Cultura,  Provincia

Diatchenko e Spada in concerto

Giovedì 9 febbraio, nell’ambito della 68a Stagione Concertistica organizzata dagli Amici della Musica “Arcangelo Speranza”, sotto l’egida del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Provincia di Taranto e del Comune di Taranto, si esibiranno la violinista Masha Diatchenko e Massimo Spada al pianoforte.

Questi due artisti, dalla giovane età, oltre a continuare gli studi e specializzarsi, svolgono singolarmente un’intensa attività musicale e spesso suonano in duo, riuscendo ad incantare le platee di rinomate sale da concerto. Il duo suonerà presso il Salone della Provincia a Taranto, con inizio alle ore 21.

La Diatchenko è figlia d’arte di settima generazione, nata a Roma, nel 1994. La sua giovane età la rende a tutti gli effetti un enfant prodige. Avviatasi allo studio del pianoforte e del violino all’età di quattro anni, sotto la guida del padre, il Maestro Serguej Diatchenko, dopo un anno ha ottenuto il primo successo, esibendosi come pianista nel recital del Maestro Ennio Morricone nell’Aula Magna dell’Università “La Sapienza” di Roma. Da questa prima importante esperienza ha inizio la sua carriera di musicista, nella quale si è orientata verso il violino, per il quale ha manifestato particolare predisposizione e doti innate. Tante sono state le esibizioni che ha tenuto da solista, accompagnata da Orchestre prestigiose dirette da importanti Maestri, numerose le rassegne alle quali è chiamata a partecipare, come quella per giovani violinisti organizzata a Roma dal Maestro Uto Ughi e prestigiosi sono gli eventi culturali ai quali ha preso parte. Si è anche esibita di fronte a Papa Giovanni Paolo II, Papa Benedetto XVI, Cardinale Bertone ed altri personaggi del mondo della cultura e della politica. A soli 12 anni, ha conseguito il diploma presso il Conservatorio Statale di Genova con 10 e lode e menzione d’onore sotto la guida del Maestro Coco e continua a specializzarsi, frequentando sia vari master-classes di alto perfezionamento, che studiando con il padre, accompagnata dal partner con il quale si esibirà nel concerto tarantino.

Anche Massimo Spada vanta un curriculum artistico molto ricco. Nato a Roma nel 1986, si è avvicinato allo studio del pianoforte all’età di sei anni con la Prof.ssa Ines Salvucci, e dal 1999 con il Maestro Pieralberto Biondi, sotto la guida del quale, nel 2005, si è diplomato con il massimo dei voti e la lode, al Conservatorio di Santa Cecilia. Oltre ad esibirsi in tanti Festival e rassegne musicali, ha continuato ad approfondire le proprie conoscenze del pianoforte, diplomandosi nel 2010 presso la prestigiosa all’Accademia pianistica di Imola “Incontri con il maestro”, sotto la guida dei Maestri Boris Petrushansky e Riccardo Risaliti e attualmente frequenta, presso il Conservatorio di S. Cecilia a Roma, il biennio superiore di specializzazione in Musica da Camera, sotto la guida del Maestro Roberto Galletto.

Nel concerto, il duo eseguirà importanti opere di illustri autori, entrate di diritto nel repertorio della musica classica. Il duo suonerà nella prima parte della serata tre opere di Maurice Ravel: “Sonata in Sol maggiore” e “Tzigane”. Nella seconda, invece, ne saranno proposte due di Tchaikowsky “Meditazione” e “Valzer-Scherzo” e due di Niccolò Paganini “Capricci op.1” e “La Campanella”.

Salone della Provincia – Via Anfiteatro, 4 – Taranto

 

Il costo dei biglietti è di € 15,00 (ridotto – under25, over65 e AgisCard – € l2,00). Per i
bambini è previsto uno speciale biglietto di € 5,00. Diritto di prevendita € 2,00.

Prevendita presso gli abituali punti vendita:

  • Amici della MusicaArcangelo Speranza” – via Toscana 24/d – Taranto – tel. 099.7303972;
  • Basile Strumenti Musicali – via Matteotti 14 – Taranto – tel. 099.4526853;
  • Box-Office– via Nitti 106/a – Taranto –  tel. 099.4540763Ulteriori info sono sul sito www.amicidellamusicataranto.it
Foto del profilo di Facebook

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento