Palagiano,  Politica

TAGARIELLO: “Smettetela di dire CAVOLATE”….

tagariello
Veramente non se ne può più.
Dopo il nostro intervento sullo stato di morte della maggioranza, si sentiva la mancanza dei comunicati del PD, a firma del Consigliere Pietro CIFONE e suppongo condivisi da tutti gli attori principali: consiglieri, assessori, segretaria cittadina.
Il collega CIFONE asserisce che grazie al lavoro della maggioranza, sono in arrivo 400.000,00 € per riqualificazione del campetto della zona Bachelet, dell’attuale centro diurno e dell’area pic-nic”.
Vorrei spiegare in modo elementare per far capire bene a Cifone cosa, invece, è previsto.
Innanzi tutto non è in arrivo un bel niente.
Infatti dovremmo noi, decidere di investire per i prossimi 10 anni 40.000,00 euro all’anno di FONDI COMUNALI accedendo ad un mutuo e la Regione Puglia ci darebbe a fondo perduto, solo gli interessi che maturerebbero.
Quindi, nessun finanziamento in arrivo, ma solo un investimento mirato che, seppur importante, ci vincolerebbe a intervenire solo su alcune opere pubbliche, visto che saremmo obbligati a non utilizzare i suddetti fondi su altre opere che da qui a dieci anni potrebbero richiederne l’utilizzo.
E visto che il consigliere Cifone non ha la sfera di cristallo, chi ci dice che vincolare dei fondi sia un fatto positivo? Sentiti gli uffici, potremmo comunque accendere un mutuo, senza obblighi, e decidere noi volta per volta su cosa intervenire…no??
E vorrei sapere ancora da Cifone, cosa pensa della sentenza che, pochi giorni fa è arrivata in Comune che ci obbliga a pagare forse una cifra vicino ai 400.000,00 euro per una causa persa con un cittadino?
Facciamo un mutuo che ci vincola 400.000,00 euro, poi un altro di circa 400.000,00, per saldare il conto con il cittadino che ha vinto la causa, così già stiamo raschiando il fondo delle casse comunali e per i prossimi dieci anni, ci carichiamo di altri 800.000,00 di debiti.
Ti dico io come si fanno gli interventi a costo zero.
Da dieci mesi, da quando si è insediata l’amministrazione Tarasco, sulla scrivania dell’ing. Iannucci responsabile dell’ufficio tecnico, il sottoscritto, ha lasciato il bando per la “RIVALUTAZIONE DELLE AREE VERDI COMUNALI” che comprende anche la zona pic-nic che indichi tu nel tuo inutile intervento.
Nel bando, se vuoi vai e leggilo, era prevista l’assegnazione di aree verdi a privati che avrebbero ottenuto l’autorizzazione a costruire un chiosco-bar da gestire, con l’obbligo di cura del verde e la guardiania delle aree.
Cosa avremmo ottenuto:
aree sorvegliate di giorno e videosorvegliate di notte per evitare lo scempio dei vandali, il verde curato da parte del gestore, il versamento di una piccola quota per il fitto del terreno nelle casse comunali(piccola quota visto che la rivalutazione sarebbe a carico del gestore del bar) e in ultimo, se vuoi considerarlo per ultimo, dare la possibilità a un qualsiasi cittadino deluso della politica (credimi sono in tanti)di rivalutare la stessa, mettendo a disposizione un posticino di lavoro come commerciante.
CONTROLLO DEL TERRITORIO, INCASSI PER IL COMUNE, E POSTI DI LAVORO.
ALTRO CHE CAVOLATE ,PIERO.
Nei prossimi giorni diremo altro su alcuni dei nostri colleghi. Amici e non. Ma come qualcuno mi ha insegnato, l’amicizia è una cosa, la politica è un’altra.
Ogni qualvolta sparerete baggianate vi smaschereremo.
Vi staremo addosso, col fiato sul collo. Vedete di non fare CAZZATE

Palagiano,li 04 marzo 2013
Il Consigliere di maggioranza
Mauro TAGARIELLO

Foto del profilo di Facebook

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

6 commenti

  • zipozipo

    Vi ringrazio per quello che state facendo e per la vostra onestà politica,ora vi chiedo perchè dopo dieci anni il palazzetto dello sport è rimasto un rudere in abbandono?.Vorrei sapere quanti soldi sono stati spesi? e a chi? ricordo che il bando affisso ad inizio lavori prevedeva una spesa di £860.000,00,volete aprire questo coperchio e raccontarci come stanno realmente i fatti?Ogni paese civile è attrezzato di strutture sportive che ospita i cittadini di tutte le età a fare attività fisica, sport e quant’altro.Inoltre queste strutture creano scambio commerciale tra paesi, programmando tornei ed altre attività.Mi rivolgo principalmente al consigliere Tagariello che era componente di maggioranza della passata amministrazione.Questa è una baggianata vecchia dove sono state sparate tante di quelle date e tante cazzate….roba da “provolone di striscia la notizia”.

  • gli indignati

    Sig. Tagariello,
    dobbiamo ammettere che con questo articolo un po’ lei abbia raddrizzato il tiro! A dire il vero eravamo tentati di rispondere all’articolo precedente scritto da lei e dal sig. Lippolis e lo stavamo per fare poi però, è arrivato questo secondo comunicato!
    Quello che, volevamo chiedere a lei ed al sig. Lippolis in precedenza, non ce ne voglia ma, glielo chiediamo ugualmente! Noi non riusciamo proprio a capire il perchè continuiate a parlare di assegnazione di deleghe, di equa spartizione… ma ci spieghi, è veramente convinto che una delega possa cambiare lo stato delle cose? È veramente convinto che lei o il sig. Lippolis, con una giusta delega, riuscireste a cambiare la pietosa situazione di quest’amministrazione? È convinto che l’assegnazione di un assessore potrà esservi d’aiuto? Non crede che l’unica ed indiscutibile soluzione a questo stato di oscenità siano le dimissioni del primo cittadino? Sig. Tagariello, Sig. Lippolis, qui non si può certo migliorare assegnandovi una delega o un assessore. Questi signori, a partire dal primo cittadino, hanno ben dimostrato di quanto sono capaci, hanno il coltello dalla parte del manico e continueranno a tenerlo costi quel che costi! Questi negano l’evidenza (vedi batosta alle politiche dove “qualcuno” ha avuto la sfacciataggine di accusare i dirigenti pugliese e tarantino quando conosce benissimo quello che Palagiano pensa di lui)! Questi sarebbero disposti a barattare quanto di più impensabile per i propri interessi e non sarà certo il vostro ingresso in maggioranza a farli redimere…a proposito… “consigliere di maggioranza”??? sig. Tagariello, lei è sicuramente stato eletto nella maggioranza ma non crede che il fatto di non condividere l’operato della stessa in un certo senso la releghi all’opposizione? O quanto meno in un limbo? Lei ed il sig. Lippolis non siete ben accetti tra “i capi” e la dimostrazione ne è il fatto che siete tenuti fuori dalle riunioni di maggioranza e da tutte le decisioni prese e lei, continua a definirsi consigliere di maggioranza? Non sarebbe più corretto definirsi “consigliere eletto nelle file della maggioranza”?
    Francamente quello che crediamo è che l’unica lotta che i monelli dovrebbero portare avanti è proprio quella di portare questa amministrazione alle dimissioni. Non ci sono altre strade da percorrere! DI QUESTO NE HA BISOGNO L’INTERA PALAGIANO!

    Con stima__________________gli indignati

    • ADANEGRO

      BENTORNATI SIGNORI INDIGNATI!!!

      Era ora. Avevo perso le speranze.
      Devo dire grazie ai MONELLI per sincerarmi della vostra esistenza.

      Condivido le vostre considerazioni e disquisizioni in merito al post dei monelli, ma non comprendo un aspetto. Voi dite che l’unica attività che possono fare i due consiglieri di maggioranza è quella di sollecitare le dimissioni del Sindaco. Sono d’accordo con voi. Io lo sostengo da diversi mesi. Però credo che, in attesa delle dimissioni del 1° cittadino, auspico che i monelli DEBBANO OCCUPARE il posto dove sono stati relegati da un legittimo corpo elettorale. Quindi, occupare l’alveo naturale. In maggioranza per controllare. Altrimenti quegli “SPAZI”, molto appetibili, potrebbero essere occupati dai MERCENARI della politica, eletti per stare all’opposizione, ma di fatto situati ai lati della porta d’ingresso della stanza della maggioranza come ACCATTONI che chiedono elemosine per soddisfare unicamente gli interessi personali. A tal proposito vorrei citarvi un particolare che mi ha colpita. Uno dei consiglieri eletti all’opposizione, svincolatosi successivamente e associatosi al MAESTRINO, sentendosi consigliere di … (maggioranza), anzichè di opposizione, per dimostrare la sua esistenza e potenza, soprattutto per mettere alla prova chi aveva voluto il loro sostegno, ha chiesto la rimozione della giostrina per bimbi che è posta, da diversi anni, in piazza, in prossimità del vecchio municipio. La cosa aberrante di tale situazione è riassunta nel fatto che un familiare del consigliere, al fine di accertare quanto indicato in autorizzazione, si era permesso di rilevare, impropriamente, con apposito metro, le distanze dalle abitazioni.
      Voi mi potreste dire cosa significa questo accostamento?
      Bene. A mio modesto parere, questa è la prova provata che se lasci uno spazio qualche altro lo occupa nell’interesse personale e delle lobbi che rappresenta. Dico che i MONELLI, anche con la forza debbono mantenere la posizione originale. Quella voluta dagli elettori, in MAGGIORANZA.

      Io non difendo i MONELLI, anzi li ho ammoniti e criticati in diverse occasioni, facendogli pervenire le mie sollecitazioni, le dimissioni. A mio parere, entrambi “I MONELLI” dovrebbero avviare una serie di iniziative volte ad acquisire e segnalare, con semplici esposti, alle AUTORITA’ preposte, coinvolgendo la parte sana della opposizione, tutte quelle situazioni che potrebbero essere valutate penalmente rilevanti. Adesso CARNE SUL FUOCO NE TROVI QUANTO NE VUOI. Da ultimissimo le responsabilità di chi ha nominato una importante commissione per l’espletamento del concorso, in mobilità di un unico partecipante, al posto di COMANDANTE della P.M.- Il presidente, pare sia gravato da precedenti penali rivenienti proprio nell’esercizio delle proprie funzioni. Quindi soggetto incompatibile. Bisogna fare presto per impedire queste situazioni.
      Sono arci convinta che se le AUTORITA’ attenzionassero un poco le attività di questa giunta e/o amministrazione comunale, si inizierebbe a vivere e poter affermare che anche a Palagiano si può ….

      Concludo invitando i MONELLI ad andare avanti e a non farsi comprare per DUE LENTICCHIE come ha fatto il RINNEGATO.
      ADANEGRO.

    • gli indignati

      Sig.ra Adanegro! Come siamo felici nell’apprendere che le siamo mancati! Stia tranquilla però: non abbiamo alcuna intenzione di scomparire; è solo che a volte gli impegni ci tolgono anche il tempo di metterci seduti a leggere e scrivere, ma le possiamo garantire che siamo sempre presenti! Detto questo passiamo al dunque. Quello che forse non riusciamo a spiegare è il fatto che, pur non discutendo sul fatto che i monelli siano stati eletti per sedere alla maggioranza, di fatto siano stati relegati all’opposizione. Per poter vigilare, controllare e denunciare non è necessario essere alla maggioranza bensì basta fare il proprio dovere come consigliere…anche e soprattutto d’opposizione! Non è certo l’assegnazione di una delega o di un assessore che dia la possibilità a dei consiglieri di fare il loro dovere! Al contrario, la continua richiesta di deleghe, lascia intendere (almeno a noi, ma possiamo anche sbagliare) che con l’assegnazione delle stesse, ci sia la possibilità di calmare le acque! Anche noi le portiamo alcuni esempi. Lei ha citato il consigliere Latagliata che, se fino alla scorsa legislatura si poteva pensare che in qualche modo fosse plagiato dalla forte personalità dell’ex sindaco, oggi è de plano che sia tutt’altro che plagiato bensì abbia solo atteso il giusto prezzo. Vuole sapere perchè? Si è dovuta scomodare una Giunta Comunale per accontentare l’ennesimo capriccio della persona in questione deliberando un contributo di € 60,00 per un pullman che porti i ragazzi diversamente abili ad una partita di basket. Ora, sull’iniziativa, nulla da eccepire ma riunire una giunta per €60,00 quando sarebbe bastato chiederne 20,00 a testa agli assessori e lasciare i soldi pubblici…beh! Consideri che convocare una Giunta richiede un dispendio di tempo e denaro (i dipendenti comunali avrebbero potuto svolgere altre mansioni più importanti ed imminenti) che si sarebbe potuto tranquillamente ovviare per una tale cifra. La verità è doppia però! Oltre a non voler rimetterci nemmeno un centesimo di tasca propria (vedi attacco gratuito dopo la richiesta del sig. Serra di rinunciare alle indennità), c’è il fatto, ancora più grave, del voler informare la cittadinanza del fatto che si debbano portare dei ragazzi diversamente abili ad una partita e quale metodo migliore per rendere pubblica la cosa se non con una delibera di giunta?…cosa non si sarebbe disposti a fare per un momento di gloria!?! Sig.ra Adanegro, ci lasci dire che tutto questo è schifoso! Se poi considera che quei soldi siano stati dati all’associazione “Misericordia” che tempo fa ha ottenuto un contributo di € 10.000,00! Qui abbiamo superato di gran lunga il limite della decenza!
      Ne vuole ancora?
      Nell’ultimo Consiglio Comunale, il caro sindaco è stato attaccato in maniera brutale dal consigliere Cifone, dal consigliere Borracci, dal consigliere Serra e dal consigliere Mancini, dopo aver letto una serie di documenti privati del PD che esplicitavano il fatto che lo stesso partito tenesse il sindaco sotto ricatto. In quel consiglio, i due monelli, avrebbero dovuto chiedere lumi, avrebbero dovuto chiedere delle giustificazioni da parte del primo cittadino! È inammissibile che lo stesso, attaccato in quella maniera, non abbia avuto nulla da eccepire! Ed è ancora più inammissibile che i monelli o l’opposizione non abbiano preteso delle spiegazioni!
      Andiamo avanti?
      Con la cacciata del vicesindaco Mellone, la stessa ha tirato fuori tanti di quelli intrallazzi da far arrossire…meglio non dire (rischieremmo la censura di Life). Ora, nonostante siamo certi che tanta cattiveria sia stata determinata solo dalla cacciata, in caso contrario tutto avrebbe continuato ad andare liscio come l’olio, le chiediamo: le sembra normale che NESSUNO abbia ritenuto opportuno prendere quelli scritti e presentarli a chi di competenza? Nessuno ha ritenuto opportuno convocare un Consiglio straordinario per discutere su quanto detto? Lei crede che sia necessario stare alla maggioranza per far tremare questi gran signori? Lei crede che i silenzi dei monelli abbiano un minimo di giustificazione? Lei stessa dice che c’è tanta carne a fuoco e allora? La lasciamo bruciare senza intervenire sino a quando, ridotta in cenere, non ci sarà più nulla da fare? Non si potrà più intervenire?
      Cosa dovrebbero fare i monelli secondo noi? DEVONO TOGLIERE IL RESPIRO A QUEST’AMMINISTRAZIONE, LA DEVONO MARCARE E DENUNCIARE OGNI MALEFATTA PRIM’ANCORA CHE QUESTA ACCADA, ESSERE UNA SPINA NEL FIANCO COSI’ DOLOROSA DA PORTARE IL CARO DR. TARASCO ALLA RESA E…ALLE DIMISSIONI!
      Sia chiaro, questo non certo per un capriccio personale bensì per il bene comune del paese!

      Con affetto__________________gli indignati

  • ADANEGRO

    Cari INDIGNATI vi reputavo più intelligenti. Non pensavo che da quando avete sostenuto “RIVOLUZIONE CIVILE” vi sareste confusi al punto tale da non disquisire più il bianco dal nero, ovvero, il giorno dalla notte.
    Cari indignati avete la memoria corta. Se non erro uno dei monelli eletto nella lista civica del sindaco, colpevole solo di aver sostenuto quanto rivendicato dal RINNEGATO che chiedeva, legittimamente, l’assessorato ai servizi sociali, ha mandato alle ortiche tutte le sue prerogative nell’interesse di una comunità che da anni langue nel degrato più assoluto.
    L’iniziativa del MONELLO aveva un duplice interesse: 1° ottenere visibilità in giunta tramite l’assessorato ai servizi sociali da destinare alla gestione del RINNEGATO; 2° ottenere l’ingresso in consiglio del PRIMO dei non ELETTI, Giulio RESTA. Sapete come è andata a finire. Quindi, non nascondete la testa sotto la sabbia come gli struzzi. Cari indignati, conoscete molto bene il MONELLO in questione. Non è alla ricerca di deleghe e/o di poltrone. Chi scrive conosce tutte le dinamiche che hanno portato il monello a fare la scelta che stà perseguendo. Non dimenticate che costui non ha accettato, come ha fatto il RINNEGATO, di cospargersi il capo di CENERE, cosi come aveva richiesto il DUO.

    Egregi indignati, questa volta avete toppato. Quel MONELLO, ha dimostrato, schierandosi a favore del RINNEGATO e del 1° dei non eletti; Costoro sarebbero stati capaci di fare altrettanto? Non lo credo proprio – il RINNEGATO ha risposto con il suo comportamento – SI E’ COSPARSO LA TESTE DI CENERE ED HA VENDUTO LA SUA ANIMA ALL’ALCHIMISTA – E Giulio RESTA e il suo endourage? – NON PERVENUTO – Forse VOI INDIGNATI sareste in grado di darmi una risposta. Comunque vi ricordo che avete un’altra possibilità: “VISTO CHE I MONELLI SONO INTENZIONATI A TENERE PROSSIMAMENTE UN COMIZIO, SOLLECITATE GIULIO RESTA A SALIRE SUL PALCO PER ILLUSTRARE AGLI IGNARI IL PROPRIO PENSIERO”.

    Infine vorrei fare un altro appunto: “SICCOME SIETE MOLTO INFORMATI, ANCHE CON DOVIZIA DI PARTICOLARI, SULLE ATTIVITA’ POCHE TRASPARENTI E PENALMENTE RILEVANTI DI QUESTA AMMINISTAZIONE, PERCHE’ INVECE DI INVITARE I MONELLI A PRODURRE DENUNCE ALLE AUTORITA’, NON LI PROPONETE VOI? – E PERCHE’ NON AVETE SOLLECITATO I CONSIGLIERI DI OPPOSIZIONE A PRODURRE LE OPPORTUNE SEGNALAZIONI?” –

    Non è bello nascondersi dietro gli altri. Iniziate voi cosi date l’esempio. GRAZIE
    ADANEGRO.

    • gli indignati

      Certo che sentirsi responsabili di aver fatto adirare una donna ci preoccupa fortemente!!! Una donna in preda all’ira farebbe tremare un esercito di Marines!
      Oh! Si calmi sig.ra Adanegro! Abbiamo solo espresso delle considerazioni!
      Intanto volevamo rincuorarla su un fatto che sveliamo solo a lei! Alcuni di noi hanno votato per Rivoluzione Civile, ma altri, come detto anche un po’ di tempo fa (si vede che non è stata tanto attenta!) hanno votato per Movimento 5 Stelle. Per cui se confusione mentale c’è stata, la stessa è attribuibile a due personaggi: Ingroia e Grillo!
      Detto ciò, le chiediamo: lei è proprio certa che l’ingresso in maggioranza del sig. Resta possa cambiare le cose? Le alternative sono due. Con il suo ingresso, o lo stesso Resta o uno dei monelli, dovrebbero entrare in giunta, giusto? A questo punto o il neo assessore si adegua alle decisioni della maggioranza oppure, come sarebbe corretto fare nel rispetto della propria dignità, si dimette allo scadere delle ventiquattrore! Poi ci sarebbe, a dire il vero, la terza opzione e cioè che la maggioranza, visto l’atteggiamento che vada contro quello che è il loro volere, come fatto in passato con l’assessore Orlando, gli dia il ben servito! E allora cosa sarebbe cambiato secondo lei? Glielo diciamo noi: NULLA!
      Lei ci chiede, non abbiamo ancora chiaro a che titolo, di chiedere al sig. Resta di intervenire al prossimo comizio che, come lei dice, terranno i monelli. Cara signora Adanegro, se avessimo l’opportunità di parlare con il sig. Resta (anzi, quasi quasi ne approfittiamo per mandargli il messaggio), gli consiglieremmo caldamente di salire su quel palco e prendere pubblicamente le distanze da una maggioranza così sporca! Per il resto non abbiamo il potere di imporre la nostra volontà con le nostre mogli e i nostri mariti, figurarsi con un estraneo!
      Quando poi lei ci accusa di nasconderci dietro gli altri, vorremmo invitarla, ci perdoni, a riflettere con calma su quello che sostiene per due semplici motivi:
      1- in più occasioni abbiamo spronato anche i consiglieri di opposizione e loro, persone intelligenti, non hanno avuto da aggredire nessuno anzi, sono stati pronti al dialogo ed al confronto!
      2- partendo dal fatto che siamo, per principio, certi che le denunce non risolvano le situazioni, quando parliamo di “spina nel fianco; denunciare le malefatte, togliere il respiro”, non lo facciamo con Adanegro o con Mario Liverano o con Cesare Augusto o con chicchessia, ma lo facciamo con dei CONSIGLIERI COMUNALI CHIAMATI A FARE ATTIVITA’ DI INDIRIZZO E CONTROLLO E NON a lasciar correre se in un Consiglio Comunale il sindaco OVVERO il primo cittadino dice velatamente di essere preda di un partito! Noi, come lei, non abbiamo alcun titolo per controllare quanto accada sulla casa Municipale! Ci consenta però un pizzico di presunzione! Nonostante ciò, nel nostro piccolo e per quello che noi intendiamo per “ denuncia” qualcosina l’abbiamo fatta. Non dimentichi che se alcune delibere sono state prese al vaglio dai consiglieri è perchè le abbiamo rese noi pubbliche. Nessuno, prima, si era preoccupato di leggerle e verificarle! E non dovremmo certo essere noi a fare controllo!
      Sig. ra Adanegro, siccome siamo più che certi che i monelli siano persone responsabili e intelligenti, le diremmo volentieri di lasciar rispondere loro anziché ergersi a difensore ma non lo facciamo e sa perchè? Perchè il comportamento giusto è proprio quello assunto dal sig. Lippolis con il comunicato fatto oggi su questo portale con il quale dimostra, oltre che la sua grande correttezza e trasparenza, anche il fatto di aver capito bene, al contrario suo, quanto noi volessimo dire nel post precedente a questo.
      Alla prossima…sperando in toni più pacati_____gli indignati

Lascia un commento