Quando si parla di ILVA, il pensiero non può che andare alle numerose vittime degli incidenti sul lavoro dello stabilimento siderurgico di Taranto, spesso fatali, occorsi anche a cittadini palagianesi.

In memoria di quei lavoratori – e in segno di rispetto del dolore delle loro famiglie – il Presidente del Consiglio Comunale, Francesco Carucci, ha chiesto all’Assise e al pubblico presente di raccogliersi in un minuto di silenzio.

Si è aperta così l’adunanza monotematica di Consiglio Comunale tenutasi martedì 17 ottobre nell’Audutorium dell’Istituto “Bellisario-Sforza” per discutere di quanto sta avvenendo nelle ultime settimane in ILVA ed essere vicini ai lavoratori.

Dopo la puntuale illustrazione dell’argomento da discutere e dell’atto da adottare da parte del Sindaco, Domiziano Lasigna, diversi sono stati gli ospiti intervenuti. Tutti con argomentazioni più che apprezzabili: Antonio Talò e Giuseppe Romano, rispettivamente segretari provinciali dei sindacati dei lavoratori UILM e FIOM; Gaetano Stellaccio in rappresentanza dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Taranto; Michele Labalestra e Gianfranco Lopane, rispettivamente sindaci dei comuni di Palagianello e Laterza; rappresentanti di associazioni locali, lavoratori Ilva e anche alcuni cittadini.

Altrettanto opportuni e fondamentali gli interventi degli assessori e dei consiglieri comunali di Palagiano: in particolare della dott.ssa Annamaria Moschetti, assessore all’ambiente e da sempre impegnata nelle questioni ambientali e sanitarie legate all’ILVA di Taranto, e del consigliere Rocco Forleo, quest’ultimo impiegato nello stabilimento siderurgico tarantino.

Il Consiglio Comunale è stato convocato con l’obiettivo di formulare un invito alle Istituzioni preposte a favorire una soluzione ottimale e condivisa, considerando i profili ambientali e sanitari ed il necessario ripristino dei livelli salariali e occupazionali.

In tal modo la massima Assise cittadina, con l’atto adottato, ha potuto deliberare “la formulazione di un accorato invito rivolto a tutte le Autorità preposte ad attivarsi, per quanto di propria competenza, a porre in essere tutti gli strumenti necessari alla salvaguardia dei posti di lavoro e di tutti i diritti maturati in capo ai lavoratori sin dall’instaurazione dell’originario rapporto di lavoro, alla tutela della salute dei lavoratori e di tutti i cittadini del territorio jonico, alla tutela dell’ambiente, nonché alla salvaguardia e al miglioramento delle condizioni di sicurezza dei luoghi di lavoro secondo le vigenti norme in materia”.

Il Sindaco, il Presidente del Consiglio, i consiglieri comunali Patrizia Rollo, Salvatore Pulimeno, Maria Abbate, Rocco Forleo, Vito Pesare, Antonio Caforio, Imma Casamassima, Mino Perniola – per le forze politiche di maggioranza – e Donatello Borracci, Francesco Mancini, Francesca Pucci, Alessandro Scalera – per le forze politiche di minoranza – hanno inoltre deliberato all’unanimità di inviare l’atto approvato al Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti, a S.E. il Prefetto di Taranto, al Governatore della Puglia, al Presidente della Provincia di Taranto e al Sindaco di Taranto.

Assolutamente concordi con le scelte adottate dall’Assise i consiglieri Michela Maniglia (di maggioranza) e Ciccio Serra (di minoranza) costretti ad abbandonare precedentemente l’assemblea per sopraggiunti impegni personali.

Il Consiglio Comunale di Palagiano, almeno sinora, è stato l’unico in provincia ad aver preso l’iniziativa nell’intento di essere solidale con i lavoratori del territorio jonico che, quotidianamente, vivono le difficoltà di un’occupazione dalla dubbia stabilità.

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento