serra mancini

 

Ancora una volta il primo cittadino non perde occasione per spararle grosse, ma veramente grosse!

Infatti, a leggere le ultime dichiarazioni rilasciate dal sindaco alla stampa dopo il varo della nuova giunta, perfino il comune cittadino mediamente informato non saprebbe se ridere o piangere. Si dichiara che magicamente tutto andrà benissimo, tutto si risolverà, quasi un quadretto da mondo delle favole insomma.

Purtroppo però, spiace avere ancora una volta la controprova che Tarasco sarà pur stato un ottimo candidato in termini di appeal elettorale, ma di amministrazione rimane proprio a digiuno nonostante ricopra un ruolo di grande rilievo istituzionale.

Tralasciando la patetica ed ipocrita farsa delle felicitazioni per la nuova squadra – tutti hanno ancora nelle orecchie gli insulti lanciati a Tarasco dal PD per bocca di Cifone ora vicesindaco (“ il sindaco e gli assessori stanno stringendo un cappio al collo del paese”- quando in realtà è palese che i cambi di poltrona gli sono stati imposti mostrandogli la valigia già fatta per tornare a casa, sarebbe opportuno riflettere sulle considerazioni fatte in merito al programma da attuare.

Tarasco, dimenticando che nulla di concreto si è visto da due anni e mezzo a questa parte, ha l’ardire di dare per certa l’approvazione di opere strategiche quali il  Piano per insediamenti produttivi ed il  PUG. Constatiamo dunque nostro malgrado che, in totale spregio dell’intelligenza dei cittadini che amministra, il sindaco o mente sapendo mentire o non conosce neppure l’ABC del diritto amministrativo. Occorre precisare infatti che le incompatibilità che c’erano permangono tuttora!! In consiglio praticamente non è cambiato nulla..abbiamo solo variato l’IBAN SU CUI VERSARE LE INDENNITA’ DI qualche assessore.

Ora, perché il sindaco prende in giro se stesso e la cittadinanza? Come fa a credere davvero che una maggioranza che non è stata in grado neppure di approvare un piano per il verde urbano (sempre su sollecitazione dell’opposizione e di alcune associazioni locali) possa varare progetti imponenti e complessi come un PUG?. Se perfino nelle piccole cose si litiga per accaparrarsi una fetta di potere o un incarico, figuriamo cosa accadrebbe per grandi progetti!! Viene da piangere solo a pensarci.

La verità, purtroppo, il caro sindaco non ha ancora una volta il coraggio di dichiararla a coscienza pulita: l’ordine è quello di tirare avanti a testa bassa fregandosene dei problemi e del futuro del paese, l’importante è mantenersi a galla tenendosi la sedia sotto il sedere pur di non andare a casa.

Cosa vuol significare il varo dell’ennesima nuova giunta? Che qualcuno è accontentato e si può stare tranquilli per un altro po’…po s penz!

Intanto nella notte di san Lorenzo la marina di Chiatona ha letteralmente rischiato di scoppiare di rifiuti, ed il biglietto da visita regalato ai tanti presenti erano le masse di immondizia accatastate dal giorno precedente tra le quali bisognava fare lo slalom per poter passeggiare. Ad alcuni cassonetti a ridosso del bosco è stato anche dato fuoco, ma la cosa più disdicevole era vedere i commercianti delusi e sconfortati dall’avere, agli ingressi delle loro attività, piramidi di pattume.

Dov’era l’amministrazione, dov’era il sindaco, responsabile della pubblica igiene?!

Palagiano sprofonda sempre più nel degrado, mentre l’unico futuro che il sindaco pare avere a cuore….è il suo!

Speriamo che, dopo aver dato alle scorse amministrative il premio alla carriera, la prossima volta si scelgano i progetti.

PALAGIANO SVEGLIATI, O SARA’ TROPPO TARDI!

L’OPPOSIZIONE:  CONSIGLIERI SERRA, MANCINI,CARUCCI, MARANGIONE

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

2 pensiero su “COPRITE LA TESTA DEL SINDACO, E’ INSOLAZIONE!”
  1. Solo una considerazione; sarebbe più corretto parlare dei lestofanti che ruotano attorno alla maggioranza che si scambiano le poltrone (stesso iban), che passano da una delega all’altra con vice sindaco annesso. Ormai il cittadino ha compreso ed è perfettamente consapevole che senso del bene comune non appartiene a questi pseudo politici uscenti ed entranti di questo povero paese la cui vitalità è lasciata ai ritrovi e manifestazioni dei bar. Che tristezza!

  2. Tutti gli appunti e le obiezioni all’azione amministrativa avanzati dall’opposizione sono certamente ben architettati e se vogliamo legittimi nell’atavica contrapposizione del gioco delle parti. E’ vero che non presentarsi in Consiglio Comunale fa parte di un strategia o di un diritto a non partecipare a un qualcosa che non si ritiene giusto , ma è altrettanto vero che qualcuno può leggere questo atteggiamento come un atto di viltà e di mancanza di rispetto nei confronti di coloro che come alcuni componenti dell’opposizine si affacciano per la prima volta sul panorama politico palagianese. Questa è un’osservazione come se ne possono fare tante altre in ambito politico, come per esempio: perchè sprecare tanto fiato e tempo nella critica, seppur giusta, alla deficitaria azione amministrativa e non, invece, approfittare dello spazio e funzione di controparte politica per far conoscere ai tanti cittadini che vi hanno votato, nel concreto come intendete procedere con la vostra opposizione presentando progetti e alternative valide al nulla amministrativo della maggioranza che voi sapete ben mettere in evidenza? Forse è meglio scegliere la via più semplice, cioè quella della critica fine a se stessa e dell’ironia gratuita e infruttuosa che ben si presta all’accenno di un sorriso ma che non produce nulla di fattivo e costruttivo. Chi lo dice che l’opposizine deve avere solo la funzione di critica e di attacco all’azione amministrativa dalla maggioranza? Tanto più quando non si vede neanche l’ombra di un’azione amministrativa? Queste sono e rimangono solo delle osservazioni di carattere puramente politico e come tali mi auguro che siano di mutevole interpretazione come è giusto che sia la politica nell’atavico e quasi mai fruttuoso gioco delle parti.

Lascia un commento