Con una delegazione di firmatari formata da Cecilia Pesare e Rocco Delia abbiamo consegnato al Sindaco Tarasco le oltre duecento firme raccolte.

Con la nostra petizione chiedevamo che il Sindaco procedesse alla nomina delle cariche assessorili per autocandidatura aperta a tutti i cittadini che ne avessero fatto richiesta e si fossero presentanti con l’invio di curriculum, idee, progetti, visione politica e amministrativa.

Siamo soddisfatti dell’apertura dimostrata dal Sindaco e dalla sua condivisione della nostra iniziativa. “È un’idea innovativa – ha detto Tarasco – e certamente prenderò in considerazione le proposte che mi verranno fatte anche con questo metodo. Non ho avuto la possibilità di approfondirla prima, da ora in poi prenderò in considerazione l’ipotesi di tenere presenti anche i cittadini lontani dalle liste per la compilazione della schiera degli assessori. L’idea è apprezzabile, sostenere il contrario o disconoscere queste argomentazioni non è possibile.”

A discapito, quindi, del silenzio e il disinteresse dimostrato verso i duecento cittadini dalle liste della sua coalizione, o il parere negativo dato da molti loro esponenti con ragioni che non prevedono neppure il rispetto della Legge di riferimento, il Sindaco ha anche pubblicamente dichiarato che, nonostante ha gia avviato la consultazione con le liste per le nomine, è pronto a vagliare anche le autocandidature spontanee che gli arriveranno.

A questo punto apriamo noi la raccolta delle presentazioni.

Invito tutti i cittadini che hanno voglia di partecipare e collaborare attivamente e liberamente all’amministrazione e alla politica di Palagiano a farsi avanti. Mandateci ciò che vi pare, presentatevi, proponetevi, arricchiteci. Raccoglieremo insieme tutto ciò che ci arriverà. Lo metteremo online e lo consegneremo al Sindaco.

Lui poi deciderà che farne.

Nel frattempo qualcosa faremo anche noi. Una giunta ombra.

In base ad ogni delega assessorile che verrà nominata, risponderemo con il rispettivo assessore ombra. Il loro compito, proprio come negli shadow cabinet, sarà quello di seguire e vigilare dall’esterno il lavoro degli assessori e preparare proposte complementari o alternative. Non saremo né maggioranza, né opposizione preconcetta, saremo liberi e valuteremo le cose solo nel merito.

Per questo davvero incitiamo tutti i cittadini, non solo i giovani, non solo i residenti, non solo i politici, non solo gli eletti, non solo i tecnici, ma tutti compreso loro, chiunque sa di avere le capacità e la voglia di poter contribuire attivamente, a presentarsi.

Stavolta non conta quanto è lunga la vostra famiglia, quanti amici avete al bar, o il Cancelli. Merito, iniziative, capacità. E chissà che la giunta ombra non sarà migliore di quella ufficiale.

Per info e candidature

meritiamodipiu@gmail.com

Annarita Digiorgio

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

9 pensiero su “Annarita Digiorgio: “Invito tutti i cittadini a diventare assessori-ombra””
  1. :DECRETO LEGISLATIVO 18 agosto 2000, n. 267 TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL’ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI a norma dell’articolo 31 della legge 3 agosto 1999, n. 265 Art. 78. Doveri e condizione giuridica: // 3.I COMPONENTI LA GIUNTA COMUNALE COMPETENTI IN MATERIA DI URBANISTICA, DI EDILIZIA E DI LAVORI PUBBLICI DEVONO ASTENERSI DALL’ESERCITARE ATTIVITA’PROFESSIONALE IN MATERIA DI EDILIZIA PRIVATA E PUBBLICA NEL TERRITORIO DA ESSI AMMINISTRATO.- Annarita, tu che sei abbastanza afferrata in merito, se questa è diventata legge e non piu’ decreto legislativo, perchè non lo esaminiamo attentamente e verifichiamo se c’è conflitto di interessi nei nostri amministratori.-Diverso comuni quali l’Aquila hanno avuto un bel po’ di problemi in merito a questa situazione, e altri Comuni se ne vedono bene prima di dare un assessorato!Questa del 2000 se è legge dovrebbe essere rispettata, e in alcuni comuni i sindaci l’hanno applicata alla lettera…AVANTI !!!!A voi un altro cavallo di battaglia…cavalcatelo…ti saluto……..

  2. Annarita, ogni Comune dovrebbe in principio creare una sorta di statuto dove i candidabili non dovrebbero avere un minimo di conflitto di interesse nel territorio eventualmente da amministrare.Stessa cosa per i partiti, le cause di ineleggibilità o incompatibilità dovrebbero approfondirle e valutare bene, ma come tu ben sai così non è non sarà mai.Allora a te questo attento controllo in merito a questa legge o atto avente forza di legge , che se qualcuno lo ha voluto anche come decreto legislativo un motivo ci sarà…..!

    1. giovanni. qualche giorno fa un tizio se non altro molto maleducato e buzzurro ha voluto intimorirmi per strada perchè dopo che continuava ad attaccare con ragioni per legge inesistenti la nostra iniziativa dandoci dei “popularisti” (proprio cosi) ho detto che non avrei risposto a motivazioni infondate fornite da uno che andava avanti da anni fino al giorno prima del ballottaggio, a botta di consulenze votate dalla giunta. Mi dispiace, i cittadini sono tutti uguali e tutti hanno uguale diritto di parola, e io non ho preconcetti o limiti, ma sinceramente quelli in conflitto d’interesse perlomeno dovrebbero ricordarlo ogni volta agli astanti prima di esprimersi.
      perche te credo che ci tieni a che la giunta te la continui a controllare tu con gli amici tuoi con questi metodi camorristi.

      quindi caro giovanni, sta tranquillo che io controllerò tutto. però ecco, perche non lo si fa insieme?

  3. Troppo liberale come pensiero, Annarita mi spiace, qui non funziona, non sanno neanche di cosa stai parlando, siamo lontani anni luce. Prendi in cosinderazione la risposta del Sindaco “e’un idea innovativa” mi chiedo avere competenze nel settore e’ innovativo? …ops dimenticavo scusa…..gia’ e’ innovativo forse perche’ fuori da interessi personali di qualcuno. 🙂

    1. vito, sinceramente quella risposta ” è innovativa” mi ha lasciata un po spiazzata. non abbiamo proposto niente di innovativo. solo un metodo trasparente che assicuri il rispetto dalle Legge.
      per il resto non mi importa e non mi spavento. se non ieri, oggi, domani, prima o poi ci riusciremo.
      è solo una questione di imparare a rispettare la legge. anzi prima farla conoscere. e poi aprire il cervello. o forse accenderlo, vabbe.

  4. trovo molto interessante la creazione di una consulta cittadina dove appunto si possa dibattere eapprofondire le tematiche che la giunta affronta.mi riesce difficile capire le capacita’ di questo o quello assessore nominato.e’ un esercizio difficile in politica.A questo punto verifichiamo la volonta’ espressa dal sindaco ,ma non rivendicando solo con una semplice raccolta di firme (io ho imparato che una firma non si nega a nessuno)dimostriamo come cittadini di affrontare in confronti continui le tematiche del nostro territorio e sara’ difficile per chiunque riendicare posti di assessori per perseguire interessi personali

    1. Mi piacerebbe avere il tuo giudizio sugli assessori che saranno nominati, sulle loro competenze, capacità, requisiti culturali etc.. uno per uno!!!
      “bonanotte “

  5. Signora annaritadigiorgio, ma una proposta su come vorrebbe la nostra Palagiano, la vuole formulare?
    O solo curricula, governi ombra e firme dobbiamo proporre per cambiare dopo 19 anni questo meraviglioso paese?
    Allora, se dobbiamo diventare tutti assessori ombra (ora va di moda, dopo le ombre dietro il sindaco) proponiamo cosa fare invece di controllare…
    Tutti che controllano in questo paese e le proposte?
    “…io sono ancora qui!”

Lascia un commento