Fonte: http://www.tarantosera.com

Autrice : Maria De Bartolomeo

Giornata topica quella del prossimo 5 maggio quando a Bari, presso la sede centrale dell’Acquedotto Pugliese, si decideranno le sorti del depuratore di Chiatona.
L’impianto, fatto realizzare negli anni ‘90 grazie a fondi Cipe destinati al disinquinamento del Golfo di Taranto, non è mai entrato in funzione ed a distanza di vent’anni dalla sua costruzione, oggi, risulta inadeguato alle norme in materia di tutela ambientale. Da qui la necessità di ristrutturarlo e metterlo a norma.
Ma per farlo necessitano ingenti somme, più di trecentomila euro, di cui l’amministrazione comunale di Palagiano (competente per territorio) non dispone.

Sono ormai cinque anni che si continua a parlare di questo impianto nell’attesa e nella speranza dei residenti (quelli stagionali ma soprattutto quelli fissi) dell’area marina che abbraccia i due Comuni di Massafra e di Palagiano.
L’impianto, infatti, andrebbe a risolvere il problema igienico-sanitario di entrambe le fette di Chiatona.
L’idea ora è quella di lasciare la gestione del depuratore all’Acquedotto Pugliese e di chiedere il finanziamento per l’adeguamento all’Autorità di bacino.
L’istanza è già stata avanzata dal sindaco di Palagiano, Rocco Ressa che per il 5 maggio attende una risposta.
In quella occasione, infatti, l’Aqp dovrebbe presentare il progetto preliminare in cui definisce modi, tempi e costi di intervento. Lo studio sarà quindi posto al vaglio dell’Ato per l’ottenimento del finanziamento.
Intanto i residenti, riuniti nel comitato Pro Chiatona, attendono speranzosi che, questa, sia la volta “buona”.
Da vent’anni vivono nel disagio di dover convivere con gli autospurgo e nella speranza di poter, un giorno, ridurre i costi di smaltimento dei reflui. Intanto, però, registrano qualche dato in positivo.
Nella zona di Palagiano già dalla prossima estate sarà messo in funzione l’impianto della rete idrica; è in atto un intervento di pulizia dei siti ed è stato attivato il numero verde 800.539.316 per la raccolta dei rifiuti ingombranti nell’area di competenza massafrese.
Infine sarà realizzata la pubblica illuminazione.

Maria De Bartolomeo

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento