Ecco il poker. I campioni d’Italia del Dream Team Comes piazzano la quarta vittoria in quattro giornate e continuano a tenere la testa al campionato di serie A1.
Sul parquet del Quartu Sant’Elena arriva un’altra netta vittoria: 78-54 il risultato finale in favore degli ionici, trascinati ancora una volta dai canestri di Dirk Passiwan.

I 37 punti della stella tedesca però non traggano in inganno: la vera forza degli ionici è apparsa ancora una volta il gruppo: grande il lavoro dei lunghi per aprire varchi al pivot di Treviri, ottima la regia di Jamie Mazzi, sempre più inserito nei meccanismi di coach Egidio L’Ingesso.

La partita.
Coach L’Ingesso parte con Mazzi in cabina di regia, Miceli fuori dal perimetro, Dror, Passiwan e Di Bennardo sotto le plance; Emanuela Comella risponde a sua volta con i tre lunghi Curle, Erben e Nortje, mentre sugli esterni lavorano Canu e Jimenez.
I sardi sono da subito molto aggressivi anche se sembrano patire la mancanza di un regista puro (a portare la palla è spesso Nortje).
Dopo pochi minuti di gioco Taranto passa alla zone-press e piazza il primo break del match grazie a Dror, ottimo sotto canestro, e Mazzi, implacabile nel perimetro (15-24). Sant’Elena cerca di rispondere con Nortje, sul quale difende bene Passiwan, ma chiude il primo parziale sotto di undici (19-30).

Nel secondo quarto gli isolani iniziano a trovare i canestri di un Curle in crescendo e si rifanno sotto nel punteggio, ma Taranto non molla. Il terzo fallo di Dror da spazio a Jacob Counts, subito in partita; Di Bennardo tiene benissimo Erben ed apre spazi per le penetrazioni di Passiwan, che permette agli ionici di andare all’intervallo lungo con un discreto margine di vantaggio (34-44).
Al rientro in campo il BA.D.S. si gioca il tutto per tutto: Curle, ancora letale dal perimetro, accorcia le distanze fino al -6 sardo (44-50) ma nel momento più difficile in casa Dream Team sale definitivamente in cattedra Dirk Passiwan: il talento tedesco sfrutta alla perfezione il grande lavoro di Counts e Di Bennardo porta nuovamente Taranto a distanza di sicurezza (48-63).
L’ultimo periodo è quasi senza storia: Sant’Elena, dopo aver accarezzato l’impatto e nonostante il pressing a tutto campo, si fa staccare definitivamente dal grande finale ionico; le uscite per falli di Counts e Dror sono compensate dagli ottimi ingressi di Latagliata e Stella, il parziale dell’ultimo periodo è un implacabile 15-6 e quello dell’incontro 78-54.
Taranto espugna il Palazzetto dello Sport sardo e conquista la sua quarta vittoria consecutiva.

fonte: www.dreamteamtaranto.it

Autore Piero Cinieri

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento