azione civilePRCCircolo Libertini Palagiano

In data 21 novembre 2013  a Palermo, durante il processo don Ciotti ha dichiarato: “Sono venuto qui per dire ai magistrati del processo per la trattativa tra Stato e mafia che non sono soli”.

 

Azione Civile e Rifondazione Comunista Palagiano, dopo le minacce di morte  del capo di Cosa Nostra, Totò Riina a Di Matteo e a tutto il pool antimafia e prendendo esempio dalla dichiarazione di cui sopra,

 

CHIEDONO

al sig. Sindaco, dr. Antonio Tarasco e a tutto il Consiglio Comunale che, in occasione della prossima Assise che si terrà il 26 novembre c.m. esprimano parole di solidarietà e vicinanza ai magistrati Antonino Di Matteo, Roberto Tartaglia, Roberto Scarpinato, Francesco Del Bene, Vittorio Teresi e tutti i magistrati impegnati nella lotta alla mafia perchè non si sentano abbandonati.  Un segnale forte da parte dell’Amministrazione  per tutta la comunità palagianese. Si  chiede, inoltre, che a seguito di tali dichiarazioni, così come fatto in molti altri comuni italiani, vengano affissi per le vie del paese dei manifesti di solidarietà così che tutti si sentano vicini a chi giornalmente mette a rischio la propria vita per sconfiggere la Mafia.

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

Lascia un commento