Palagiano

Le ” BUGIE ” hanno le gambe corte!!

Premesso che se Palagiano fosse il primo comune in tutta la Regione Puglia ad avere raggiunto la più alta percentuale di differenziata, ne sarei felice cosi come tutti i cittadini Palagianesi, ma è un magra consolazione collocarsi al quarto posto? e nel contempo vivere in un paese sporco come non mai nella storia.

Io e Mimmo Forleo abbiamo dibattuto sul fatto che introdurre il servizio di raccolta  differenziata con la modalità porta a porta non facesse conseguire cosi tanti risparmi per i costi di conferimento (anno 2010 circa 710,000,00 €), al punto che si potesse avere un risparmio in bolletta, tenuto conto che il costo del servizio alla ditta è passato dai 920.000,00 del 2010 (Serveco) a circa 1.480.000,00  ( Teckoservice) quest’anno e dall’anno prossimo fino al 2019 al modica cifra di € 1.560.000,00 circa, quindi un aumento  di 600.000,00 €.

Come avete potuto notare cari lettori di Palanet, le violazioni al capitolato sono tantissime, e son sicuro che vi saranno responsabilità penali per la ditta.

Voglio sottolineare che fare la differenziata è un obbligo di legge al quale i comuni devono attenersi, ma qui in discussione è, perché, nessuno controlla la ditta, e devono essere i cittadini a stimolare gli amministratori.

Qualcuno, conclude dicendo:” tanto per fare un po’ di chiarezza sull’argomento” e io aggiungo, o fare un pò di disinformazione!

Chiarezza significa essere franchi e sinceri ,  peccato che questa chiarezza arriva con mesi e mesi di ritardo, nel frattempo siamo diventati il paese più sporco della Provincia. La ditta Teckoservice ha iniziato il servizio di raccolta nel Settembre 2011 e il porta a porta nel Marzo 2012, sono trascorsi 13 mesi nei quali la ditta ha operato violando i più elementari “obblighi” contenuti nel capitolato. Come avete potuto notare oltre alle violazioni che ho elencato io, se ne aggiungono molti altri, che sono stati evidenziati nell’incontro tra la ditta e l’amministrazione il 24 Ottobre.

Quindi, le nostre critiche non sono frutto del livore o della poca simpatia verso qualcuno, vi sono violazione  per i quali si potrebbe configurare il reato di truffa, ( ad es. La ditta vincitrice, deve FORNIRE I CASSONETTI NUOVI DI FABBRICA e rispondenti alle vigenti norme in materia) che non è poca cosa.

Qualcuno afferma : “questo lo vogliamo dire con chiarezza, intanto a Palagiano è stato raggiunto il 50% di raccolta differenziata e questo risultato colloca il nostro comune al “quarto posto” di tutta la Regione Puglia per la raccolta differenziata”.

Che dire, questa affermazione è il frutto dell’immaginazione e di certo non contribuisce a fare chiarezza in termini di verità, come vuol far credere qualcuno. Premesso che, che il sottoscritto sarebbe felice che in futuro Palagiano raggiungesse questi traguardi, mi corre l’obbligo di far presente ai lettori di Palanet che non corrisponde al vero che Palagiano si colloca al quarto posto in tutta la Regione per aver raggiunto il 50% di percentuale di differenziata, perché la percentuale viene calcolata su base annua e non per mese.

Nei fatti, la percentuale di raccolta differenziata è passata dal 10% conseguito nel 2011 al 28,01% fino ad agosto 2012 e non già al 50% come dichiara qualcuno. Siccome sono abituato a fornire le prove di quanto affermo e non ricorro a congetture o supposizioni , vi agevolo la scheda che rinvenibile dal sito della Regione Puglia.

