Grande successo per l`iniziativa popolare che ha coinvolto centinaia Di cittadini nel chiedere che il Sindaco proceda nelle nomine assessorili per autocandidatura.

Un tavolo, un manipolo Di ragazzi convinti e volenterosi, e duecento firme raccolte in una sola giornata, cosa rara da vedere a Palagiano: neppure per le amministrative in cui ognuna delle sedici liste doveva raccogliere minimo duecento sottoscrizioni alla presenza Di un consigliere comunale, Si é visto prendere le firme in pubblica piazza (chissa come mai).
Tantissime le persone che ci hanno ringraziato per aver avuto il coraggio Di proporre questa iniziativa in questo paese da troppi anni schiavo del clientelismo e del personalismo.

La loro forza ci da ancor piu la convinzione Di saltare gli ostacoli dei soliti partitocrati o trombati Di turno che, come cani a cui Si toglie l osso dalla bocca, accusano la nostra iniziativa Di essere “non rappresentativa, popolulistica, inutile, utopistica”; “quella Di un assessore nominato per lista é una regola non scritta, ma anche quelle Si rispettano”.

Peccato che quelle scritte non le rispettano.

E in questo caso l`unica scritta é quella che prevede il potere assoluto ed esclusivo del Sindaco Di scegliere gli assessori. Ora invece scopriamo dall`ammissione scritta pubblicamente su Palagiano.net da un candidato, che addirittura c` era un accordo sottoscritto da tutti i candidati della coalizione Tarasco, secondo cui gli assessori sarebbero stati solo interni, uno per lista e scelti tra i primi dei non eletti a scalare.
Di fronte a questo ricatto, dal nesssun valore giuridico, noi vogliamo invece aiutare il Sindaco ad essere libero e scegliere, chi vorra, ma tra piu quanta gente possibile, e secondo i criteri che lui ritiene.

Per questo  ci dispiace che da piu Di una settimana, mentre noi cresciamo, il Sindaco continua ad ignorarci. persino ieri sera mentre centinaia Di cittadini erano in fila per firmare, il Sindaco era in riunione per trovare la quadra secondo quegli accordi, nel chiuso Di una stanza comunale, quelle solite stanze dei bottoni e della spartizione partitocratica che noi vogliamo aprire alla partecipazione e alla trasparenza. ci aspettavamo invece sarebbe sceso tra noi in quell assemblea pubblica in cui abbiamo dialogato con i cittadini pieni Di interesse e voglia Di spendersi per la collettivita, non la claque con cui Si fingeva Di confrontarsi in campagna elettorale.

Stride a tal proposito anche il silenzio delle sedici liste candidate, come se una proposta politica che viene invece da liberi cittadini, non fosse meritevole Di risposta. O forse proprio per questo?

Tra la altro siamo gli unici da quindici giorni ad averne fatta una.
Noi a questo punto andremo dal Sindaco a consegnargli e firme. I cittadini meritano una risposta.

Annarita Digiorgio

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

39 pensiero su “Duecento cittadini chiedono una risposta dal Sindaco”
  1. “La loro forza ci da ancor piu la convinzione Di saltare gli ostacoli dei soliti partitocrati o trombati Di turno che, come cani a cui Si toglie l osso dalla bocca, accusano la nostra iniziativa Di essere “non rappresentativa, popolulistica, inutile, utopistica”…”

    Buona fortuna e speriamo che il sindaco non abbia letto questo comunicato, in particolare il pezzo citato sopra. Durante la campagna elettorale si è detto scandalizzato al solo apparire della parola “guerra”, e forse avrà pensato che il cognome “Serra” stesse ad indicare il nome di una potenza a lui ostile. 😀

    Mimmo Forleo

  2. Potrei essere anche tentato nel dire che questa iniziativa portera’ un reale effetto positivo alla politica palagianese,pero’ mi chiedo come mai nessuna coalizione dica sin dall’inizio quali saranno gli uomini designati alle cariche assessorili.Pertanto io credo fermamente che non sia un’iperbole dire che il periodo post-voto sia piu’ calciomercato che convocazione in nazionale.
    Service public

  3. Quello che sta succedendo in queste ore nella ” camera dei bottoni” e’ un deja vù!
    Gia’ visto, gia’ sentito, da anni, da secoli.

    Cio’ che state facendo Voi e’ gia’ nella Storia di questo paese.

    Non fermatevi!

    Life.

  4. hhahahahahah Life bellissima l’intestazione… io ci vedevo meglio Annarita a fare:”Questa è Palagianoooo” buttando tutti i politici ABBASC A MSCEDD 😀 😀 😀 😀 hahahah rido da solo!!!!

  5. La cosa che deve far riflettere e che tra noi, che abbiamo organizzato in due giorni la raccolta firme, ci sono ragazzi che hanno votato a destra, ragazzi che hanno votato a sinistra e ragazzi che non hanno votato proprio. Su questa cosa “i grandi” dovrebbero fermarsi e (modestamente) prendere esempio da noi. quando ci sono in gioco la legalita’, la trasparenza e la voglia di cambiare, le bandiere e gli schieramenti politici non esistono. un abbraccio e grazie di cuore

  6. Ariel, non ti conosco perchè dal nick non ne dai nemmeno modo, ma da una tale affermazione posso dire che nonostante l’82 (saranno i tuoi anni???!!! o forse il tuo anno di nascita???!!) sei ancora troppo piccola… tra coloro che sostengono l’iniziativa ce ne sono molti che fortunatamente, soprattutto per il periodo che attraversiamo, un lavoro ce l’ha… parlo di me, di Cecilia, di Mariano e di tanti altri… alcuni anche con CV di un certo livello… poi insieme a tanti che hanno la fortuna di lavorare, ce ne sono altri che tale fortuna non ce l’hanno, ma non per questo devono essere tacciati come coloro che cercano solo un lavoro e basta da tale iniziativa… tu piottosto cosa vuoi fare nella vita???!!!

  7. Probabile, le statistiche ci dicono che al sud oltre il 40% dei giovani cerca il posto di lavoro.

    La percentuale aumenta se si tiene conto che molti non sono nemmeno iscritti nell’ufficio di collocazione.

    Il dato, ci dicono sempre, e’ tendente all’aumento.

    Il ministro Passera ieri era preoccupato.
    Il ministro Fornero e’ alla continua ricerca di una vera riforma del lavoro.

    I sindacati sono sul piede di guerra.

    Una parte del PD e’ stanco del governo Monti e chiede le dimissioni ( dove l’ho gia’ sentita?)

    L’Italia sta andando a rotoli.

    E’ vero, quindi, i giovani di Palagiano cercano lavoro e basta!

    Ma il dato ancora piu’ terribile e’ che…

    LO CERCANO ANCHE I GRANDI!

    Life.

  8. Cari amici sono Giulio RESTA e sono il primo dei non eletti tra i candidati nella lista di Palagiano in Crescita. Apprezzo la Vostra iniziativa e sarei pronto ad appoggiarla li dove ci fosse qualcuno che mi spiegasse come realizzare concretamente questo progetto. Cara Annarita come per altre cose…… è molto semplice fare proposte belle, ma bisognerebbe nei minimi dettagli spiegare come attuarle. Ritornando a questa proposta qualcuno dovrebbe spiegare a cittadini ed ancor di più a chi a presentato i curricula quale metodo di valutazione dovrà essere adottato per la scelta degli assessori. A mio modesto parere il Sindaco non ha le competenze per valutare i curricula dei professionisti (ingegnere, Agronomi, Commercialisti ecc.) in modo adeguato rispetto ai singoli incarichi assessorili che dovrà assegnare. Sicuramente riuscirebbe a valutare curricula medici dato che è un eccellente dottore prima che Sindaco. Per cui se qualcuno mi dice quale metodo di valutazione sarà adottato io sono con Voi. Questo metodo, così impostato, se pur apprezzabile ed innovativo, spero che non celi la solita distribuzione di incarichi “a gli amici degli amici”. Ciao Giulio RESTA

    1. caro giulio, se vai qua in la nei commenti credo Di aver risposto non so quante volte a questa domanda, che poi é Ben specificata nel testo dela petizione.
      la proposta non e Di fare una selezione su base curricolare. nessuno puo sostituirsi al sindaco o dirgli in base a cosa deve scgliere i suoi assessori. nessuno apounto, ne i firmatari, ne le liste elette. e per assurdo lui puo nominare 5 capre, nessuno puo limitargli la liberta Di farlo.
      la pdoposta e’ altra. che Si scelga tra le autocandidature pervenute. quindi, per dire, qualora venisse accettata, il sindaco potrebbe comunque nominare sempre quelle 5 capre, ma anzicche scegliere tra 5 amici degli amici, o 5 nomi imposti dale liste, potrebbe scegliere tra tutteble candidature pervenute, anche Di gente libera e slegata da logiche Di lista o conoscenze. e in piu noi conosceremmo non solo chi ha nominato, ma anche chi ha scartato.
      non gli Si chiede quindi Di valutare curricula Di professionisti, medici o altro in base a determinati criteri. perche i criteri puo sceglierli e definirli solo e soltanto lui. potrebbe anche scegliere su cv politici, o cio che crede. questo del curriculum e un termine a cui.ci siamo.legati per convenienza comunicativa, ma ho.ripetuto come e scritto nella proposta che Si puo mandare cv, un.idea, un.progetto, un video, una relazione politica, cio che Si crede. l importante è presentarsi e autocandidarsi in.maniera trasparente.
      grazie giulio per la tua ingerlocuzione, sei l unico candidato della.coalizione tarasco insieme a pichierri ad esserti.espresso. spero il.dialogo.continui.

    2. per farvi un esempio, il lavoro che sto facendo da stamattina.
      in parlamento stanno decidendo le nomine per l agcom. siamo riusciti a farle fare per cv, ma questi hanno imposto la segretezza. cosi non serve a niente, perche se noi non li conosciamo, possono dirci cio che vogliono. e allora da stamattina stiamo sbianchettando dati sensibili per metterli online http://agoradigitale.org/opennomine-i-profili-dei-candidati-agcom-privacy-liberati-voi

  9. Ciao Giulio, sono d’accordo con te sul fatto che la cosa non sia facilmente realizzabile, soprattutto con i tempi ristretti in cui dovrebbe attuarsi… in tempi non sospetti avevo avanzato l’utopistica idea di avere delle coalizioni che ancor prima di presentarsi agli elettori avessero ben chiari i nomi degli assessori da nominare in caso di vittoria, il che avrebbe avuto come effetto quanto meno quello di evitare di parlare a posteriori, come accade in questi giorni, di nomine dettate solo da intrigi di palazzo… l’iniziativa vuole essere un modo per smuovere le coscienze, per far capire a chi dovrà amministrarci che sarà sempre sotto la lente di ingrandimento dei cittadini, di cittadini attenti e critici nei confronti delle decisioni che saranno prese… critici non nel senso di “pronti alla critica” su tutto a prescindere, bensì ad una critica costruttiva… e l’intento è proprio quello di evitare, come tu suggerivi, di distribuire incarichi ad amici di amici… comunque su questo tema il tempo sarà galantuomo e magari ne riparleremo non appena tutti saranno soddisfatti dalle trattative in corso e finalmente usciranno i fatidici nomi… spero vivamente di sbagliarmi per il bene del paese, ma dirò l’ultima nel momento in cui conoscerò chi sarà messo su questa o quella poltrona…

  10. Bravo Giulio, cosi si fa!
    Si entra in discussione, ci si confronta, si cercano soluzioni.
    Davvero ho apprezzato molto il tuo commento.

    Ci chiedi come farebbe il Sindaco a scegliere i suoi assessori.

    Secondo me, non di certo affidandosi alla casualita’ nominandoli 1 per ogni partito!

    Non affidandosi certo alla lotteria di nominarli fra i primi non eletti ( che cosi’ sarebbero “premiati” rispetto a chi, poveretti, hanno avuto piu’ voti di lui!)

    E qual’e’ il metodo migliore?

    Credo che come sempre un cocktail di buon senso, di onesta’, di attenzione (serena) nell’individuare l’Uomo giusto al posto giusto sia il metodo piu’ efficace

    Di certo non potra’ essere esclusivamente un “politico” altrimenti la Legge avrebbe assegnato “automaticamente” l’incarico ai politici, cioe’ agli eletti o a tesserati di partito.

    Annarita ha scritto chiaramente che il Sindaco e SOLO il Sindaco potra’ scegliersi chi gli
    pare.E ci mancherebbe!

    Ovviamente fra chi si vorra’ proporre.

    Come si puo’ proporre un’ eventuale candidato?
    Con Curriculum, scrive sempre Annarita, con proposte scritte, con video, come ritiene piu’ opportuno! L’importante e’ che venga fatto “alla luce del Sole”.

    Dove la troviamo la “visibilità” e la trasparenza?
    Nel Web, appunto,nel luogo da tutti facilmente accessibile.

    “Allora, se sara’ sempre il Sindaco, tutto ‘sto casino per nulla”, puo’ pensare qualcuno…

    Invece no, perche’ la differenza e’ palese soprattutto a chi in questi giorni sta vivendo la politica secondo criteri di scelta “standard”!

    Come e’ sempre stato: con accordi a tavolino.
    Be’, altrimenti la squadra era gia’ formata, ovvio!

    Ora ti va di dirci,secondo te, quale sarebbe il “metodo” di giudizio piu’ giusto?

    Ancora complimenti per “averci messo la faccia”.

    Life

  11. Ma quanti curricula sono stati presentati, e a chi?
    E se sono stati presentati, perchè non vengono pubblicati?
    Li conserva tutti la signora annaritadigiorgio o sono in campagna da life?
    Sono stati fatti leggere al sindaco?
    Ma l’esecutivo lo vedremo nascere dopo l’esame dei curricula o se ne farà uno provvisorio per poi essere sostituito da “quelli dei curricula”?

    1. elena, ovviamente i firmatari non sono Di forza i candidati. fin ora non ho raccolto nessun curriculum, siamo in fase Di proposta e dialogo. se rrivano ve li segnalo.

  12. Caro life,
    perchè “Ovviamente fra chi si vorra’ proporre”?
    Se il sindaco ritiene di nominare uno, due, tre di sua fiducia non potrà farlo perchè non si è proposto?

    1. se il sindaco vuole nominare persona Di sua fiducia, e cosi é per legge, se accetta.la nostra proposta fa mandare loro la presentazione come tutti gli altri. puo anche non farlo, tanto poi conunque sarebbero obbligati da legge a farlo una volta nominati.

    2. Cara Elena,

      1) I CV non sono in rete perche’ NESSUNO li ha messi ancora in rete.

      Dimmi di grazia,
      se il Sindaco non accetta la proposta che li mettono a fare? (In campagna, per ora, ci sono solo cani e gatti ma stiamo pensando ad una mucca!):Pleasure:

      2) Il Sindaco DEVE nominare chi ritiene di sua fiducia… e’ questo il bello!

      Be’ piu’ chiaro di cosi!

      Life

  13. Cari annaritadigiorgio e Life, voi come li considerate i signori Resta Pichierri, dei trombati o dei candidabili alla carica assessorile?
    O, come scrive il signor Mariano Goffredo, sono da buttare “ABBASC A MSCEDD” perchè hanno avuto l’ardire di candidarsi e fare politica?
    E se non hanno l’audacia di presentare il curriculum, il coraggio nell’essersi candidati può significare qualcosa?
    Addirittura life li giudicherebbe “poveretti” perché hanno preso meno voti di altri e non vorrebbe fossero “premiati”!
    Quindi, signori Resta e Pichierri, pur animati da buona volontà non potrete essere nominati assessori!
    Così ha deciso la carica dei 200…
    E se per caso verrete nominati assessori, sarete tacciati di essere dei “premiati”!

  14. Be’, io penso che i signori Resta e Picchierri sono abbastanza capaci di “saper” leggere cio’ che sto (stiamo) dicendo.

    E sono sicuro che sono in grado di saper scrivere liberamente.

    Mannaggia a te!

    :Beer:

  15. Elena vorrei sottolineare che la mia era solo una battuta… accidenti qui si prendono sul personale ogni singola parola che si dice… su ragazzi rilassatevi…noi non chiediamo come la lega la rivoluzione… vorremmo solo una cosa: TRASPARENZA!!! non ci sono secondi fini, non ci sono “quelli di Serra” che vogliono fare dispetti… qui c’e’ gente comune… gente che ha voglia di vedere confrontarsi i palagianesi su questioni politiche non solo durante il periodo elettorale ma sempre… controllate i dati di palagiano.net durante il periodo elettorale e controllatelo ora… controllate i vari gruppi di facebook… ricevevo 20 notifiche al giorno…ora il nulla…. Ecco…per me questo e’ sbagliato…passare da un eccesso all’altro… ricordate che se ci sono 100 occhi puntati su di un politico difficilmente sbagliera’….

  16. Caro life ringrazio te e Annarita per i complimenti, ma non ritengo di aver detto o fatto nulla per meritarli.
    Detto questo vorrei rispondere alla tua domanda in merito a quale il metodo di giudizio più giusto per la valutazione dei curricula e quindi la nomina degli assessori .
    Sicuramente io sono la persona meno adatta per dare un metodo, in quanto questa proposta non è nata da me.
    Perdonate se ripeto quanto ho già detto, ma ritengo che ogni buon progetto debba essere supportato dalla fattibilità dello stesso. Cosa che in questo progetto io non vedo.
    Avete detto tanto, avete detto a ragion veduta, che il Sindaco può fare e disfare a suo piacimento…GIUSTO, ma nessuno mi ha concretamente detto come attuare questo progetto.
    Caro Life l’unica cosa che posso dire è che correttezza vuole in ogni partita che si rispetti le regole del gioco vengono stabilite prima e non in fase di gioco o alla fine dello stesso. Ciao Giulio

    1. giulio, l ho detto dall inizio. chi vuole Si autocandida presentandosi con cio che ritiene opportuno per essere selezionato. il sindaco poi decide se farsi coadiuvare dai consiglieri, dai segretari Di partito, dai dipendenti comunali, dai suoi amici, da una commissione, da solo, e secondo i criteri che crede procede. non e difficile, non complichiamo le cose. la scelta e’ politica. se Si vuole, Si puo fare.

      le regole del.gioco giulio, per questa cosa qui, non Si possono stabilire ne.prima ne dopo. senno ricadi come quella tizia li, nella storia delle regole non scritte. qui l unica regola che vale e quella che vuole il potere assoluto del sindaco nella nomina.
      mi spiace dirvelo, ma quell accordo che vi hanno fatto firmare.prima è carta straccia.
      la nostra.non e una.regola, ne un.ricatto. é un.metodo. solo questo.

  17. Occhio life, gli scritti restano! Sei tu che affermi implicitamente che sono “poveretti” perché hanno preso meno voti di altri e non vorresti che fossero “premiati”!
    Scusa Mariano!

  18. Elena mi sa che su questa faccenda sei troppo “dentro” per essere obiettiva, non credi?

    Rilassati che la vita e’ bella.

    Non preoccuparti, tanto le cose andranno come devono andare.
    Non succedera’ nulla di cio’ che temi.

    O no?

    Life

  19. Assolutamente… sto troppo fuori e voglio troppo bene al mio paese!
    Ecco perché vi esorto a proporre qualcosa di utile per cambiarlo in meglio…
    Il sindaco può poco, ricorda la canzone di quel comizio “io sono ancora qui!”… ed è proprio così caro life.
    O no? Cara annaritadigiorgio (tu che sei troppo dentro ma non lo dai a vedere)
    O no? Caro Resta (tu che sei troppo dentro)
    O no? Caro Pichierri (tu che eri troppo dentro)

    1. Lo giuro!
      A me piace l’iniziativa di Luce&Sale, qualcosa di concreto per la comunità, l’inizio di un nuovo modo (le foto che documentano e… magari i filmati che riprendono gli incivili) di essere collaborativi, chiunque amministri.
      I curricula servono a proporsi nel mondo del lavoro, per proporsi nel mondo dell’amministrare, occorre mettersi in gioco Politicamente.
      Vuoi vedere che il dottor Cervellera è stato bocciato dai cittadini e ce lo ritroviamo con deleghe al seguito?!
      Concordo con servizio pubblico!
      Se magari tu, la signora annaritadigiorgio e quanti con voi d’accordo avete delle idee per migliorare il nostro paese, tiratele fuori!
      Qualcosina io l’ho postata… ne può fruire qualsiasi assessore e/o consigliere comunale di buona volontà.

  20. Piu’ leggo i commenti e piu’ mi convinco che questa iniziativa sta assumendo le connotazioni di una casa ,infatti ci mostrano i mattoni di cui e’ fatta.Ne decantano le dimensioni e la forma di questi mattoni e ce li presentano come qualcosa di perfetto visto che hanno in possesso tutte le loro caratteristiche che una casa debba avere,ma c’e’ una cosa che non ci vogliono far vedere:il suo mattone da un’altra angolazione.I cittadini si aspettano qualcos’altro,non vogliamo la sensazione che ci sia la politica a palagiano,vogliamo gli effetti reali sul paese.Cari amici nel curriculum potrei avere 1000 referenze sul campo,ma la referenza piu’ importante ovvero quella della credibilita’ ,te la possono dare solo i palagianesi,perche’ e’ vero chi meglio di un tecnico puo’ dirigere bene una carica assessorile il problema e’ che ci vuole un voto di garanzia dei cittadini, ecco perche’ ho sempre sostenuto che le coalizioni dovevano far conoscere i propri assessori sin da aprile cosicche’ si potevano sviscerare realmente i punti del programma conoscendo anche le persone che li avrebbero attuati.
    Servizio pubblico

    1. Giusto, la referenza più significativa è quella che hanno decretatto i palagianesi!
      E mi ripeterò fino alla noia: il dott. Vito Cervellera (e non me ne voglia se riporto fatto oggettivi), fisico, scacchista, cavaliere del lavoro, ecc… è stato ritenuto dai palagianesi non adatto ad amministrare il nostro paese…
      Ce lo ritroveremo con qualche delega?!
      Magari alle prossime amministrative riuscissimo a scegliere un programma, un sindaco ed una squadra!!!
      Ecco, servizio pubblico ha fatto una proposta eccellente, magari da far arrivare alle orecchie dei Grilli, degli Alfani, dei Vendoli, dei Bersani, dei Di Pietri, dei Casini, degli Scaleri, dei Ressi, dei Borracci, dei Serri,…

  21. Premessa:
    Ognuno di noi agisce in base alla sua formazione negli studi e nella vita professionale(nessuno escluso).

    Per tale motivo, qualcuno dovrà pur dire al Dott. Tarasco che NON sono necessari nove mesi di gestazione per far nascere una giunta.

    Saluti.

Lascia un commento