Cultura,  Mottola,  Palagiano,  Provincia

Il FOTOGRAFO … CHE AMAVA ZANZIBAR.

Zanzibar

Riconoscimenti dal National Geographic Italia e da Vogue

MOTTOLA. Anche la fotografia può diventare un’arte. E l’arte nasce da una passione coltivata o ereditata. Lo sa bene Fedele Forino (La Belle Photo), che, mottolese, classe 1981, dell’obiettivo ne ha fatto la sua ragione di vita.
Così, quel marchingegno, che si chiama macchina fotografica, è diventato lo strumento del suo lavoro quotidiano, ma, soprattutto, lo strumento con il quale immortalare il meglio delle proprie avventure, in Italia come all’estero, in scatti, che sembrano fermare il tempo e, a volte, il cuore.
Le sue mete preferite? L’Africa e Zanzibar. E sono stati proprio questi “paradisi naturali” a diventare il soggetto delle sue foto migliori ovvero delle foto riconosciute tali a livello internazionale.
“Zanzibar. La voglia di giocare”, infatti, è stata giudicata la miglior foto, tra quelle pervenute nel settembre del 2013, al National Geographic Italia, la rivista on line per esplorare il mondo e prendersi cura della terra (www.nationalgeographic.it). Semplice, spontanea, eppure suggestiva. Nessun artifizio, nessun trucco. In questa foto di Forino, c’è solo un bambino di colore, che corre in acqua, circondato dalla naturalezza dei colori di un mare cristallino. Una foto “paradisiaca”, scattata durante una delle sue avventure a Zanzibar, il 6 maggio del 2013. In altri termini, “meravigliosa”, così come giudicata anche da molti lettori.
La stessa foto, poi, è stata anche pubblicata tra le migliori raccolte e selezionate dal magazine Vogue, nella sezione “PhotoVogue”, insieme ad altri scatti realizzati da Forino quasi tutti nel maggio del 2013: Stone Town, Alfabetizzazione, Istanbul Navigazione, Venezia Gondole, Venezia Artista di Strada, Egitto, Londra, Africa e, poi, l’immancabile Isola di Zanzibar, colta in altri scorci di rara bellezza naturale.
Ma non è tutto; c’è un’altra foto di Forino, che è stata giudicata la migliore, tra quelle pervenute ad ottobre del 2012, sempre al National Geographic Italia. Si tratta di “Un’avventura fantastica”. Soggetto dello scatto, le scimmie colobo rosse, specie endemica di Zanzibar. Una foto “bellissima, che lascia un senso di rinascimento nell’anima”, così come commentato dal lettore K?lavuz Deniz.
Del resto, così come ci spiega lo stesso photographer Fedele Forino, <<la fotografia è una trasmissione di emozioni, attraverso lo scatto su un momento, un paesaggio, persone o semplici oggetti, che l’occhio del fotografo coglie in un’ottica diversa da quello che è il contesto naturale dell’oggetto immortalato>>. Chi è, dunque, il fotografo per Forino? <<Colui che riesce a reinventare, in un ottica artistica, cose, oggetti e persone comuni, rendendoli unici>>.
Una passione per l’obiettivo, la sua, nata sin da quando, per la prima volta, suo padre gli passò la propria macchina fotografica. <<Come ogni passione – ci spiega – comporta dei sacrifici e delle rinunce. Ma le privazioni servono anche ad accrescere l’esperienza. Oggi, il mio appagamento nasce dal riscontro positivo, dal consenso dei miei clienti e dalle agenzie fotografiche, che mi ripaga della costanza, della pazienza e dello spirito di avventura, che mi hanno sempre caratterizzato, stimolandomi a fare meglio e sempre di più>>.

Foto del profilo di Facebook

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento