevoli composizioni”per poterle fotografare! Continuiamo: per mesi non si riesce a convocare un consiglio comunale per situazioni assurde create dal sindaco non meritevoli di commento e poi, quando finalmente riescono a riunirsi, i componenti del PD, festeggiano con un comunicato stampa l’approvazione di un bilancio che sembrava ormai una meta irraggiungibile!
    Signori, molto probabilmente diciamo le stesse cose ma non ci capiamo. Noi abbiamo detto, e ne siamo certi, che le responsabilità siano di tutti: la ditta, l’amministrazione, il cittadino. I bidoni alle periferie? Noi pensiamo che non risolvano il problema che va invece risolto e non tamponato momentaneamente in quanto, secondo noi il tamponamento rischierebbe di diventare una soluzione definitiva. Qualche tempo fa, quando a Palagianello si faceva il servizio porta a porta, molti venivano a scaricare la loro immondizia a Palagiano, figuriamo quanto possa costare spostarsi in periferia. Detto questo però, i bidoni andrebbero messi anche, in quanto proprio perchè non ci riteniamo degli zorro, non abbiamo la presunzione di aver ragione. Ci viene chiesta un’opinione e noi la diamo, ciò non fa di noi degli infallibili!

    Life, forse non ricordi che quando è andato in funzione il servizio – a scaglioni – una delle ultime zone è stata Largo Capovento dove i cassonetti sembravano una fotografia della zona più disastrata di Napoli. Ti pare normale?
    Mettendo i cassonetti in periferia come tu dici, gli stessi dovrebbero essere puliti. Secondo te verrebbe fatto puntualmente? E allora cosa costerebbe tenere pulite comunque le strade in agro di Palagiano?
    Sulla questione dimissione poi…almeno tu Life sai quante volte abbiamo chiesto le dimissioni al sindaco e non solo sul problema spazzatura ma sul suo “nulla”!
    Siamo incappati in un’amministrazione-padrona, e purtroppo noi ne siamo colpevoli, per cui siamo certi che non ci sia la dignità giusta da parte sua per ribellarsi a questo stato di cose.

    Zorro o non zorro,anonimi o no, se questa può essere l’unica alternativa per risolvere i problemi, noi continueremo a farlo.

    cordialmente___________gli indignati

    1. Be’, tutto mi sarei aspettato tranne che constatare che oltre ad essere Indignati, siete pure suscettibili!
      Dai, ora con serenita’,rileggetevi i commenti precedenti e vi accorgerete senz’altro che nessuno voleva offendervi….anzi!

      “Brutta” giornata la vostra, capita.

      Ma….”domani sara’ un giorno migliore”.

      Vi vogliamo in forma come sempre.
      Siete la nostra speranza.

      Life

    2. A dire il vero Life,
      la cosa un po’ ci ha spiazzati, ma non siamo suscettibili e credici ,non ci siamo nemmeno scompagnati!

      Il fatto è che ci siamo sentiti fraintesi e abbiamo ritenuto opportuno dare delle ulteriori motivazioni.

      Quello che il sig. Marcello sostiene, purtroppo, è la realtà che ci tocca vivere: per potersi confrontare su problematiche che assillano il nostro paese, oggi, si è costretti a rivolgersi ad anonimi che denunciano solo i fatti e che a loro volta vengono ignorati.

      Oggi abbiamo un sindaco che in campagna elettorale era seguito da ombre e che oggi ci regala un’amministrazione fantasma, inesistente, che se ne infischia del cittadino e del confronto con lo stesso.
      Non ha la maturità giusta per chiedere scusa la dove avesse abbia sbagliato, ma è attenta a spiattellare in faccia al paese delle pseudo vittorie conquistate e che solo loro si riconoscono (vedi monnezza) e non solo!
      Guarda cosa ha fatto il PD: ha fatto un comunicato stampa alla faccia di tutti quelli che fossero convinti che l’amministrazione fosse carente di ossigeno e non ha avuto l’onestà intellettuale per dire che nella stessa maggioranza e soprattutto nella stessa seduta consiliare, qualcuno di loro chiedeva lumi su situazioni poco chiare con una verifica della stessa maggioranza; l’abbiamo dovuto apprendere dall’articolo del sig. Giuseppe Favale.

      E’ ridicolo che oggi come alternativa ad una politica inesistente ci siamo solo noi! Non credi?

      Si, confermiamo che noi non siamo degli zorro; non ne abbiamo le facoltà perchè lui, se pur a colpi di spada, risolveva i problemi mentre noi non possiamo far altro che denunciarli.
      Allora Life, se ti siamo sembrati suscettibili ti possiamo dire che non è assolutamente così. Forse all’inizio non abbiamo ben capito il messaggio che tu volessi mandarci ma poi, ci sarebbe piaciuto averti con noi ieri sera: sei stato il nostro argomento di discussione per ore e alla fine abbiamo capito.

      Permettici di dire che a nostro parere, i problemi, di qualsiasi natura essi siano, vadano affrontati e risolti definitivamente e non ci si può né tanto meno ci si deve accontentare di paliativi che tamponino momentaneamente. Capiamo però anche la tua necessità di risolvere immediatamente il problema.
      Certo, cerchiamo comunque di farli sistemare questi cassonetti, chissà, potremmo aver torto e magari si potrebbe convenire sul fatto che sia un’ottima soluzione.

      L’appello che stiamo per fare, potrà anche non piacere ma purtroppo, pare sia l’unica soluzione perchè qualcuno si adoperi in merito o quantomeno lo si spera!

      Allora ci rivolgiamo al sig. Nardelli con delega “Indirizzi in materia ambientale con riferimento alla attuazione e gestione del servizio di raccolta differenziata”, perchè si adoperi affinchè i cassonetti vengano sistemati nelle zone periferiche e nell’agro di Palagiano e che si occupi di monitorare il territorio e verificare che qualcosa cambi in meglio pretendendo dalla ditta appaltatrice che rispetti appieno il suo contratto.
      Sig. Nardelli, checché ne dicano i suoi colleghi, noi riteniamo che lei sia consapevole del fatto che la differenziata non funzioni come dovrebbe per cui, cerchi di adoperarsi per far sì che le cose cambino al meglio e non permetta che Palagiano si trasformi in una “Napoli 2”! Ancora, cerchi di non ignorare le “leggittime” richieste di cittadini che vivono giornalmente la sporcizia che regna sovrana in questo paese. Lei può anche decidere di non rispondere a noi che siamo anonimi (ormai ci siamo abituati) ma qui c’è gente che si sottoscrive e chiede aiuto all’amministrazione e lei non può evitare di rispondere come fanno gli altri suoi colleghi. Questo atteggiamento lo lasci a loro; noi, pur se anonimi siamo certi che non paghi nella maniera più assoluta. Nelle urne siete stati chiamati anche e soprattutto ad un confronto con il paese che oggi amministrate per cui, cerchi, almeno lei, di non venire meno a quell’impegno preso. Attendiamo un suo comunicato.

      Al sig. Marcello solo due parole. Concordiamo con tutto quello che lei dice, virgole comprese ma purtroppo oggi ci troviamo a dover “combattere” per far valere quei diritti che di fatto ci spetterebbero, per cui chiediamo anche a lei di battere i pugni con noi per farci ascoltare e avere quello che ci spetta…pare sia l’unica alternativa possibile!

      _____________gli indignati

      P.S.: Ehi papino, volevamo dirti che a qualcuno di noi non piace “zorro” perciò chiamaci Batman, Superman, Mandrake ma zorro proprio no…è pure in bianco e nero!!!

  7. A mio avviso il problema è essenzialmente uno: l’inesistenza della campagna di sensibilizzazione.
    So di paesi vicini che stanno per cominciare la raccolta differenziata porta-a-porta e hanno dapprima fatto un bando di concorso per assumere giovani che potessero andare casa per casa a spiegare alla gente cosa fosse la raccolta differenziata, per un totale di 250 ore ciascuno.
    Ora, a Palagiano tutto questo non è mai esistito, o -perlomeno- a casa mia e dei miei parenti nessuno è mai venuto a spiegare perché e quali benefici possiamo trarre dalla raccolta differenziata, infatti all’inizio abbiamo lottato con i nonni perché loro mettevano fuori qualsiasi spazzatura perché “tanto tutto è spazzatura.”
    Noi palagianesi saremo pure incivili, però credo che se qualcuno ci desse gli strumenti per comprendere bene, allora forse tutto verrebbe più naturale.
    E credo anche che non sia troppo tardi per sensibilizzare i cittadini.

  8. la gente lascia la spazzatura in campagna perchè il paese non è preparato per una raccolta porta a porta. e lo dimostra il fatto che ci sono comunque i bidoni condominiali per strada, con il risultato che chiunque non ha voglia di fare la differenziata, con passo felpato, cappuccio ed occhiali da sole, va di nascosto a buttare la propria spazzatura li. e lo dimostra anche il fatto che, chi abita in zona cimitero, e credo siano una cinquatina di famiglie, si sono sentite rispondere che non hanno diritto ad avere i bidoni della differenziata, perchè tanto li la raccolta non la fanno. e lo dimostra anche il fatto che, io persona civile che porto il cane a spasso e raccolgo le sue “tracce”, non ho un cestino, e dico uno, dove buttare il sacchetto.
    che senso ha togliere i bidoni dalle strade, per poi lasciare quelli condominiali? e come fai a multare i condomini che non fanno la differenziata per bene, se chunque può buttare li i propri rifiuti?

  9. indignati cari, non vi chiameró piu “zorri” nonostante il fascino letterario del personaggio (molto piu ecologico di Batman, molto più onesto di Mandrake, molto più discreto di Superman). Vorrei precisare che io da cittadino sono felice di sapere che esiste un’organizzazione segreta ed anonima che opera per il bene del mio paese. Paese in cui, ad esempio, i miei figli non hanno trovato gli stimoli giusti per restare, andando ad alimentare le economie settentrionali. Ma questa é un’altra questione. Sono felice di aprire il portale del mio paese e trovare gli aggiornamenti delle più o meno importanti problematiche della cumunita! Ma non trovate lecite alcune domande? Io si. Sarà il mio punto di vista, ma trovo perlomeno discutibile la totale assenza delle istituzioni e non solo su questo portale. Trovo sempre più imbarazzante il silenzio di alcuni amministratore in relazione ad alcune questioni che sono state poste. Avete notato i toni usati nei confronti di alcuni rappresentanti dell’amministrazione che invece non si sono sottratti al confronto? Rileggete gli scambi con l’assessore Amatulli, persona degna di stima, con Mancini, con Serra. Loro di fatto non dicono nulla se non riconoscere  il problema e promettere  una ipotetica soluzione. Ma almeno c’è uno scambio. Amatulli risponde, magari driblando le domande più impegnative, ma almeno risponde, non si sottrae al confronto e per questo risulta vincente. 
    Il problema non è certo l’esistenza a tratti folkloristica a tratti politicizzata di un gruppo di indignati anonimi. Non pretendo certo di conoscere i vostri nomi, non servirebbe a nessuno. Ma il fatto di persistere nell’anonimato attribuendo qua e la responsabilità circa i diversi drammi palagianesi rischia di rendere i vostri interventi sempre meno fondati e sempre più attaccabili. In più pensare a voi come ad una osvua commissione di censori, mi inquieta un pó. Detto ciò io sonknil primo a dirvi grazie perchè siete fonte di confronto. Io vorrei leggere un articolo di Nardelli, di Petrocelli, della Mellone. Vorrei leggere un saluto del Sindaco che rivolge ai suoi cittadini un cenno di conforto per alleggerire il dramma dei rifiuti volutamente sottovalutato. Sulla vostra pagina fb ho visto una foto di immondizia lasciata sotto casa di altre persone. Sta diventando una specie di dispetto. Se tu mi stai sulle scatole io vengo di notte e ti bersaglio con un paio di sacchi di monnezza. Ragazzi meno folklore più impegno.
    Con stima_________Marcello

  10. Zorro aiuta tutta la polazione.
    Zorro combatte i forti poteri.
    Zorro e’ un galantuomo.
    Zorro e’ raffinato e culturalmente preparato.
    Zorro e’ amante della natura e degli animali.
    Zorro e’ affascinante e piace alle donne.
    Zorro non viene mai sconfitto.
    Un po’ vi invidio….vorrei essere IO Zorro!

    Invece sono Life…
    Ma che nickname è????

    E’ proprio vero, chi ha il pane non ha i denti per mangiarlo…!

    Ok, vi chiamero’ Batman, almeno anche lui e’ un “Dark”!

    Life.

    1. Sig. Marcello, anche noi vorremmo quello che lei chiede.
      Il confronto, e noi ne siamo certi, non può che essere costruttivo, nel bene e nel male. Non ci si può confrontare solo quando si è concordi su qualcosa ma soprattutto quando non lo si è per crescere insieme e la nostra Palagiano ha tanto bisogno di crescere. Anche noi come lei, apprezziamo tanto il sig Amatulli che pensi, parla persino con degli anonimi. Sul discorso incendio a Chiatona ha ascoltato tutti i commenti e soprattutto ha risposto anche a coloro che cercavano di offendere. Stessa cosa dicasi dei sig.ri Serra e Mancini che, come lei saprà, il primo ha preso un impegno in prima persona, il secondo ci sta aiutando a tirare fuori tutti i documenti che “qualcuno” ritiene opportuno tenere nascosti,e tutto questo lo fanno pur non conoscendo i nostri nomi! Sig. Marcello, sull’anonimato, non siamo d’accordo con lei e le spieghiamo il perchè: solitamente ci si nasconde dietro un nickname per poter essere liberi di offendere, inventarsi situazioni assurde, minacciare…senza che nessuno ti possa minimamente scalfire. Lei ha visto che noi non siamo interessati a questo, vogliamo solo mettere fuori quanto di marcio ci sia nel nostro paese che dovrebbe avere al suo governo gente veramente onesta politicamente, trasparente e corretta.
      Gli attacchi? Bhè quelli ce ne sono e pensiamo ce ne saranno (basta che lei legga la nostra pagina di facebook), ma solo da parte di gente convinta che facendo la voce grossa possa metterci a tacere poi…basta poco, facendo le prime domandine elementari, tutti utilizzano la stessa tattica: prima girano attorno all’ostacolo continuando ad offendere e a tirare fuori la storiella dell’anonimato, poi, come per magia, spariscono. Sig. Marcello, noi, non avendo da temere alcun chè, al contrario loro non spariremo mai, ma non perchè anonimi, e prima o poi verremo fuori, ma perchè puliti e fieri di esserlo!!! detto questo la ringraziamo per le sue parole!

      Velocissimi passiamo a Life. Ma Zorro!!!Dai!!! pensa un po’ che Superman vola pure!!!C’avrà pure una tutina imbarazzante…ma vola!!! alla tutina possiamo apportare delle modifiche,no?
      Batman poi, con la batmobile,la batcaverna e pure il maggiordomo che non guasterebbe affatto!!! Certo ha ragione il sig. Michele: siamo troppi… e se ci attaccassimo dietro un piccolo rimorchietto??? vabbò và!!! ci penseremo domani!!!

      sig. Michele, è riuscito a farci sganasciare dalle risate, complimenti…se poi considera che siamo indignati, ce ne vuole,e?
      Per il 29 luglio scorso, dobbiamo ammettere che noi c’eravamo poi, il tenente Garcia ci ha teso un’imboscata, ci ha rubato i vestiti e siamo dovuti rientrare…poi che scopriamo??? uno dei vestiti ce l’aveva rubato il sig. Iacobino Leonardo…ma come si può!!! Un ultima cosa. Lei parlava di mascherine sicuramente più pratiche di un casco con le corna però, zorro aveva i baffi e non crediamo che le signore del nostro gruppo apprezzerebbero il fatto di dover rinunciare all’estetista. Comunque, se lei ci tiene noi saremo i suoi Zorro!

      ____________________gli indignati

      P.S.: Life, dopo le tue intense parole, qualcuno di noi comincia ad apprezzare zorro, ma siccome in democrazia la maggioranza vince e nella vita vincono le donne, niente più Zorro. Ok?

  11. E poi ch stu call meglio una mascherina nera sugli occhi che tutto quel casco in testa con le recchie che sembrano corne! dai!!! E Come vi dovete muovere tutti infilati nella batmobile? Mo’ facciamo il caso che dovete andare a fare un intervento alla chiesetta, partite dalla vostra base arrivate avanti a sandrino… bhe come dovete fare a giare? Già non vi potete ne voltare ne girare dentro la macchina, che siete assai, lì non potete girare manco fuori con la macchina.
    Se invece fate come a zorro la soluzione la troviamo: Voi venite il 29 luglio prossimo venturo in piazza, già vestiti da zorro, magari voi arrivate ballando a ritmo di rumba che tanto le persone staranno a guardare i corridori che passano di corsa sul corso, Io nel frattempo vi offro una decina di birra, in modo che quando arriva il vigile con tutti i cavalli voi ne scegliete uno a testa e partite per le vie del paese, a cambiare le lambadine, a fare le domande, a montare i canestri, a leggere le delibere. Che ne dite? Puó essere una soluzione? Life il tuo nome è bellissimo non temere e secondo me agli indignati li dobbiamo chiamare zorro. Vi voglio bene a tutti.

  12. E so’ condendo! Che poi siete indignati mica ingazzati, perchè non dovreste ridere? Mo’ mi viene un idea a caldo visto che stiamo tra amici, volevo proporre una cosa a tutti quelli che scrivono cose serie ma che si chiamano solo di nome: sto io che sono Michele, sta Marcello, sta Tonino, sta Gilberto, sta Giovanni… Perchè non facciamo pure noi un gruppo e ci chiamiamo gli “INNOMINATI”? Così ci affianchiamo agli INDIGNATI e facciamo tutto nu gruppo. voi indignati vendetevi la batmobile, noi facciamo la richiesta al comune di avere un pullman tanto anche se il sindaco dice che soldi no ne stanno peró sta proprio il pullman, quellTo del Sindaco, quindi non ci stanno problemi. Attendo adesioni… buona serata di San Lorenzo. Sindaco se vedi una stella cadere esprimilo un desiderio!

  13. E’ un vero peccato per Palagiano, avremmo potuto sfruttare òla nostra immagine unitamente a quella di Londra in merito alle olimpiadi, il “lancio della spazzatura”….qualche palagianese avrebbe potuto prendere una medaglia d’oro a Londra…..!Cmq proporre al CONI di far nascere una pratica sportiva nuova non sarebbe male….”lancio del giavellotto, lancio del martello, lancio della spazzatura”…

  14. e io? perchè non sono stato innominato? Voglio aderire al gruppo degli innominati, che devo fare?
    p.s. indignati compratevi il batcottero che a Palagiano tra tornei di pallavolo, karaoki, tavolini e… persone che occupano le strade, non c’è più posto per le batmobili.
    e poi lasciatelo stare al sindaco che, tra le altre tante cose, deve pure trovare il tempo per parlare con i papà dei consiglieri (e che sono a loro volta papà…), a Palagiano teniamo, in più rispetto al dato nazionale, pure i consiglieri bamboccioni.

  15. Onorato. Se mi dite chi siete potrò farci un pensierino.
    A proposito di Zorri, Batman e quant’altro, ma a Palagiano non ci sono già i supereroi? Non ci sono già i cavalieri dello zodiaco a proteggere i palagianesi?

  16. cari Indignati,
    volete spendere anche due parole circa la fontanella che c’è in piazza che stamattina PUZZAVA fortemente di piscio?
    volete spendere due parole sulle strade piene di buche e sporche?
    volete spendere due parole sulle bottiglie di birra rotte in piazzetta Don Donato Rota? e su quelle stesse bottiglie lasciate sui cigli dei marciapiedi?

    1. Scusa Pio IX, non sono mica gòli indignati gli amministartorti. Dovresti rivolgere agli inquilini del municipio le tue giuste lamentele.

      Zorri rassegnatevi, in presenza di questa accozzaglia morta (si sente il puzzo?), rappresentate la speranza… siete oramai i nostri supereroi.
      W gli Zorri (o Batmans)… abbasso i cavalieri dello zodiaco.

  17. Salve signori,
    sarebbe bello poter risolvere tutti i problemi di Palagiano con tanta facilità. Noi tutti sappiamo che Palagiano andrebbe stravolta ma purtroppo non basta solo segnalare. Certo è anche vero che il fatto di denunciare i fatti su di un sito dove forse non scriveranno tutti i palagianesi, ma che pare siano proprio in tanti a leggere, aiuta molto.A volte, si decide di non scrivere i propri pensieri su di un portale per paura di essere sotto il giudizio degli altri. Se noi abbiamo iniziato con ritardo a farlo è perchè eravamo assillati da questa stessa paura. Bhè, ora sappiamo che non è così, se si esprime un’opinione, si denuncia un fatto e lo si fa con onestà, la cosa non può che essere d’aiuto per se e per gli altri e di questo non si può che essere grati a Life. Signori sarà un caso, ma è bastato parlare di spazzatura anche solamente in tono ironico, scherzando come farebbero degli amici al bar e, come avrete già saputo, martedì mattina alle ore 6,00, pare che tutto il consiglio comunale, coordinato dalla teknoservice, si adopererà per la pulizia di canali e strade extraurbane. A questo appuntamento pare siano stati invitati tutti i cittadini che vogliano dare una mano. Naturalmente, chi dei nostri potrà (compatibilmente con il lavoro), ci sarà. Forse è un caso forse no, ma comunque è un primo passo. Certo, non è, e non deve essere una soluzione definitiva ma come inizio possiamo anche accontentarci. Poi bisognerà comunque vigilare affinchè la ditta appaltatrice si adoperi che tutto resti pulito e non ci si dovrà certo improvvisare di tanto in tanto a fare una spedizione di volontari per poter adempiere ad un compito che alla ditta spetta per contratto. Un appello lo facciamo agli amministratori ed in particolare al sig. Nardelli: cercate di far posizionare, così come dice Life, dei cassonetti nelle zone extraurbane, chissà se i cittadini “poco attenti” all’ambiente comincino a capire che l’immondizia non vada lasciata incustodita di qua e di là!
    Quello che tutti, e non solo noi, dobbiamo fare è non stancarci mai di denunciare ciò che non va, anche sapendo di trovarci difronte a dei muri di gomma. Con tenacia e perseveranza, ci riusciremo a cambiare le cose!!basta volerlo! E noi saremo sempre qui, ora anonimi, poi a volto scoperto!

    Con affetto__________________gli indignati

    P.S.: quelli dei nostri che non vedrete durante la pulizia dei canali, saranno travestiti da Tartarughe Ninjia

  18. No indignati, no! Scusate ma non sono d’accordo. Come puó soddisfarvi questa cosa? Che senso ha questa operazione? Ragioniamo: c’è la Teknoservice obbligata nei confronti del Comune di Palagiano con un contratto (peraltro onerosissimo); c’è un assessore che dovrebbe occuparsi di ambiente e decoro urbano; c’é un’amministrazione in affanno a causa di deleghe e compiti mal distribuiti (a dire di due consiglieri di maggioranza); c’è una città che vive una improvvisa ed indegna regressione verso una tendenza sciagurata (buttare per strada i sacchi di immondizia). E la “banda comunale” che fa? Una processione verso i canali comunali  a raccogliere sacchi di immondizia? Magari con telecamere a seguito? Ma mi dite a cosa puó servire? Una mossa propagandistica? Gli amministratori dovrebbero fare gli Amministratori, sbaglio? Ma volendo analizzare comunque i buoni propositi (telecamere a parte) mi vengono due possibili considerazioni: ripulire domani i canali per lasciare che qualcuno li riempia di nuovo dopo domani? ripulire i canali come risposta al peso di una responsabilità che l’amministrazione sente?che amaro destino per questo strano paese. Ieri passeggiavo per la nuova piazza di Palagianello. È vero l’erba del vicino è sempre più bella… ma da noi manca proprio l’erba dunque il confronto aihmè non regge proprio! Aiutiamoci…

    1. caro marcello mi permetto di dire la mia in merito a tutta questa storia della spazzatura a palagiano….. al momento non ne faccio un caso politico ma mi rivolgo a tutta quella gente che abbandona per strada qualsiasi tipo di rifiuto, bene , questa è gente che dovrebbe vivere nelle masserie anzi meglio negli ovili senza nulla togliere alla gente che ci vive già e che sicuramente in quanto a civiltà puo’ esserci maestra.
      Io abito in un condominio di palagiano e siamo stati dotati ognuno di ben 5 contenitori di rifiuti ma a quanto pare a qualcuno il fatto di dover scendere (in ascensore) e lasciare in contenitore giu’ per permettere agli addetti ai lavori di svuotarli, non gli sta bene.
      Ho scoperto l’altra sera ,mio malgrado, che una signora molto per bene (così si reputa) scende con la busta della spazzatura con all’interno qualsiasi tipo di rifiuto e inserisce la stessa busta nel primo contenitore che le capita, quindi con questo ti voglio dire che gli amministratori saranno pure come Dio vuole ma di gente di merda (vi prego tutti di scusarmi e di lasciarmi passare il termine visto che mi sto sfogando) in giro ce n’è tanta.
      Bisognerebbe invece trovare il metodo per vigilare meglio il territorio e multare salatamente queste persone.
      Da parte mia ti assicuro una cosa, se dovessi beccarla ancora andrò direttamente ai carabinieri a sporgere regolare denuncia e così dovrebbe fare qualsiasi altro cittadino che vuole bene a questo paese….in quanto ai ns cari politici ti rispondo semplicemente che li avete votati ed ora ve li tenete per i prossimi 5 anni…tanto loro non hanno nemmeno il coraggio di dimettersi….a presto!!

    2. Signor Marcello!!! sono d’accordissimo con quanto da lei scritto, solo una piccola correzione, i consiglieri “sine qua non” sono alkmeno tre!
      Gli amministratori devono fare gli amministratori!!! Non faccaiamoci “infinocchiare” da quest’operazione di facciata.
      Alle ore 0600, cari signori amministratori ritrovatevi negli uffici comunali e studiate le soluzioni del problema… il lavoro di pulizia lasciatelo fare agli operai della teknoservice… che il loro lo sanno fare a differenza vostra! Ad esempio avete deciso, recentemente, di “allargare” la z.t.l. di Corso Vittorio Emanuele. Bene, durante tale orario ritroviamo automobili tranquillamente parcheggiate, ma (non c’è mai fine allo scempio), nessun vigile urbano s’ accorge, quando vanno a posizionare le transenne, di fare il proprio dovere… sanzionare i trasgressori!(…quando decidete di fare queste castronerie, se avete qualche briciola di coscienza civica, dovreste verificare di persona le conseguenze dei vostri atti e… controllare anche chi non fa il proprio dovere!)
      Dico poi, uno deve per forza pensare a male. Forse quest’ordinanza è necessaria per agevolare qualcuno?
      I cittadini in questo paese che ruolo occupano, quale priorità hanno?
      Caro Sindaco?
      Lei che durante la campagna elettorale decise di mettere l’uomo al centro…
      le stelle ancora cadono…
      lo esprima il desiderio!

      Signor Julio, mi permetta, lei ha già sbagliato!!! Non doveva aspettare la prossima volta.

      p.s. Amministratori sappiate che i bambini della piazza, compresi i miei tre figli, vi ringraziano per… l’enorme spazio a disposizione, da un lato il bar Mincuccio che ne occupa quasi la metà, dall’altro la pizzeria…
      Ah, che sciocco, ecco cosa non capivo: noi non siamo cittadini, siamo consumatori.
      Mi scusino signori!!!

    3. … dimenticavo…
      abbasso i cavalieri dello zodiaco e pure le tartarughe Ninjia!

    4. salve sig. Marcello,
      parole sacrosante le sue! La nostra non vuole essere una giustificazione nei confronti dell’amministrazione. Assolutamente no e ci teniamo a ribadirlo. Infatti, come lei avrà letto, noi sosteniamo si dovrebbe rendere necessario il controllo del territorio per far si che rimanga pulito, e non certo con delle spedizioni volontarie a scadenze, magari mensili, ma con l’obbligo, della tecknoservice affinchè faccia il proprio dovere.
      E’ fuori di dubbio che non si possa demandare alla buona volontà dei cittadini, qualcosa che da contratto spetta o “dovrebbe” spettare alla ditta appaltatrice. Diciamo “dovrebbe” perchè non conosciamo i termini del contratto ma, è naturale che se lo stesso non preveda questo, beh, sarebbe il caso di rivedere le cose!
      Se noi parliamo di un “caso” o no che dopo questa lunga discussione si sia giunti a questa “pulizia”, ciò dimostra che forse si siano resi conto, pur continuando ad ammettere il contrario, che la cosa proprio non vada. Il metodo poi potrà anche essere discutibile ma di certo questo atteggiamento denuncia un’involontaria ammissione di colpa…probabilmente senza neanche rendersene conto e, questo certo non ci meraviglia.
      Molte volte si cerca di non attaccare appieno in quanto vorremmo evitare di essere accusati di parlare solo per partito preso. E’ ovvio che le pecche ed i limiti di questa amministrazione noi li conosciamo tutti.

      Con stima_________________gli indignati

  19. mi ricollego al post di julio perchè ha colto nel segno quello che è il problema della cittadinanza e dei suoi amministratori.
    quando un insegnante INSEGNA (scusate il giro di parole) ai propri alunni a sbagliare (o non insegna nulla), è normale che in una comunità vi sia un elevato numero di “capre”.
    più volte ho ribadito come la totale assenza di una campagna di sensibilizzazione promossa dagli amministratori sulla salvaguardia del bene comune, avesse portato la gente a fare i propri STRACAXXI in tutto…a partire da chi, ristrutturando le case MANGIA i marciapiedi, a chi non rispetta le semplici norme igieniche pisciando nelle fontane a chi in casa non fa raccolta differenziata, a finire a chi, fumando sulle spiagge si sente in diritto di spegnere i propri mozziconi nelle acque del mare dove poco dopo i propri figli vanno a nuotare.

    la sensibilità e la cultura della gente vanno praticate attivamente..e in questo, ahimè,il nostro comune LATITA!
    infondo si dice TALE PADRE, TALE FIGLIO…

  20. I problemi di “educazione ambientale” che state qui raccontando si sono anche avuti nella città in provincia di Torino dove adesso vivo, non è un problema di Palagiano ma è il modo di agire di gente che ignora l’importanza di fare una giusta raccolta differenziata e di tenere pulito l’ambiente. Sicuramente ci deve essere una maggiore propaganda da parte dell’amministrazione comunale (qui hanno mandato e mandano periodicamente in ogni casa il resoconto, le regole, gli avvisi se sbagli a far qualcosa..) e sanzionare chi commette i fatti raccontati nel post che è sempre stata sottovalutata (vi ricordate come era zona San Marco una 15 anni fa? la discarica dei palagianesi). Ma ognuno devi darsi da fare, aiutare magari chi non sa e fargli capire dove sbaglia. I miei genitori appena hanno iniziato a fare la raccolta sapevano già perchè lo fanno qui a Torino quando vengono a trovarmi, spiegato e rispiegato diverse volte e hanno 70 anni… Educazione e rieducazione, far capire che più si differenzia meno va all’inceneritore che è dannoso ai livelli dell’ilva. Tocca agli amministratori e tocca ai palagianesi. E se ognuno vede e denuncia ai responsabili quello che non va magari le cose cambiano. Solo le chiacchiere non servono.

    P.s. Ho comunque visto la % che avete raggiunto e siete quasi al 50%. Queste percentuali qui al nord si sono raggiunte dopo quasi 2 anni, secondo me sono ristretti i casi di cattiva raccolta. Continuale così!

    P.s.2 Ma non c’era un’azienda della zona che potesse sfruttare i rifiuti per reciclarli? TecnoService è di Piossasco (TO), camionate di rifiuti che si fanno 1000 km..

  21. Più di qualche commentatore ha sostenuto, casomai il lancio della spazzatura fosse disciplina olimpionica, che avremmo contribuito, da palagianesi, a rimpinguare il bottino di medaglie azzurre. Dopo aver letto i commenti, e anche il post di partenza, suggerisco di non sottovalutare un’altra specialità nella quale indubbiamente eccelliamo: il lancio della minchiata.

    Mi spiego meglio, anche per evitare di risultare offensivo.

    Mesi e mesi di discussioni e polemiche su questo sito, tra i due forse unici palagianesi che si son letti integralmente il bando di gara ed un ex sindaco che scriveva senza neanche comprendere di cosa stesse parlando, possono magari dare l’impressione che si tratti di “scontri tra fazioni politiche”, ma solo a chi non ha nessuna voglia di farsi un’idea sull’argomento. Un’idea che non risulti campata in aria, s’intende.

    Non se la prenda il commentatore che scrive da Torino se utilizzo due sue affermazioni gratuite per evitarmi di dover ripercorrere l’intero corso di questa ennesima “discussione”, ma si può davvero pensare di risultare credibili affermando che un inceneritore inquinerebbe quanto l’ILVA e che la TeknoService, essendo di Piossasco, faccia compiere ai rifiuti palagianesi mille km di viaggio?

    Mi dispiace, ma siete tutti rimandati a settembre. Intanto vedete di studiare.

    Mimmo Forleo

Lascia un commento