Arci,  Cultura,  Palagiano

“Il Nulla Lucente”

nulla lucente

 

Il Circolo Arci SvegliArci di Palagiano inaugura Venerdì 29 agosto la mostra “Il nulla lucente” in omaggio ad uno dei più acuti e  discussi intellettuali del novecento, Pier Paolo Pasolini. La mostra sarà aperta al pubblico presso l’androne del Comune  in Piazza Vittorio Veneto; si concluderà domenica 31 agosto.

 

“Il nulla lucente”, è un tributo a Pier Paolo Pasolini e ad Ilaria Vino, studentessa universitaria scomparsa prematuramente nel 2010 e figlia dell’artista. L’iniziativa è stata sostenuta e  patrocinata dal Comune di Bari, dall’ Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari,  dall’Arci Puglia e dal Centro Studi “Pier Paolo Pasolini” di Casarsa della Delizia (PN).
Il programma, ideato da Claudio Vino, pittore,scultore ed artista, , è pensato come un importante percorso composito, tra letteratura ed arte visuale, con al centro la figura e l’opera di Pasolini, ma è anche allo stesso tempo un ricordo appassionato e commosso di Ilaria, figlia di Claudio Vino, una ragazza che col padre collaborava da tempo a questo progetto, scomparsa qualche tempo fa all’età di venti anni. Il dato culturale e quello umano sono quindi fusi strettamente in questo omaggio.
“Il nulla lucente” focalizza la sua attenzione sul dato letterario e al tempo stesso politico dell’artista e pensatore friulano.
 

 

Il Prof. CLAUDIO VINO, nasce a Bari nel 1953, si laurea all’Accademia di Bari con la tesi su Francis Bacon. Assecondando poi la doppia passione per la storia e la poesia, consegue la laurea con una tesi su Pier Paolo Pasolini cineasta. Ha insegnato negli anni ‘80 figura disegnata presso il Liceo Artistico di Treviso. Inoltre sono numerose le collettive importanti cui ha partecipato, in Italia e all?estero. Dai primi anni ‘90 insegna discipline pittoriche presso il Liceo Artistico di Matera.

 

Circolo Arci SvegliArci

Foto del profilo di Facebook

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento