Palagiano,  Penso percio' racconto...

A Palagiano….il tempo si e’ fermato…

Riceviamo e pubblichiamo.

piazzavirtuale1.jpg

Sono trentotto anni che vivo nei pressi della Piazza Vittorio Emanuele di Palagiano. Sono sinceramente dispiaciuta perché è da un bel po’ di tempo che l’orologio non rintocca più le ore. L’assenza dei rintocchi è triste, come lo è Palagiano ormai da tempo. Di soldi inutili ne vengono sciupati tanti quotidianamente, non credo peserebbe poi così tanto la manutenzione di un monumento storico del nostro paese… Guardando l’orologio le lancette sono fisse alle 9.15 chissà da quando! Esorto quindi chi di competenza a restituire al popolo palagianese i rintocchi e la funzionalità dell’orologio che ancora ci rappresenta anche sul sito di palagiano.net!

Foto del profilo di Facebook

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

7 commenti

  • Francesco Carucci

    Cara cittadina (dato che ha parlato al femminile), effettivamente come si può darle torto?
    Il tempo si è fermato nel nostro paese. E come lei dice di soldi pubblici se ne sprecano tanti per cose inutili. Le porto un esempio pratico: con una determina degli inizi di dicembre scorso venivano stanziati 3.800,00 euro affinché qualche giornalista provvedesse a pubblicizzare e promuovere il marketing per gli agrumi prodotti dai nostri agricoltori. Di tutto questo nulla si è visto in questi mesi. L’unica cosa che è stata fatta, a seguito della detta determina, è stata una conferenza stampa nel Palazzo di Città che aveva come unico obiettivo l'(auto)encomio del Sindaco e della sua maggioranza per tutto ciò che di buono sarebbe stato fatto nel corso dell’anno 2013.
    Al di là del mio personale parere sull’operato di questa Amministrazione dal suo insediamento ad oggi, ritengo che anche qualora avesse fatto miracoli avrebbe semplicemente adempiuto ai suoi doveri istituzionali e non avrebbe dovuto sprecare danaro pubblico per autoapplaudirsi.
    Quindi se si è impegnati in tali banalità la maggioranza non può concentrarsi su problemi più seri. Basti pensare che l’opposizione di cui mi onoro di far parte e i consiglieri di maggioranza Tagariello e Lippolis si stanno battendo per portare il resto dell’amministrazione in consiglio per discutere dei problemi legati alla pulizia del territorio e alla raccolta differenziata e ancora non ci riescono!!! Come mai? Perché qualcuno trova ogni scusa pur di non sedersi di fronte ai cittadini ed ammettere di aver fallito!
    Viva Palagiano!!!

  • Aldoilnegro

    Signor Carucci,
    non faccia demagogia, se è come ha scritto …”con una determina degli inizi di dicembre scorso venivano stanziati 3.800,00 euro affinché qualche giornalista provvedesse a pubblicizzare e promuovere il marketing per gli agrumi prodotti dai nostri agricoltori. Di tutto questo nulla si è visto in questi mesi. L’unica cosa che è stata fatta, a seguito della detta determina, è stata una conferenza stampa nel Palazzo di Città che aveva come unico obiettivo l’(auto)encomio del Sindaco e della sua maggioranza per tutto ciò che di buono sarebbe stato fatto nel corso dell’anno 2013″, perchè contestualmente non si rivolge anche presso le autorità competenti? Se “l’autoencomio” non “vale” i 3800 la esorto a “segnalarlo” nelle sedi opportune, di contro se li “vale” non faccia bassa strumentalizzazione.

    Ci sarebbero cose moooooolto più serie da denunciare. Ma voi fate politica…

    Buon lavoro

    • ADANEGRO

      Il solito palagianese che tenta di difendere l’indifendibile. In tempi di crisi come quello che stiamo attraversando ci si può permettere il lusso di pagare un giornalista per pubblicizzare l’aria fritta? Sono certo che il giornalista doveva pagare la somma che ha, invece, intascato, per parlare dell’oro di PALAGIANO.
      Quando non siete in grado di difendere la propria terra, il paese, le origini, ma soprattutto i VALORI dei palagianesi E DELLE LORO RISORSE, almeno, fateci il piacere di stare ZITTI, ch’è meglio.
      ADANEGRO

  • Francesco Carucci

    Gentile Aldoilnegro, dal suo commento si evincono due aspetti:
    1. che lei è una persona vicina all’Amministrazione Tarasco;
    2. che probabilmente non ha bene interpretato il senso del sostantivo “demagogia”.
    Per demagogia infatti si intende “la pratica politica tendente a ottenere il consenso delle masse lusingando le loro aspirazioni, specialmente economiche, con promesse difficilmente realizzabili”.
    Tale pratica politica non mi appartiene e non ci appartiene. In nessun commento, in nessun articolo da me sottoscritto si può evincere un atteggiamento del genere. E tantomeno nell’ultima campagna elettorale il sottoscritto ha fatto false promesse a qualcuno dei suoi 152 elettori.
    Al contrario non si può dire di chi ci governa e in campagna elettorale ha parlato di programmi che oggi non risultano realizzati. E questo è sotto gli occhi di tutti!
    Caro Aldoilnegro, tenga presente che il ruolo dei consiglieri di opposizione è quello di controllo sull’operato della maggioranza e di divulgarne gli esiti alla popolazione. E questo è esattamente quello che noi di opposizione stiamo facendo, anche se purtroppo a qualcuno può risultar scomodo!
    Quel potere di controllo, come giustamente lei sostiene, va esercitato anche mediante le denunce alle Autorità competenti e alle segnalazioni nelle sedi opportune, per usare le sue stesse parole. Ma nessun consigliere di opposizione, che eventualmente decide di adire le Autorità competenti, è tenuto o obbligato a pubblicizzare tali azioni su internet, sui social o in piazza!
    Infine voglio sottolineare che la parte più deludente del suo commento è la conclusione che riporto tra virgolette:
    “Ci sarebbero cose moooooolto più serie da denunciare”.
    E’ grave, in questo momento di congiuntura economica, il fatto che lei non ritenga serio che un’Amministrazione spenda denaro pubblico inutilmente e che non consideri che tale atteggiamento sia un problema! E’ uno schiaffo a tutti quei cittadini che soffrono le conseguenze della crisi e della disoccupazione e spesso si rivolgono allo stesso Comune per chiedere il contributo pure per pagare una bolletta di luce o gas!!!
    Con questo le comunico che non risponderò più a nessun commento di chi non si firma con nome e cognome e la saluto.

    Sempre mettendoci la faccia e firmandomi con nome e cognome

    Francesco Carucci

  • Ailoilnegro

    Clap, clap…
    ero sicuro che avrebbe risposto a questa maniera.
    Si soffermi sui contenuti, sulle idee, sulle opinioni e… non sui nomi.

    p.s. riferito a quell’altro dico … e se tu sei il futuro… stiamo freschi!

    Buona giornata.

Lascia un commento