A circa  quattro mesi dal suo insediamento, il Sindaco Tarasco ancora non riesce a formare e ad avere una squadra omogenea, coesa e di fiducia, che inizi a lavorare per la comunità Palagianese.

Infatti, egli cerca affannosamente di risolvere i problemi legati all’attribuzione delle deleghe assessorili e di trovare un sempre più difficile equilibrio interno ai gruppi di maggioranza.

Tutto questo impedisce di affrontare le vecchie problematiche che continuano a sussistere, anzi  ad incancrenirsi (gestione dei rifiuti, controllo del territorio, salvaguardia del patrimonio comunale, opere pubbliche rimaste incompiute) e a cominciare ad attuare il tanto sbandierato programma elettorale.

Il Sindaco Tarasco ormai dovrebbe prendere atto del fallimento del suo progetto utopistico di salvaguardare la continuità dell’azione amministrativa ressiana, unitamente all’auspicato rinnovamento politico – amministrativo.

La verità è una sola: da oggi la maggioranza consiliare si reggerà solo sul voto del consigliere comunale Giovanni Romanazzi, subentrato al dimissionario Vito Cervellera, il quale, mettendo da parte i tanto proclamati principi della sinistra che pretendeva di rappresentare, ha accettato la carica di assessore, malgrado fosse stato candidato sindaco in opposizione a Tarasco e creando cosi di fatto un’amministrazione multicolore.

Questo era necessario per servire meglio gli interessi della collettività?

Se poi a questo aggiungiamo che il dott. Tarasco nominò assessori tre candidati non eletti ovvero Mellone Maria Grazia (vice sindaco) Orlando Rinaldo e Petrocelli Salvatore, il risultato è che oggi i Palagianesi si trovano ad essere amministrati da chi di fatto è stato bocciato alle recenti elezioni comunali.

Dopo un lungo tormentone estivo, è ormai certa la revoca della delega assessorile a Rinaldo Orlando e delle deleghe consiliari ai tre “monelli” (Latagliata, Lippolis e Tagariello) eletti nelle liste a sostegno di Tarasco.

Purtroppo è diffusa l’idea che Palagiano non può essere amministrata non da chi è stato eletto dal Popolo, ma la scelta deve avvenire per logiche di potere e di interessi, nonchè di appartenenza a cricche consolidate, sotto la direzione di noti e vecchi personaggi della politica locale dalle “menti raffinate” che balzano da destra a sinistra e viceversa?

Crediamo che questa situazione, da noi già prevista e denunciata, era anche temuta dai tanti cittadini che col voto preferirono scegliere la “brava persona”, alla cittadinanza il giudizio.

I CONSIGLIERI COMUNALI PDL

Mancini Francesco e Marangione Aldo

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

13 pensiero su “PALAGIANO: IL SINDACO TARASCO SIA COERENTE E SI DIMETTA !”
  1. altro che bufera…sulla politica palagianese -se così possiamo definirla- si sta abbattendo un vero tsunami!
    Sono così confusa che non so più di che colore è uno e di che colore l’altro…ma forse non lo sanno nemmeno loro!
    Rimboccatevi le maniche e cominciate a fare il vostro dovere! Avete in mano il grande potere di far progredire questo paese e lo state sprecando! Quanto altro tempo dobbiamo vivere in questo limbo? Chi è davvero che ci amministra?
    Vogliamo risposte serie! Non questi teatrini che non fanno il bene di nessuno!

  2. ieri ascoltando una radio locale mi sono incuriosito di una notizia… dare nuove delibere per poter aprire dei chioschi in aree verdi…a palagiano… ma esistono aree verdi.. dove sono? non ce’ spazio verde per poter fare giocare i bambini, figuriamoci per i chioschi!!!!!! vogliono imitare massafra !!!

  3. Borracci ora non può firmare.
    Stà trattando.
    Fermo restando il disastroso inizio dell’amministarzione Tarasco (che deve avere la decenza di dimettersi).
    Mancini e Marangione (e Borracci), nonchè Serra e Carucci, tutti “targati” PDL,
    chiedo a voi se, fino ad ora, avete dormito… o forse siete stati rapiti dagli alieni per loro esperimenti (per poi lasciarvi una volta capito che non avrebbero tratto alcuna utilità).
    Nell’ultimo periodo e durante la vostra assenza sono venute a galla dei comportamenti che probabilmente si possono configurare come atti criminosi, vedasi parcheggi di Chiatona.
    Mi chiedo perchè queste porcherie riescaono a passare tranquillamente le “maglie” del controllo dell’opposizione.
    L’azione di controllo passa anche, quando si rilevano probabili atti criminosi, per la denuncia presso le autorità competenti!

    Mancini e Borracci (“oppositori” anche nel precedente regnoressiano) mi dite com’è andata a finire, ad esempio, la questione “potatura” degli alberi del centro?

    La verità è che fate tutti, indistintamente da DESTRA A SINISTRA, schifo!

    Eppoi vi fate vivi con questi sterili comunicati/veline fini a sè stessi… siete già vecchi!!! La nuova politica vuole il costante confronto con i cittadini e palnet è una ghiotta opportunità. Volete “battere” i dinosauri con le loro stesse armi? Ma voi non siete dinosauri ma… siete vecchi come loro!

    p.s. occhio al vostro “fiore all’occhiello” che presto BALZERA’ DA DESTRA A… SINISTRA.

    Trattatratta qualcosa esce…

  4. Borracci, io ho votato per voi. Dove sei???
    Se proprio lo vuoi sapere ho votato per uno della tua lista.
    Quando diavolo smentisci ste dicerie? Ti prego, non farmi pentire.
    E’ da tanto che aspetto risposte da M.G. Mellone e M. Amatulli sulla questione ressa/latagliata, ma nulla.
    Almeno tu rispondimi.
    Mario

  5. Borracci Comunista????? Borracci Ressiano??? Non ci posso credere….Storicamente uomo di destra…..è vero pure che oramai il duo RESSA-SCALERA hanno bisogno dei voti del Sig. BORRACCI…..il progetto R-S deve pur andare avanti….Ribelliamoci ed alle prossime elezioni boicottiamo IL VOTOi…così si attaccano alla corda e rimangono all’asciutto..a CASAAAAAAAAAAAA!!!!!

    1. Sig. Giovanni f tu avere sbagliato frase: si dice ….il duo ressa- scalera ha bisogno…
      OHHH mamma adesso si scatenano ire di Gramsci, Mimmo Forleo e Digit1…
      Ora ca22i tuoi.
      Abdul

    2. ma quali ire, Abdul!?!? 🙂
      io sono un ragazzo sereno e pacifico!!
      …è solo che mi piace stuzzicare chi… quando viene stuzzicato si incaz.vola!! 🙂 🙂 🙂

      PS: tu mi sei simpatico, Abdul!

  6. Grande vertice tra ieri e stamattina nel Palazzo di città..pare che ora anche su consiglio di Cleopatra,Giulio Cesare abbia chiesto e ottenuto dal Sindaco l’allontanamento definitivo dei tre monelli..mentre Marco Antonio e Ottaviano Agusto(il vecchio) erano propensi ad una sola punizione per un pò di mesi per i tre monelli…tanto per fargli capire chi comanda e a chi devono genoflettersi i tre…Giulio Cesare invece vuole che in coerenza con il documento ”emanato”i tre siano fuori,con tanto di addio..La riunione si è conclusa con divergenza di opinioni tra gli imperatori,tanto che ci si rivedrà stasera,magari tra una mangiata e un sorso di birra…Ormai la posizione dei tre monelli è lasciata alla loro dignità personale…rientrare e genoflettersi all’imperatore Giulio Cesare e Cleopatra o passare dalla parte dei Barbari e dichiarare guerra a Roma.Ora pare che il primo a tremare sia il piccolo pretoriano di Giluio Cesare a capo del Consiglio…i tre monelli vogliono la sua piccola testa,con l’aiuto di quasi tutta l’opposizione…quasi tutta perchè mancherebbe una firma per la sfiducia del piccolo pretoriano di Cesare. Poverino dopo essere stato già cacciato dal primo impero ora rischia di perdere la poltrona da vassallo maggiore di Cesare,se qualcuno farà il franco tiratore!Boh aspettiamo e vedrem,una cosa è certa la battaglia sta per iniziare.” alea iacta est”

Lascia un commento