Il 30 ottobre 2012 si è svolto, nell’auditorium “Fratelli Asta” dell’Istituto Comprensivo “Gianni Rodari”, il forum di chiusura del “Progetto di educazione ambientale per la riscoperta, la conoscenza e la tutela della Terra delle Gravine”.

Vi hanno preso parte docenti, alunni, genitori e associazioni locali, alla presenza del relatore-esperto  dott. Romanazzi Giuliano, che insieme al dott. Francesco Ronco,  hanno guidato gli alunni e i docenti in un’esperienza, atta ad  incrementare l’interesse nei confronti del territorio e delle sue peculiarità naturalistiche e storico-antropologiche; aumentare la consapevolezza sulla necessità di salvaguardare le specie in estinzione ed il valore ambientale, ecologico, culturale e turistico e impegnare la collettività verso la tutela di un territorio, attraverso la conoscenza, elemento essenziale all’elaborazione di percorsi di educazione ambientale. Gli interventi sono stati preceduti dai saluti del D.S. prof. Preneste Anzolin che ha messo in evidenza come la scuola “Gianni Rodari” già da molto tempo è impegnata in progetti ambientali. Esaustiva è risultata la presentazione del percorso didattico,  da parte dell’ins. Raffaella Intini, Tutor del progetto, attraverso un Power Point. La stessa ha affermato che le attività svolte hanno contribuito: alla crescita cognitiva, relazionale e comportamentale degli alunni; a migliorare le abilità linguistiche interdipendenti, trasversali e settoriali; a considerare  alcuni spazi territoriali come sistemi di connessioni fra elementi da rispettare e tutelare; a vivere esperienze come occasione di conoscenza e scoperta di ambienti vicini; ad attivare competenze e a trovare senso e significato in ciò che si fa, attraverso un operativo interagente in contesti differenti. Ha concluso sostenendo che nel gruppo c’è stata partecipazione, dinamicità, interattività e interesse per le procedure e le strategie attivate.

L’ultimo intervento è stato quello dei ragazzi che hanno preso parte al progetto: Vito Mastillone e Chiara Colaninno, che con la semplicità delle loro parole hanno espresso il concetto di “Conoscere , per apprezzare e conservare”

La conclusione non può essere che quella espressa dalla dott.ssa Marinella Marescotti nel forum di apertura “ Il Parco è una opportunità per la salvaguardia del territorio e la sua valorizzazione attraverso uno sviluppo ecosostenibile basato sui valori locali e le sue tipicità.

Palagiano, 31 Ottobre 2012

ins. ref. Raffaella Intini 

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento