Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

14 pensiero su “I Consiglieri comunali Borracci,Carucci e Cifone scrivono al responsabile dell’ufficio tributi.”
  1. Che il nuovo Regolamento TIA fosse un penoso copia-incolla con aggiunte posticce, utili alla causa di chi aveva clamorosamente sbagliato previsioni tanto dal lato delle entrate che delle uscite, lo avevo capito da tempo. Adesso però s’impongono alcune domande più urgenti ai tre consiglieri che si definiscono “bipartisan”:

    1) Ritengono anche loro che sarebbe doveroso restituire ai contribuenti più che in regola (nel senso che hanno pagato negli anni scorsi la loro parte e parte di quella spettante ad altri) le somme ricavabili con gli accertamenti?

    2) Come giudicano l’operato, che sarebbe un eufemismo definire negligente relativamente agli anni scorsi, di un amministrazione che all’improvviso intende mettere ordine in una materia lasciata per anni in preda del caos? In altre parole, non ritengono che, data la delicatezza del presente momento economico, sarebbe stato più sensato dare il via ai recuperi delle somme in maniera più graduale e meno traumatica per i cittadini, agendo cioè solo sulle tariffe prossime alla prescrizione?

    3) Approfittando di questo momento di intesa ecumenica, il consigliere Cifone, visto che il resto della maggioranza sostiene il contrario, è disposto ad ammettere che la tariffa è aumentata e non si è mantenuta affatto invariata?

    Mimmo Forleo

  2. hii che bello! un nuovo sottogruppetto di mino-maggioranza! ma scusate,capisco che quotidianamente, ormai dall’epoca della votazione per i revisori del conto vi riunite per concordare le vostre azioni sotto l’alto consiglio di…qualcuno. capisco anche l’idillio con cifone, ma ricordategli che è di maggioranza, ste lettere fatte con voi poteva farle valere prima della mazzata e battere i pugni, o sbaglio? ah poveri noi, cari consiglieri di minoranza state dando ossigeno a personaggi che non ne hanno manco nella loro compagine. il perchè è tutto da vedere….

  3. Oh……..Perbacco, anche il cons. Cifone, se ne accorto………..allora non si ferma solo a mettere “mi piace” (nel gruppo Tarasco sindaco su facebook) sui commenti dei suoi “simili”………ahahahahah….”che pianto amaro”

  4. sono allo sbando non riesco più a capire in che luogo mi trovo consiglieri di maggioranza che scrivono ai dirigenti di settore dopo aver approvato il guaio, consiglieri di opposizione che invece di fare quadrato con altri consiglieri di minoranza scrivono in concordia con la maggioranza o poveri noi in che mani siamo finiti.fatta questa doverosa premessa mi corre l’obbligo di fare delle considerazioni. io non mi sono mai ritenuto un tuttologo come taluni che si improvvisano avvocati, costituzionalisti, fiscalisti etc. ma io cerco di sollevare il problema in termini politici. mi rendo conto che affrontare questo problema significa scontrarsi con chi la pensa diametralmente opposta ma io ne faccio un motivo di giustizia per tutti perchè oggi parliamo di tia domani potremmo trovarci di fronte un’altro problema.veniamo alle considerazioni: scusatemi il controllo della superficie delle abitazioni è dovuto al comune allora perchè pretendere la retroattività? e posso pure capire ciò ma non capisco la sanzione e gli interessi. 2) la tia e una tariffa a totale carico dei cittadini quindi con costi di esercizio a pareggio allora mi chiedo queste maggiori entrate dove andranno a finire? 3) con quale coraggio si chiedono questi soldi ai cittadini quando non sono in grado di garantire il servizio così come previsto da capitolato? 4) cosa si aspetta ancora a dare ai cittadini il rimborso dell’iva introitata illegalmente?

  5. Nei giorni scorsi insieme al Sindaco ed agli altri assessori, avevamo chiesto alla responsabile di ragioneria di trovare una soluzione per andare incontro ai cittadini di Palagiano, in merito agli avvisi di accertamento TIA 2007-2010 valutando la possibilità di eliminare la sanzione e di non essere fiscali nel richiedere la somma dell’accertamento nei sessanta giorni successivi alla notifica, oggi possiamo comunicare ai cittadini di Palagiano che la nostra richiesta è stata accolta, quindi il pagamento sarà effettuato senza alcuna sanzione.

    1. Sig. Amatulli, lei e qualche altro assesore, vi meritate una medaglia “all’ipocrisia”…………….una domanda; dove stavate prima che “partissero” dalla casa comunale quella montagna di avvisi di accertamento Tia 2007/2010 e ICI?………Caro assessore, non è stata accolta la vostra richiesta……………il problema era stato già segnalato dalla vera “opposizione” che aveva capito subito il “guaio” che avevate combinato come maggioranza…………….quindi non prendetevi meriti che non vi appartengono…………come maggioranza avete solo demeriti.

  6. Invece di chiedere i soldi e non fare nulla di concreto volete la differenza della TIA ma se il servizio meritasse , ancora ci sono sulla complanare dopo il campo comunale sacchi di spazzatura,ieri tornavo da lavoro mentre pioveva , i sacchi galleggiavano sulla curva al rischio di rompere l auto , e vero che siamo noi cittadini di merda a buttare la spazzatura per strada allora invece di chiedere soldi alla povera gente fate pagare multe salate a chi e colpevole dello scempio , la polizia municipale faccia il suo dovere , ci sono buche sull’ asfalto che davvero uno si deve prima far male e poi chiedervi i danni , lavoro fuori sai ognuno si vanta del proprio paese ma io non lo faro piu’ mi fa schifo , palagianello piccolo comune e piu avanti di noi

  7. Siamo all’assurdo!

    Si cerca di trovare il capo espiatorio per scaricare le proprie responsabilità!

    Ci teniamo a precisare che, al di la di tutto, siamo contenti del risultato che si “STAREBBE PER OTTENERE”, ( usiamo il condizionale perchè sino a quando non sarà tutto chiaro alla luce del sole, preferiamo non essere molto ottimisti). Come volevasi dimostrare, le cartelle erano illegittime e non può farci che piacere sapere che anche il regolamento TIA prevedeva l’inapplicabilità delle sanzioni ma, diversamente non poteva essere in quanto, giurisprudenza consolidata prevedeva la stessa cosa. Non ci dilunghiamo oltre solo perchè diventerebbe una disquisizione inopportuna se si considera che il nostro unico interesse sia il fine ultimo della faccenda e cioè non far pagare ai cittadini qualcosa di non dovuto.

    Ora però passiamo a discutere la posizione dei due componenti della maggioranza, Amatulli e Cifone e di minoranza, Borracci e Carucci , rispettivamente commentatore del post e firmatari dalla lettera.

    Sig.ri Amatulli e Cifone, ma siete veramente convinti che la gente possa credere che si sia trattata di un’iniziativa dell’Ufficio Tributi e che voi non ne eravate al corrente?
    Sig. Cifone, forse le sfugge un piccolo dettaglio: lei ha la delega alle Politiche Tributarie e vuol farci credere che non sapesse?
    Per l’ennesima volta vorremmo farvi presente che voi siete lì a fare INDIRIZZO E CONTROLLO. Se non erriamo, l’indirizzo dovreste averlo dato voi con il resto della maggioranza, il controllo, avreste omesso di farlo.
    Se le cose stanno come voi dite, la conseguenza sarebbe la vostra incapacità a controllare e verificare l’operato dei dirigenti per cui, l’unica alternativa sarebbe le vostre immediate dimissioni!

    Siccome noi siamo convinti che le cose non stiano come voi dite, perchè voi sapevate bene quello che facevate, allora sarebbe stato opportuno, oltre che menzionare gli articoli di legge, fare un rigenerante bagno di umiltà e chiedere scusa a tutti quei palagianesi raggiunti dalle vostre raccomandate.

    Per quanto riguarda invece, i due componenti dell’opposizione, per il sig. Carucci…che appare e scompare come una meteora solo per firmare di tanto in tanto dei documenti con il sig. Borracci o con la maggioranza, non sapremmo proprio cosa dire.
    Per il sig. Borracci invece, anche lui avrebbe bisogno di un bagno d’umiltà e dovrebbe chiedere scusa ai Palagianesi tenuto conto che solo qualche giorno prima del nostro post sulla dichiarata illeggittimità dell’accertamento, lui commentava (su fb) testualmente: “ a differenza degli avvisi ici ( la gran parte errata), gli avvisi tia in gran parte appaiono corretti alla luce delle norme esistenti”.

    Considerata la nostra età, sicuramente più avanti rispetto a quella di qualche consigliere su citato, la nostra forma menti s ci porta a non capire come possa un consigliere di maggioranza, condividere un documento con due consiglieri di minoranza. Forse perchè non condivide le decisioni del resto della maggioranza? In quanto consigliere di maggioranza, non avrebbe dovuto conoscere la decisione dell’amministrazione che si pregia di comunicare il sig. Amatulli? O qui ci si strappa l’un l’altro la medaglia di “salvatori della Patria” per poterla appuntare sul proprio petto? Chi sarà il prossimo amministratore che cercherà di prendersi i meriti?
    Stesso discorso, naturalmente, vale per i due dell’opposizione…o possiamo già dire della maggioranza?

    Life, consentici di dire una cosa anche a te…non preoccuparti, non ti bacchettiamo!
    Volevamo solo precisare che, in ogni caso, considerando che non ci sia nulla di ufficiale da parte di quest’amministrazione incapace, bisognerebbe oltre che far girare questa lettera, avvisare anche che il ricorso in autotutela sarebbe opportuno farlo comunque per tutelarsi nel caso in cui questa sia l’ennesima bufala propinata dai nostri amministratori che, se calmato il polverone, dovessero decidere di lasciar andare le cose così come sono, scaduti i sessanta giorni, bisognerebbe pagare e basta. È bene dire che tale ricorso non costa nulla avendo già il modulo pronto. Trascorso il tempo stabilito, allora un eventuale ricorso in Commissione Tributaria avrebbe dei costi ma a quel punto chiunque potrebbe decidere se farlo o no: NON E’ OBBLIGATORIO.

    Ma, torniamo a ripetere, sarebbe opportuno fare, così come riportato anche nell’accertamento inviato dal Comune, il RICORSO IN AUTOTUTELA.

    Per concludere, dopo una lunga discussione e, senza aver trovato un accordo, abbiamo deciso (solo alcuni in quanto altri già sono certi di sapere) di chiedere a chi si occupi di scrivere i documenti pubblici del Sindaco da lui sottoscritti, di accennare due o tre parole per far capire quale possa essere la sua posizione sull’argomento! Se sarete convincenti, faremo finta di crederci e soprattutto faremo finta di credere che l’abbia scritto lui!!!

    _____________________________________gli indignati

  8. qui ormai si uniscono per fare comunicati di “cordata”, senza pensare alla logica e sopratutto al fatto che chi legge non ha le bende agli occhi.
    il cons. cifone nella foga di scrivere con i suoi nuovi amici ha perso una occasione per evitare l’ennesima figuraccia ed essere bacchettato subito dopo. sull’altro oramai non mi meraviglio, cari indignati, del cambio di opinione.
    NOI CITTADINI MERITIAMO RISPETTO E RISPOSTE! non ci interessano le uscite di amici e amichetti di studio.

  9. “…Prima pagina venti notizie
    ventuno ingiustizie e lo Stato che fa
    si costerna, s’indigna, s’impegna
    poi getta la spugna con gran dignità…”
    Don Raffaè-Fabrizio De Andrè.

    Speriamo non vada a finire come pronosticato, già tanti anni fà, dal buon Fabrizio De Andrè.

  10. LEGGENDO IL DOCUMENTO DI CIFONE CONTRO TARASCO IN MERITO ALLA PRESENZA O MENO IN GIUNTA io non voglio aggiungere nulla a tale squallido documento, solo dire una cosa a due persone: BORRACCI E CARUCCI ecco con chi abete firmato documenti insieme: con persone che lo fanno per tutelare il loro sedere ed accaparrarsi la poltrona…altro che buoni intenti..CHE TEATRINO DI PERIFERIA. LA LOTTA PER LO STIPENDIO FANNO E C’è PURE CHI GLI PRESTA LA PROPRIA FIRMA. VERGOGNAAAAAAAAAAA

  11. Sommessamente devo riconoscere che il trio Cifone-Carucci-Borracci ( c.d. BIPARTISAN) ha fatto proseliti; questi, infatti, scrivevano quali Componenti della Commissione Affari economici.

    Noto, con piacere, che e’ nato anche un altro un altro gruppo BIPARTISAN ; piu’ precisamente: Serra ( Gruppo Misto) e Marangione (PdL) quali componenti della Commissione Politiche del Territorio ( vedi Post su questo sito Piano del verde Urbano che non cada nel dimenticatoio -postato il 31.01.2013).

    Non posso che rallegrarmi per questo, atteso che, a quanto pare, finalmente in palagiano i consiglieri comunali , anche se appartenenti a diverse estrazioni politiche, dialogano tra loro per il bene del Comune di palagiano e dei suoi cittadini

Lascia un commento