_Q1B2786 copia

I sottoscritti consiglieri comunali CARUCCI Francesco Giuseppe, SERRA Francesco, MARANGIONE Aldo e MANCINI Francesco, tutti componenti del gruppo consiliare “P.D.L. – Per il bene di Palagiano”, al fine della proposta di cui all’oggetto espongono quanto segue.

 

In data odierna il Senato ha approvato il D.L. n. 102 del 31.08.2013, già approvato dalla Camera, con cui è stata abolita la prima rata IMU. Il provvedimento è dunque legge.

In sede di conversione del citato decreto legge è stato previsto che, per la seconda rata dell’IMU, i comuni avranno la possibilità di “equiparare” alla prima casa le abitazioni concesse gratuitamente ai parenti di primo grado in linea retta (dunque genitori o figli) che le utilizzano come abitazioni principali.

 

Ove questa Amministrazione voglia prevedere tale agevolazione, la detta categoria di fabbricati sarebbe esentata dall’imposta, già per la rata in scadenza al prossimo 16 dicembre, consentendo a molti concittadini, in questo momento di grave difficoltà economica, un notevole risparmio.

 

Ciò considerato, i sottoscritti propongono di integrare in tal senso il Capo II del Regolamento IMU intitolato “Riduzioni ed esenzioni” chiedendo di sottoporre al Consiglio Comunale, nei termini previsti dalla legge, tale modifica.

 

Riservandosi di effettuare ulteriori comunicazioni a seguito di pubblicazione della legge di conversione in Gazzetta Ufficiale e fiduciosi in un positivo riscontro, salutano cordialmente.

Palagiano, lì 24 ottobre 2013

 

 

Al Sig. SINDACO

del Comune di Palagiano

Dott. Antonio Tarasco

 

Al Dirigente del Settore

Economico Finanziario

del Comune di Palagiano

Dott.ssa Anna Rizzi

 

Al Presidente del Consiglio Comunale

del Comune di Palagiano

Sig. Salvatore Cirillo

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

2 pensiero su “Proposta integrazione Capo II del Regolamento per la disciplina dell’Imposta Municipale Propria.”
  1. Egr. Sig. Consiglieri, la Vs. iniziatiativa è encomiabile nel metodo, ma poca coraggiosa nel merito. Possibile che non vi siete ancora accorti che il Ns. Sindaco e quindi la Giunta Municipale, altro non sono , che il partito delle tasse: vedi TIA, TARES, SCUOLABUS, MENSA SCOLASTICA. Questi signorotti, dei cittadini di Palagiano non se ne fregano un cazzo, tanto è vero che lo dicono pubblicamente anche durante lo svolgimento del Consiglio Comunale. Quindi come vedete, non basta fare una lettera, nella speranza che possa suscitare qualche senso di colpa, o rimorso per fare una carità. Se veramente, Voi credete in quello che avete scritto, e io spero di si, è necessario ben altro, e necessario alzare la voce, è necessario mobilitare la gente, e indispensabile chiedere subito la convocazione del Consiglio Comunale e porre con votazione palese una mozione a riguardo. Solo così scopriremo realmente chi sono i consiglieri che stanno con i cittadini e i consiglieri che stanno con le tasse.
    Saluti Masaniello

  2. Caro utente Masaniello, come da Lei suggerito è nelle nostre intenzioni portare tale proposta in Consiglio previa discussione del punto in Commissione Economico-Finanziaria. Infatti come può evincere dalla lettera,indirizzata anche al Presidente del Consiglio, “i sottoscritti propongono di integrare in tal senso il Capo II del Regolamento IMU intitolato <> chiedendo di sottoporre al Consiglio Comunale, nei termini previsti dalla legge, tale modifica”.
    Tuttavia non è stato ancora possibile richiedere ufficialmente la convocazione del Consiglio in quanto la legge di conversione che prevede tale agevolazione non è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Qualche novità in merito viene riportata giornalmente nei quotidiani economici come “Il Sole 24 ore”, ma se non conosciamo realmente le previsioni legislative, non possiamo proporre di andare a discuterne in Consiglio al fine di adottare, con votazione palese come da Lei suggerito, apposita delibera (che è un atto ufficiale).
    Sempre disponibile al confronto La saluto cordialmente.

    Francesco Carucci

Lascia un commento