860995_533672679987690_952636409_o

Due autori giovanissimi con la passione per la scrittura, l’arte, la musica. Non solo libri…. proiezioni, mini-spettacolo, performance, racconto. Il THE FACTORY URBANLAB di Palagiano (Ta) in linea con la programmazione di attività ed eventi lascia spazio ai giovani, alla creatività e all’intraprendenza.
In collaborazione con Libreria Libriamo (Palagiano) presenta due appuntamenti per nulla scontati ma che di intraprendenza ne hanno da vendere. Lunedì 25/02 l’artista e storico dell’arte Gianluca Marinelli e Sabato 3/03 l’autore e musicista Andrea Martina ospiti del THEFACTORY URBANLAB in via Oronzo Massa, 25 – Palagiano (Ta).
> Lunedì 25/02  –  ore 19:00  – Gianluca Marinelli, presenta “Taranto fa l’amore a senso unico. Esperienze artistiche nei primi anni dell’Italsider (1960-1975)”, Argo Editrice, e lo fa con la proiezione delle immagini più significative delle esperienze artistiche di quegli anni.
“In questi giorni, le vicende dell’Ilva (ex Italsider) di Taranto hanno portato in modo drammatico alla ribalta nazionale la problematica del rapporto fra industrializzazione e tutela dell’ambiente e della salute. Quando, però, ormai vari decenni fa, venne impiantato nella città dei due mari il più grande centro siderurgico d’Europa, il clima era assai diverso. Lo riproduce egregiamente il saggio di Marinelli che, analizzando con grande rigore la politica culturale dell’Italsider, affresca proprio gli anni dell’ottimismo industrialista, capace di coinvolgere personalità di primo piano della cultura italiana, dalla letteratura alle arti figurative, e ricercare, spesso con successo, le giustificazioni teoriche alla gigantesca operazione che rimarrà contrassegnata dal fortunato slogan “acciaio tra gli ulivi”. Simbolo di questo pezzo di storia, proprio la copertina disegnata da Flavio Costantini per la monografia edita dall’azienda nel 1961: l’ulivo contorto in primo piano e, sullo sfondo, il lindo stabilimento appena insediato raccontano molto più della storia di un “polo di sviluppo”. Quanto al rapporto col mondo della cultura, non fu né semplice né univoco e certo non si esaurì entro le linee tracciate dall’ambizioso progetto aziendale: il ruolo degli intellettuali fu spesso vivacemente critico, preconizzando talvolta con largo anticipo i guasti cui avrebbero portato le irresolutezze e le contraddizioni dell'”illuminato” capitalismo di Stato incarnato dall’Italsider”.
> Sabato 02/03 – ore 18:30 – Andrea Martina porta in scena il suo Mini-spettacolo di presentazione del romanzo “Fratelli Di Strada” edizioni Albatros Il Filo/ immagine di copertina Angela Dima.
“Amici per la pelle cresciuti in mezzo alla strada poiché entrambi figli di malavitosi, Oscar e “il Casanova” sono ormai figure di spicco della delinquenza locale, che fonda la sua esistenza sullo spaccio di droga e la riscossione del pizzo, e vivono con il desiderio di vendetta verso Romeo De Vecchi, il boss che uccise i loro padri. Nel momento in cui hanno questa possibilità, devono però scendere a patti con una realtà criminale
molto più grande della loro. Sullo sfondo dell’incantevole provincia leccese, le connivenze tra organizzazioni di stampo mafioso e le istituzioni (politica, forze di polizia), l’entroterra umano dei protagonisti e il coraggio dell’informazione sono gli altri principali ingredienti di questa storia di ordinaria quotidianità che, con la sua narrazione incalzante e verosimile, ha il pregio di sensibilizzare il lettore verso una fra le maggiori problematiche della società contemporanea.”
Due appuntamenti da non perdere, dai temi attualissimi e impegnativi, portati alla ribalta da giovani di talento a 360°.

DOVE
Thefactory Urbanlab
via Oronzo Massa, 25 – Palagiano (Ta)

in collaborazione con
Libreria Libriamo – Palagiano (Ta)

> Lunedì 25/02/ 2013 – ore 19:00
Gianluca Marinelli
“Taranto fa l’amore a senso unico.
Esperienze artistiche nei primi anni dell’Italsider (1960-1975)”
Argo Editrice

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento