Ambiente,  Comunicati dal Comune,  Palagiano,  Turismo

L’amministrazione Comunale: “IMPORTANZA STRATEGICA PER LA NOSTRA COMUNITÀ, PER IL TURISMO E L’ECONOMIA DELLA NOSTRA CITTÀ”

Un’ordinanza sindacale attesa da 35 anni.
È arrivata ad una svolta decisiva l’annosa questione del villaggio turistico Pino Di Lenne. Il sindaco di Palagiano Domiziano Lasigna ha firmato l’ordinanza di chiusura immediata della struttura turistica abusiva.

Ieri mattina, le forze dell’ordine hanno eseguito un intervento congiunto: la polizia locale con il comandante Diletta Santopietro, i carabinieri della stazione locale guidati dal vicecomandante Rodolfo Gentile e i carabinieri forestali guidati dai marescialli Maurizio Ronco e Francesco Carbone, hanno ispezionato i luoghi occupati dal villaggio turistico.

Insieme agli ispettori della Asl – Maria Rosaria Turco e Lorenzo Cristofalo – e al responsabile dell’ufficio tecnico comunale, ingegner Giuseppe Iannucci, hanno constatato che la struttura è risultata priva di agibilità, interamente abusiva e già oggetto di un’ordinanza di demolizione. All’interno della struttura è stata riscontrata persino la mancanza di acqua corrente potabile.

In seguito all’intervento delle forze dell’ordine, il sindaco Domiziano Lasigna ha emesso l’ordinanza di chiusura immediata della struttura, disponendo l’interdizione e l’inaccessibilità della stessa poiché sprovvista di autorizzazioni e di requisiti igienico-sanitari.

La questione del villaggio turistico Club Magic Garden di Pino di Lenne, con il suo strascico di vicende giudiziarie che si susseguono da decine di anni, è stata una delle priorità dell’amministrazione Lasigna sin dal suo insediamento. Già nel consiglio comunale del 31 luglio scorso si dava conto delle attività avviate e finalizzate alle operazioni conclusesi ieri 4 agosto. Infatti il dossier su questo tema è stato affrontato da subito, in modo approfondito, alla ricerca di strategie per risolvere definitivamente la questione.

L’obiettivo è quello di ristabilire il principio di legalità e salvaguardare le condizioni di sicurezza per le persone e per l’ambiente naturale. Perciò, in queste settimane, l’amministrazione ha mantenuto un costante livello di coordinamento con le forze dell’ordine. Siamo certi che ci sia ancora strada da fare perché quel tratto di pineta torni nella effettiva disponibilità comunale.
Quelle aree hanno una importanza strategica per la nostra comunità, per il turismo e l’economia della nostra città. La storia va avanti da 35 anni senza che fosse mai posto un punto fermo, oggi possiamo ribadire con certezza che dal 1982 è la prima volta che si procede a tale intervento adottando un’ordinanza di questa portata. Partiamo da qui e rimpossessiamoci delle nostre bellezze, costruiamo il nostro futuro.

Foto del profilo di Facebook

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento