A leggerli e rileggerli, ci si convince sempre di più che, questa volta, almeno per una volta, si può essere soddisfatti per quanto è stato realizzato dai nostri rappresentanti politici, di maggioranza e opposizione.
Per chi considera la Cultura un investimento per impiantare le basi di uno sviluppo sociale e culturale, oltre che prospettiva di ricchezza economica, l’approvazione dei Regolamenti, nel corso del Consiglio Comunale del 21 luglio 2015, rappresenta un avanzamento straordinario nella definizione di una nuova trama nel tessuto culturale cittadino.
Si tratta di provvedimenti fondamentali, dalla portata rivoluzionaria, per le relazioni tra l’Amministrazione comunale e le Associazioni culturali locali, in grado di disciplinare sistematicamente il settore del volontariato palagianese, tanto frizzante e vivace, quanto vilipeso e osteggiato dalla politica da pianerottolo che ci ritroviamo.
In particolare, con il primo Regolamento vengono costituiti a Palagiano l’Albo e la Consulta delle Associazioni, strumenti di partecipazione inediti per promuovere l’autonomia delle organizzazioni e lo svolgimento delle loro attività culturali.
L’adesione a questo organismo offre la possibilità storica per le Associazioni palagianesi di proporre alle istituzioni cittadine la programmazione e la gestione delle scelte politiche, culturali ed economiche di Palagiano, per migliorare la qualità dell’impegno associativo.
Attraverso la Consulta delle Associazioni le risorse creative e culturali del nostro Comune, diventeranno lo strumento per contribuire alla vita cittadina, attraverso proposte e piani di programmazione della Cultura Palagianese.
Il Regolamento per l’affidamento degli immobili comunali rappresenta, invece, un argine insormontabile contro il clientelismo della politica locale, parassitaria e retrograda che pretende di speculare, persino, sulla fruizione delle strutture comunali.
Aver disciplinato la concessione di tutti gli immobili del Comune, nessuno escluso, in favore delle Associazioni significa favorire la trasparenza e il buon andamento dell’azione amministrativa.
Il Regolamento per la concessione dei contributi economici e dei patrocini del Comune, infine, è un tentativo concreto e definitivo per arrestare lo scempio dello sperpero di denaro pubblico in favore di soggetti, che in alcuni casi, agiscono in contesti torbidi e poco chiari ed in cui è difficilissimo vigilare sull’utilizzo delle risorse pubbliche.
Senza alcun dubbio si tratta, quindi, dei migliori provvedimenti adottati dal Consiglio Comunale, nel corso di questo mandato amministrativo, che non solo non prevedono spese per il Comune, ma ne garantiscono introiti sicuri e duraturi.
Si tratta di un successo evidente del movimento politico SEL e ARCA e un merito di Gianni Romanazzi, Vito Cervellera, che al sottoscritto hanno preparato la strada, in seguito ad un percorso collettivo di lavoro e di studio durato molti anni.
L’auspicio è che tutti, cittadini e associazioni, adesso, difendano questa preziosa conquista, in quanto se la nostra classe politica è riuscita a promuovere questi Regolamenti, questi Regolamenti possano promuovere una nuova classe politica.
Palagiano 29 luglio 2015
Il Consigliere Comunale
Pierluca Agrusti

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento