tipuoifidarefb

Come già successo ad altri utenti in passato, sul profilo facebook “Tarasco Sindaco” si continua a censurare ciò che non piace o non aggrada manco si trattasse di frumento da mietere.
Mi son chiesto ripetutamente a cosa sia dovuta questa insana passione coltivata dai nipotini di Stalin e Mussolini per la censura,arrivando a formulare anche diverse spiegazioni.Nessuna,a dire il vero, mi è parsa pienamente convincente, nonostante alcune sembrassero molto vicine alla verità. Ne propongo allora una tutta mia e, perché la possiate comprendere meglio, allego due degli oltre quaranta commenti apparsi sull’ultima discussione cancellata.
1) “Non ho alcuna voglia di polemizzare con nessuno, n’è di dare consiglio agli amministratori a cui compete, invece, dare le adeguate risposte oltre che la soluzione ai problemi. Sono intervenuto solo per chiarire che tutto è tutti siamo criticabili, utilizzando però una terminologia magari meno “impegnativa”. Chiarito questo aspetto mi assumo la responsabilità delle scelte fatte nel passato e, sulla questione posta, sottolineo che rifarei la medesima scelta, perchè la ritengo la scelta giusta. È vero tuttavia che il servizio non funziona bene e che la pulizia lascia a desiderare, questi problemi si possono risolvere semplicemente in due modi: 1) effettuare Il necessario controllo del servizio il cui compito è demandato al comando di Polizia municipale; 2) applicando le norme previste nel contratto.
Ultima questione: se oggi Palagiano non pagherà il massimo dell’ecotassa prevista dalla Regione lo si deve all’aumento esponenziale, ma non ancora sufficiente, della differenziata. I Comuni che hanno bassi livelli di differenziata avranno maggiori spese. Io mi fermerei qui, perchè non ritengo corretto, n’è fornire soluzioni ne dispensare consigli sovrapponendomi a coloro che hanno competenza nella gestione del servizio.”
2) “Mi rendo conto che alle volte i numeri possono causare enormi problemi, ma serebbe il caso anche di citarne alcuni soprattutto allorquando si invitano gli altri a non parlare in maniera gratuita.Vorrei far notare che non c’è niente di più gratuito di una affermazione come questa: “se oggi Palagiano non pagherà il massimo dell’ecotassa prevista dalla Regione lo si deve all’aumento esponenziale, ma non ancora sufficiente, della differenziata.”
Potrei sapere quanto avremmo esattamente pagato di ecotassa, nel deprecabile caso non fosse stato mai avviato il servizio che tante soddisfazioni ci sta regalando?; 2) Potrebbero i più informati…… mettere a confronto il di più che avremmo pagato per via dell’ecotassa con il di più che già paghiamo alla Ditta? Tutto questo perchè ritengo che sia ridicolo continuare ad utilizzare il termine “esponenziale”, facendo finta di non sapere che la raccolta differenziata, nel 2012 a Palagiano, si è attesta al solo 30%.
Consiglio inoltre una lettura comparata dei capitolati riguardanti le gare di Palagiano e Ginosa. Potremmo scoprire cose interessantissime:
1) a Ginosa il servizio costa sensibilmente meno che a Palagiano;
2) a fronte di costi inferiori di detto servizio, il numero di operatori è sensibilmente superiore;
3) la pulizia delle spiagge era già contenuta nel capitolato (mentre a Palagiano, pare dovesse interessarsene la Provincia); 4) sempre a Ginosa, compresa nei costi del servizio, è pure prevista una figura che presiede al rispetto del contratto da parte della Ditta e che, nel caso, fa intervenire la Polizia Municipale per comminare le sanzioni appositamente previste dal capitolato;
5) in nemmeno un anno, a Ginosa sono state comminate alla Ditta un numero di sanzioni che si possono contare utilizzando la decina come unità di misura. Qualcuno si informi meglio e ci faccia sapere quante ne sono state comminate a Palagiano.”
Adesso non mi resta che rivolgervi una domanda cari lettori e caro Mario(life): per caso, dopo aver terminato la lettura dei due commenti allegati, avete anche voi avuto l’impressione che qualcuno si sia profondamente vergognato del proprio?
Giuseppe Catucci

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

3 pensiero su “Un “gruppo aperto”, alla censura, su Facebook: Tarasco Sindaco. di Giuseppe Catucci”
  1. Vedi Giuseppe io credo molto nella libertà di pensiero e come molti hanno gia’ potuto constatare “correggo” pochissimo i rari commenti o articoli “pericolosi” che da dieci anni mi arrivano qui su palagiano.net.
    Intervengo poi cosi delicatamente che il pensiero non viene per nulla stravolto.

    Ovviamente quando mi costringono a censurare scrivendo offese o accuse fuori luogo e senza un minimo di fonte ufficiale, lo faccio per evitare problemi di querela proprio all’autore del commento! E di certo non e’ il caso tuo.

    Detto questo pero’ devo ricordarti che un gruppo su Facebook e’ notevolmente diverso da un sito/blog/community come palnet nato con l’unico scopo assoluto: LUOGO DI TUTTI e confronto fra tutti gli iscritti a prescindere dalla propria ideologia o pensiero.

    Un gruppo aperto,invece, puo’ avere uno o piu’ moderatori che abbiano come unico scopo lo sviluppo dell’idea costituente.
    Mi spiego meglio.

    Un gruppo di solo juventini e’ chiaro che sia composto solo da gente di fede bianconera.
    Un gruppo di amanti di cani e gatti e’ composto da persone che amano questo tipo di animali…
    e cosi’ via.

    Allora bisogna prima chiedersi quale sia lo “scopo” principale del gruppo in questione, cioe’ “Tarasco Sindaco”.

    Onestamente a me sembra un gruppo di “fans” o semplicemente di persone molto vicini alla persona Tarasco… e non solo come figura di Sindaco!

    E mi chiedo quindi: ” e’ giusto intervenire nel gruppo Juventus come tifoso interista, sparlare sui giocatori e poi lamentarsi delle offese ricevute dai bianconeri?”

    E’ giusto lamentarsi se il moderatore cancella qualsiasi commento che possa ledere l’immagine del “titolare” del gruppo?

    Palagiano.net o altri gruppi nati su facebook che hanno come scopo il libero confronto sono ben diversi, a mio parere, dal gruppo “Tarasco Sindaco” che ha come fine principale la propaganda del Sindaco.

    Cioe’, diciamolo in modo schietto e sincero:
    ognuno e’ padrone a casa sua… e ha il diritto di fare cio’ che vuole!

    Niente Stalin, nessun Mussolini. Solo propaganda.

    Ora una domanda su tutte: avete pensato a cambiare gruppo?
    Chesso’….palagiano.net per esempio….

    Vabbe’, scherzo!!

    Un abbraccio.

    Life.

  2. Concordo pienamente con quanto detto da life, ma aggiungo qualcosa a chiarimento.
    Questo gruppo, come ben si sa, è nato in campagna elettorale ma, per una serie di cose, è ancora aperto così come era, ovvero con 14 amministratori (!!!!!!), visto che il sindaco, più volte sollecitato, non ha mai ufficialmente dato incarico a qualcuno di chiudere la pagina o variarne qualcosa, almeno dando incarico ad una sola persona di gestire la pagina.
    Un dato è certo: il sindaco non ha mai letto né leggerà mai gli scritti perché, a suo dire, non utilizza internet.
    Un altro dato è certo: nessuno sa chi tra i 14 amministratori “mette mano” alla pagina.
    In attesa che il sindaco decida cosa fare e che gli attuali amministratori rispondano al messaggio di chiarimento che hanno ricevuto, la pagina resta aperta con 13 amministratori. Chi deciderà di fare altrettanto si auto cancellerà, così come ho fatto io.

  3. Più volte (basta scorrere nella cronologia del gruppo) ho scritto e rimarcato l’inutilità del gruppo in questione constatato il fatto che il sindaco, non essendo iscritto su facebook, non avrebbe mai potuto leggere le proteste. A tal proposito, ho sempre segnalato l’email del sindaco, che spero legga.
    Il fine di quel gruppo, nato in campagna elettorale, era essenzialmente di propaganda elettorale; più utenti ne facevano parte, maggiore era la diffusione delle notizie relative ad eventi, caseggiati e comizi. Terminata la campagna elettorale, ci siamo ritrovati 17 amministratori (il cui compito si limitava all’accettazione delle richieste di iscrizione al gruppo) e nessuno di noi poteva spontaneamente decidere cosa farne. Dopo i ringraziamenti, a mio parere, andava chiuso.
    Chi doveva formalmente decidere, non si è mai espresso e nessuno (compreso lo scrivente) si è assunto la responsabilità di chiudere il gruppo di propria iniziativa.
    Va da se, come dice perfettamente Mario, che essendo un gruppo a sostegno di Tarasco, vale lo stesso discorso della squadra e della tifoseria ”e’ giusto intervenire nel gruppo Juventus come tifoso interista, sparlare sui giocatori e poi lamentarsi delle offese ricevute dai bianconeri?”
    “Niente Stalin, nessun Mussolini. Solo propaganda.” (cit.)
    Più volte sono stati cancellati utenti e post, noi stessi lo abbiamo scoperto dagli scritti degli stessi su altri siti. Ora, tra i 14 amministratori vi è omertà, nessuno dice chi è stato. Oggi pomeriggio ho inviato un messaggio di chiarimento ai 13 (oltre me) amministratori del gruppo per cercare di scoprire chi abbia cancellato il post. Nell’attesa che tutti mi rispondano, d’accordo con alcuni, stanchi di essere, come dice Elidisa, gli “ortolani”, abbiamo deciso di auto-cancellarci da amministratori, perché stanchi di essere corresponsabili di un qualcosa che non è nostra causa.
    Ribadisco, comunque, l’inutilità di quel gruppo dato che la campagna elettorale è terminata da un pezzo.

Lascia un commento