Mese Indifferenziata
Kg.
Differenziata
Kg.
Tot. RSU
Kg.
Rif.Diff.
%
Prod. Procapite
Kg. al Mese
Gennaio

607.960,00

27.760,00

635.720,00

4,37

40,17

Febbraio

558.500,00

41.380,00

599.880,00

6,90

37,90

Marzo

557.390,00

76.620,00

634.010,00

12,09

40,06

Aprile

462.110,00

128.190,00

590.300,00

21,72

37,30

Maggio

368.320,00

232.730,00

601.050,00

38,72

37,98

Giugno

327.890,00

249.410,00

577.300,00

43,20

36,48

Luglio

310.760,00

300.700,00

611.460,00

49,18

38,64

Agosto

346.520,00

320.520,00

667.040,00

48,05

42,15

TOTALE

3.539.450,00

1.377.310,00

4.916.760,00

28,013

38,835

Colgo l’occasione per sollecitare l’ufficio tecnico Comunale, invitandolo a inviare al più presto possibile i dati alla Regione, relativi al mese di Settembre, mi sa che siamo in netto ritardo.

Quindi, la percentuale di differenziata è al 28,01% ben lontani dal traguardo del 55% previsto per legge.

In attesa che l’ufficio Tecnico invii  i dati relativi a Settembre, possiamo fare un proiezione approssimativa della percentuale che si raggiungerà a Settembre, che tenendo conto dello stesso trend dovrebbe avere una forbice che va dal 30 al 31% al massimo, e proiettando la percentuale per fine anno ( Dicembre 2012), si dovrebbe raggiungere nella più rosea delle possibilità,  una percentuale con una forbice che va dal 38 al 43%.

Questi sono i numeri, a qualcuno invece piace fare esercizi di fantasia.

Mi perdonerete se adesso vi sommergerò di numeri, ma è utile al fine di capire chi fa esercizio di fantasia e chi dice la verità.

Allo stato attuale dati ufficiali della Regione Puglia evidenzia che il Comune che ha la maggior percentuale di differenziata è :

1)Melpignano : 61,28%;  2)Corigliano D’Otranto 60,96%; 3) Candela 52,74% ; 4) Anzano Puglia 51,81%; 5) Rocchetta Sant’Antonio; 6) Mesagne 51,36%; 7) Carpignano Salentino 51,32%; 8) San Pancrazio Salentino 50,16%; 9) Torre Santa Susanna 50,12%; 10) San Michele Salentino 47,12%; 11) Castro 47%; 12) Ceglie Messapica 43,70%; 13) Apricena 43,24%; 14) Erchie 42,74%; Maglie 42,70%; 16) Oria 41,24%;17) Latiano39,12%; 18) Ascoli Satriano 36,12%; 19) Lizzano 35,79%; 20) Specchia 34,81% ; 21) Zollino 34,33%; 22) San Paolo di Civitate 33,50%; 23) Vila Castelli 33,33% ; 24) Bagnolo del Salento 32,50%; 25) Fasano 32,50%; 26) Giuglianello 32,50%; 27) Francavilla Fontana 32,34%; 28)Monteleone di Puglia 32,17%; 29) Brindisi 31,32% ; 30) Sanarica 31,18% ; 31) Molfetta 30,12%; mi fermo qui per brevità ….quindi il Comune di Palagiano con il 28,01 è chiaro a tutti che con questo risultato “non” si colloca  al quarto posto di tutta la Regione Puglia per la raccolta differenziata”. Bensi, al trentesimo posto ed oltre!!!

Dare dei dati non veritieri non aiuto il chiarimento, anzi, fa emergere l’insipienza di chi è preposto al controllo, e aggiungo che dare “dati falsi” innesca un meccanismo di disinformazione.

Ora voglio ritornare al discorso dei costi di conferimento presso i vari centri di conferimento, vi ricordo che nel 2010 i costi di erano di circa 710.000,00 € .

Qualcuno diceva che grazie al risparmio cospicuo che si doveva ottenere dalla differenziata di doveva colmare il maggior costo per il servizio, che come sopra riportato è pari a circa 600.000,00 in più rispetto alla ditta serveco.

Dai dati a mia disposizione posso affermare come vero che il costo complessivo del conferimento sopportato dai noi cittadini fino al mese di Agosto 2012 è di  circa 450.000,00 € , tenuto conto che mancano all’appello altri 4 mesi, facendo una rapida proiezione il costo complessivo alla voce conferimento per fine anno dovrebbe attestarsi alla modica cifra con una forbice da 600.000,00 € al massimo a 630.000,00 € .

Che dire alla faccia del cacio cavallo, e tutti quei risparmi che dovevamo ottenere, dove sono andati a finire?

Dati finali, costo del servizio (2010) 920.000 + 710.000 (costi di conferimento 2010)= Totale 1.630.000,00 €

Dati finali costo del servizio ( 2012) 1.480.000 + 620.000( costi di conferimento 2012) = Totale 2.100.000,00 €

Spendiamo 470.000,00 in più l’anno ( e risparmieremo nella più rosea delle probabilità circa 90.000 € alla voce costi per il conferimento) per avere un paese sporco ( con un aumento del costo del servizio di circa 600.000,00 € e oltre ogni anno), questa è la verità, i cittadini sono disposti a spendere i soldi, ma in cambio  vorrebbero  un servizio almeno sufficiente e decente, e non il degrado in cui siamo costretti a vivere.

Concludo dicendo che fare la differenziata è cosa buona e giusta oltre che previsto per legge, nel contempo i Palagianesi hanno diritto di avere un paese pulito ( visto che i  Palagianesi Pagano il sevizio di tasca loro per un ammontare di oltre 2.100.000,00  l’anno), e che il capitolato venga rispettato dalla ditta, altrimenti la ditta va cacciata a pedate nel sedere.

Au revoir

 

 

 

 

 

 

2 commenti

  • giacomodipietro

    Nel fare l’elenco dei Comuni con la più alta percentuale di differenziata, me ne sono sfuggiti alcuni:
    Rutigliano 79,08%;
    Cellammare 67,10%;
    Troia 65,39%;
    San Severo 46,06%;
    Mola di Bari39,59%;
    Toritto 33,36%.

    Au revoir

  • mimmoforleo

    Ricordo ancora bene come in un articolo risalente ai primi mesi del 2011, prendendo in giro bonariamente l’allora sindaco Ressa, il quale attribuiva all’UTC una simulazione secondo la quale, attestandosi a una soglia pari al 70% circa di differenziata, si sarebbe finalmente concretizzato il tanto agognato “risparmio”, affermai che proseguendo con tali menzogne si era ormai prossimi a sostenere che la differenziata, superata la soglia del 100%, a Palagiano avrebbe potuto crescere fino al 2-300%!

    Si trattava chiaramente di un paradosso finalizzato a volgere in burla le assurdità sparate da un sindaco che non sapeva più a quale santo votarsi.

    Adesso invece, considerando i dati sciorinati da Giacomo, proverò realmente a calcolare a quale livello dovrebbe attestarsi la differenziata perché si possa raggiungere non dico il “risparmio”, ma almeno il punto di pareggio.

    Allora, visto che la differenza di costo tra vecchio e nuovo servizio è pari a circa 500.000 €, calcoliamo adesso quanto risparmieremo sotto forma di costo di conferimento. Prendendo per buona la cifra posta da Giacomo all’estremo più favorevole della forbice ipotizzata, il 31%.

    Abbiamo già visto come, nel caso in cui questo trend venisse confermato, i costi di conferimento si abbasserebbero da 710.000 a 620.000 €, con un risparmio pari a 90.000 € per il 2012 rispetto al 2010.

    Sappiamo però che dobbiamo colmare un differenza di 500.000 € e che ogni incremento di 30 punti percentuali della differenziata realizzano un risparmio di circa 90.000 €.

    Domanda: di quale percentuale di differenziata abbiamo bisogno per colmare il gap costituito dai 500.000 € di costi aggiuntivi dovuti al variare del servizio?

    Risposta: 500.000 / 90.000 = 5,555… . Quindi, 5,5 * 30 (che sarebbero i punti percentuali corrispondenti a ogni unità di cui è composto il “5,555…”) = 166,666… punti percentuali.

    Considerazione finale: cari Palagianesi, abbiate fiducia. Non appena la differenziata avrà raggiunto la soglia del 166,666…%, prevedibilmente tra circa cinque anni, potremo brindare a champagne l’avvenuto pareggio dei costi. Se lo champagne dovesse risultare di vostro gradimento, non temete per il suo costo: potrete permettervene quanto ne vorrete con i guadagni derivanti dalla corsa all’abbattimento di ogni soglia percentuale di differenziata e, presumibilmente, dal collasso della ragione.

    Mimmo Forleo

Lascia un commento