gruppo serra mancini

Apprendiamo senza stupore alcuno del varo della nuova giunta da parte del Sindaco Tarasco. Importante sottolineare quel “senza stupore”, in quanto già da tempo avevamo facilmente pronosticato che la paventata crisi di maggioranza si sarebbe risolta per l’ennesima volta in un rimescolamento di equilibri di potere e niente altro.

Siamo ormai abituati al fatto che la propria parola e gli interessi del paese vengano spazzati via come niente per la gola rappresentata da questo o quell’assessorato.

Tutti ricorderanno, infatti, che non più tardi del 10 luglio scorso, in seduta ufficiale di consiglio comunale, il capogruppo PD Cifone lanciava strali ed insulti ai danni del sindaco Tarasco e dei due assessori Cervellera ed Amatulli. Il colpo di teatro dell’intervento di Cifone consisteva in una lunga analisi dei fallimenti dell’ amministrazione a guida Tarasco, accusato altresì di stare mettendo “il cappio al collo dei palagianesi”. Analisi, questa, che si concluse con la più che esplicita frase: “per me l’amministrazione Tarasco è arrivata al capolinea!”.

Mentre Cifone pronunciava queste parole, tra i consiglieri di maggioranza già si diffondeva il panico, e si poteva ben intuire cosa gli passasse per la testa: “e mò chi se ne va a casa??”.

Ma, come al solito nel centrosinistra palagianese, la parola data può essere agilmente rimangiata se la posta in gioco è ritenuta conveniente. E così, nella maggioranza che fino a qualche ora fa gli stessi suoi componenti definivamo come un’arena di lotte interpersonali, una buona manciata di deleghe da gestire calma tutto, almeno all’apparenza.

Infatti, il ribelle a tempo determinato Cifone dimentica di aver dipinto Tarasco come il peggio del peggio che Palagiano abbia potuto avere come primo cittadino e si prepara ad accomodarsi addirittura quale vicesindaco del sindaco che stava stringendo il cappio intorno al collo del paese, come lui stesso ebbe a dichiarare.

Tutto dimenticato, anche gli insulti ai danni dei consiglieri Udc, tutto passato…

Non ci vuole allora un indovino per comprendere che dietro le lotte ed i proclami per il bene del paese si nascondesse ancora una volta l’astinenza da potere, la fame di sedie! E la conferma ci viene proprio dal fatto che per curare il mal di pancia di Cifone, il buon medico Tarasco gli affida non solo la delega di vicesindaco, ma anche quelle ai Lavori Pubblici ed ai Servizi sociali. Deleghe queste, che mai sono state assegnate alla stessa figura in quanto cozzano tra di loro per settori di competenza..eppure qualcuno deve avere insistito per averle entrambe..ci chiediamo perché!

Insomma cari cittadini, tutto come prima: sindaco inginocchiato ai voleri dei singoli consiglieri e delle lobby palagianesi e paese che sprofonda sempre più i basso.

Vedremo adesso come la ”nuova” giunta farà “risorgere” Palagiano dalle ceneri in cui lo hanno ridotto! A nostra opinione sarebbe servito uno scatto di orgoglio, una programmazione seria, non una meschina redistribuzione di stipendi! E queste sarebbero le soluzioni per Palagiano?..no cari amici di maggioranza e caro sindaco, queste sono le soluzioni per voi!! Che con le problematiche quotidiane del paese non hanno niente a che vedere.

Purtroppo continueremo a ristagnare nell’immobilismo più totale, mentre qualcuno si potrà godere qualche soldino in più!

Palagiano continua a non poter avere un Pug, un Pip, una tassazione agevolata per determinate fasce di cittadini, una decente vivibilità urbana ed un minimo di speranza per il futuro.

Ancora una volta anche il sindaco, sordo ormai da tempo agli appelli che da più parti gli vengono dai cittadini stessi, ha scelto il “tirare avanti ad ogni costo” in barba all’interesse generale.

Questo non è servire, ma servirsi dei cittadini!

 

 

I consiglieri SERRA, MANCINI, MARANGIONE, CARUCCI

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento