Cultura,  Provincia

Due pugliesi ambasciatori della musica italiana nel mondo

1655280_623281414387988_928181435_o

Martedì 8 luglio la presentazione del progetto alla Libreria UBIK di Taranto

Ad Istanbul il 10 luglio l’Italia sarà rappresentata da due artisti pugliesi doc.

Il cantante e attore di musical Graziano Galatone e il chitarrista Martino De Cesare, nell’ambito del progetto “Portaparola” realizzato dall’Associazione Culturale “Ambasciatori in Musica” fondata e diretta dal giornalista Sandro Petrone in collaborazione con il Ministero degli Esteri, approderanno infatti al Teatro della Casa d’Italia per un concerto che celebra anche l’avvio del semestre italiano di presidenza della UE.

Ambasciatori della musica e della cultura italiana i due pugliesi presenteranno nel corso di una conferenza stampa che si terrà martedì 8 luglio nella sala lettura della Libreria UBIK in Via Di Palma a Taranto, il loro progetto “Vibrazioni Mediterranee” adottato dall’Istituto Italiano di Cultura come tra quelli più rappresentativi della radice musicale comune tra le due sponde del Mediterraneo.

Canteremo, anche grazie alla maestria di due artisti come il percussionista Paki Palmieri e il bassista Daniele Branca, il nostro Sud e un po’ della nostra Puglia – dice Martino De Cesare – e lo faremo raccontando anche il mistero e la storia attorno al mito della Taranta e dei canti popolari e folkloristici dell’Italia meridionale. Un onore per noi rappresentare l’Italia e la Puglia, ma anche essere nel cast di un progetto che annovera tra gli ambasciatori musicali italiani personalità artistiche come Edoardo Bennato, Patrizia Laquidara o Enzo Gragnagniello.

Nel programma dell’evento in Turchia oltre alla musica popolare con le pizziche e le tarantelle del Gargano e del Salento, anche un omaggio a un grande della canzone italiana, il pugliese Domenico Modugno.

Foto del profilo di Facebook

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento