Dopo la seduta del 27 luglio scorso dichiarata nulla dal Presidente del Consiglio Comunale per la mancata notifica dell’avviso di convocazione nei confronti di un Consigliere Comunale, la Conferenza dei Capigruppo, appositamente riunitasi il 30 luglio u.s., ha stabilito la nuova data del Consiglio Comunale fissandola per Lunedì 6 Agosto.

 

All’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale l’esame e l’approvazione del rendiconto 2011 (il cui termine di approvazione è scaduto il 30 Aprile u.s., tanto da essere pervenuto al Comune di Palagiano un sollecito da parte della Corte dei Conti!),  l’esame ed approvazione del Bilancio di Previsione 2012 e dei relativi allegati, l’approvazione dei regolamenti IMU e TIA, nonchè la determinazione delle aliquote IMU da applicare nel 2012, primo anno di vita di questa tanto odiata tassa!

I predetti punti, giova ricordarlo, erano già inseriti all’ordine del giorno del Consiglio Comunale tenutosi il 24 luglio scorso e sono stati oggetto di rinvio, da parte dello stesso Consiglio Comunale, alla successiva seduta del 27 luglio (quella poi dichiarata nulla!) al fine di consentire alle Commissioni Consiliari neo-insediate di svolgere l’esame preliminare degli atti inerenti le predette proposte di delibere, così come richiesto dalla minoranza e condiviso da tutta l’assemblea consiliare.
 

In particolare, molto attivo è risultato il confronto tra maggioranza e minoranza in seno alla Commissione Affari Economico-Finanziari, o più comunemente Commissione Bilancio, riunitasi il 25 e 26 luglio scorso per l’esame dei bilanci, in particolar modo del Bilancio di Previsione 2012.

 

In detta sede, in particolare, i Consiglieri Comunali di minoranza, Donatello Borracci e Francesco Carucci (quest’ultimo tra l’altro eletto Vice-presidente della predetta Commissione) hanno presentato una serie di proposte ed emendamenti finalizzati a modificare e quindi migliorare il Bilancio di Previsone approvato dalla Giunta Tarasco.

 

In particolare, i 2 Consiglieri Comunali hanno dapprima chiesto ai rappresentanti della maggioranza di onorare l’impegno preso in campagna elettorale di portare allo 0,2%, minimo consentito dalla Legge, l’aliquota prevista per la casa d’abitazione, ricevendo in tutta risposta un formale diniego motivato dall’impossibilità di adottare un simile provvedimento senza mettere a repentaglio gli equilibri di bilancio, segno evidente che trattavasi di mera propaganda elettorale!

 

Preso atto di questo primo impegno non mantenuto, i Consiglieri Borracci e Carucci hanno chiesto al gruppo di maggioranza quantomeno di ridurre il carico fiscale su alcune specifiche categorie:

 

– in primis, di ridurre di 0,2 punti percentuali l’aliquota IMU da applicare nel 2012 ai terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali iscritti nella relativa previdenza, portandola dunque dall’attuale 0,76% allo 0,56%; emendamento ritenuto compatibile con i vincoli di bilancio dalla Responsabile del Settore Finanziario, dott.ssa Rizzi, che esprimeva pertanto parere favorevole. La ratio delle proposta è chiaramente ravvisabile nel fatto che i terreni agricoli posseduti da tali “operatori professionali” non costituiscono per gli stessi mero patrimonio, bensì anche e soprattutto mezzi di produzione e fonte principale, o più spesso unica, di sostentamento delle rispettive famiglie.

La maggioranza, dal canto suo, sulla scorta del parere favorevole di regolarità contabile, accoglieva la proposta emendativa così come formulata dai Consiglieri Borracci e Carucci, impegnadosi formalmente a modificare in tal senso la delibera di determinazione delle aliquote IMU entro il 30 settembra p.v., termine ultimo fissato dalla normativa statale.

 

– in secondo luogo, reiterando una proposta già avanzata negli anni scorsi dal Consigliere Borracci, i 2 Consiglieri Comunali di minoranza hanno altresì chiesto di elevare la fascia di esenzione dell’addizionale comunale  dagli attuali 9.000 euro ad almeno 12.000 euro; emendamento, quest’ultimo, non accolto dalla maggioranza sul presupposto della mancanza di copertura finanziaria.
Presentati, inoltre, una serie di emendamenti ai Regolamenti IMU e TIA; in particolare la Commissione Bilancio ha accolto all’unanimità un emendamento proposto dal Consigliere Carucci in ordine all’obbligo da parte della Giunta Municipale di motivare le scelte inerenti le tariffe TIA (tassa rifiuti) per le utenze non domestiche, al fine di introdurre chiarezza e trasparenza anche in ordine a tali scelte.

Segnalata, altresì, dai 2 Consiglieri Comunali di minoranza la necessità di adottare le misure necessarie a poter utilizzare (in funzione del 2013) parte dei proventi delle contravvenzioni elevate dalla Polizia Municipale, per aumentare, seppur a tempo determinato, l’organico di P.M. in modo da potenziare il controllo del territorio, nonchè la necessità di sottoporre prima possibile all’attenzione del Consiglio Comunale il Piano Finanziario in ordine alla Tariffa di Igiene Ambientale 2012, avendo riscontrato nel Bilancio Consuntivo 2011 evidenti scostamenti tra le previsioni di entrata e gli accertamenti definitivi.

Palagiano, 31 luglio 2012

Donatello Borracci (PDL)
Francesco Carucci (Palagiano nel cuore)

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Un pensiero su “Comunicato Stampa. di Donatello Borracci e Francesco Carucci”
  1. Cercherò di essere breve nel mio commento, anche se i diversi punti contenuti nel post meriterebbero ben altri approfondimenti.

    Questione IMU. Il fumo venduto da un medico improvvisatosi (sotto suggerimento) in piazzista di chiacchiere elettorali comincia a spandere il suo profumo non certo invitante. Ai suoi più ostinati aficionados vale forse la pena di ricordare che nessuno pretende che si metta a compiere miracoli adesso, sarebbe bastante che chiedesse scusa per le bugie che incautamente ha avuto il fegato di leggere dai palchi comiziali. Abbiamo abbondantemente capito che l’uomo sarebbe al centro dei suoi interessi, è giunta però l’ora di dimostrare di essere tale lui stesso.

    Non entro nella questione riguardante l’elevazione della soglia da 9.000 a 12.000 euro per ottenere l’esenzione dall’addizionale comunale sull’IRPEF. Non disponendo di dati certi, devo necessariamente fidarmi del parere espresso, presumo, dalla responsabile del settore ragioneria.

    Questione TIA. L’unica richiesta di chiarimento che a tal proposito è possibile avanzare è quella riguardante la corrispondenza tra le entrate e le uscite di detto servizio relativamente agli esercizi 2010, 2011 e 2012. Vi è il fondato sospetto che negli esercizi passati il comune abbia incassato molto più di quanto abbia speso e che attraverso tale “artificio” contabile sia stato possibile mascherare gli aumenti derivanti dall’introduzione del nuovo servizio porta-a-porta. In altre parole, i cittadini hanno l’impressione che nulla sia cambiato sul fronte tariffario poiché gli aumenti previsti dal 2012 in poi, potrebbero essere già stati introdotti (del tutto ingiustificatamente) con largo anticipo.

    Parlo di “fondato sospetto” in quanto il funzionario del comune al quale, io e Ciccio Serra, abbiamo avuto il piacere di delucidare questo nostro sospetto ha provato a troncare la questione con un “Ti puoi fidare che non è così.” Sembrava di essere di fronte a Tarasco, in un primo momento.

    Dopo vivace (sul piano intellettuale) discussione, il funzionario ha acconsentito a produrre prova cartacea di quanto sostiene e di cui avremmo dovuto fidarci sulla parola. Colgo l’occasione per ricordare a detto funzionario che io e Ciccio ci siamo fidati della sua promessa a provvedere in tempi ragionevoli in tal senso, non ci costringa a mettere per iscritto le nostre richieste.

    Ultima questione, riguardante sempre la TIA, è quella concernente gli “scostamenti tra le previsioni di entrata e gli accertamenti definitivi”. Non ho capito bene a cosa si riferiscano Donatello e Francesco, a me sembra però che, sulla base delle fatture, lo scostamento più preoccupante potrebbe darsi dal lato delle uscite. La previsione circa il 2012 parla di uscite complessive pari a 2.130.000 euro. Grosso modo e considerando i pagamenti per il conferimento avutisi fin’ora, è facile prevedere che tale tetto sarà raggiunto e superato ben prima della fine dell’anno.

    Mimmo Forleo

Lascia un commento