di Roberto De Giorgi

Fonte: http://www.agoramagazine.it

 

 

l’11 ed il 12 di gennaio ai comuni è stato presentato il primo stadio del progetto che tende ad esperire il tentativo di omogeneizzare quanti più comportamenti possibili in modo da massimizzare l’efficacia degli interventi, pur nella consapevolezza dell’esistenza di forti diversità, nella raccolta, all’interno dei 29 comuni della Provincia, diversità collegate alla struttura del territorio, ai vincoli urbanistici , allo sviluppo socio-economico ed agli insediamenti produttivi e commerciali.

 

Ai sindaci, Gerardo Giusto, Amministratore delegato di Taranto Isolaverde spa, ha illustrato le finalità dei progetti di comunicazione, il cui obiettivo comune sarà ” quello di “raccontare “ le modalità operative di realizzazione della raccolta differenziata che resta un problema delle singole amministrazioni e delle società che gestiscono la raccolta dei rifiuti solidi urbani ma, “raccontare “ le ragioni e le scelte di natura sociale ed economica che sono alla base della raccolta differenziata dei rifiuti e, migliorare il livello di conoscenza del “ come differenziare “ in modo da massimizzare l’efficacia dell’azione promossa dalle singole amministrazioni Taranto Isolaverde spa non intende sostituirsi alle singole amministrazioni ma, attraverso i progetti validati dall’Ente Provincia di Taranto, assessorato alla formazione professionale, potrebbe integrare le azioni di comunicazione pianificate dalle singole amministrazioni comunali”.

 

L’articolazione prossima del progetto sarà questa:

 

?1. Creazione di un Logo e di uno Slogan per identificare in modo univoco il progetto

?2. Creazione di una pagina sul social-network facebook.com con link al portale di Taranto Isolaverde spa

?3. Creazione sul portale di Taranto Isolaverde spa di una sub-area dedicata alla raccolta differenziata dei rifiuti; in detta area, accedibile cliccando sul logo della raccolta differenziata, saranno resi disponibili tutte le attività di comunicazione progettate e realizzate da Taranto Isolaverde spa .

 ?4. Creazione di un video destinato a “raccontare “ cosa sia la raccolta differenziata dei rifiuti e, capace di destare motivazioni adeguate nei giovani e negli adulti.

?5. Creazione di progetti di comunicazione per gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado.

?6. Creazione di spot pubblicitari da affidare ad emittenti radio-televisive

?7. Organizzazione di n. 1 convegno per illustrare le iniziative pianificate e coordinarsi con le varie amministrazioni comunali ; Organizzazione di n. 2 convegni per pubblicizzare gli esiti del monitoraggio del progetto e concordare azioni correttive ; un quarto convegno per pianificare, sulla base degli esiti del primo anno di attività, il piano-programma per l’anno 2013.

I Sindaci ora devono dare il loro contributo operativo. Nell’incontro del giorno 12 è stata anche presentata la check-list per l’acquisizione telematica dello stato dei fatti nei singoli Comuni della Provincia in modo da creare una tabella di sintesi e addivenire a decisioni quanto più condivise.

 

Di Life

Libero da ogni schema e appartenza di pensiero. Tutto cio' che non conosco nutre la mia vita. Nel momento che riesco a capirmi... ho gia' fatto un altro giro!

2 pensiero su “Taranto / “Da rifiuto a risorsa” presentato ai Sindaci il progetto di Taranto Isola Verde”
  1. A Palagiano è cominciata la raccolta differenziata porta a porta, ma sembra che nessuno se ne sia accorto.
    Finalmente un progetto che possa rieducare le abitudini dei cittadini, risparmiare montagne di rifiuti, diminuire discariche, e sopratutto cercare di mantenere un territorio più pulito per i nostri figli, ma a quanto pare molti non hanno voglia di prendersi il piccolissimo “fastidio” di separare i rifiuti nei contenitori appositi che non abbiamo comprato noi e che non andremo neanche a svuotare perché c’è qualcun’altro che lo fa per noi!!è così bello e così semplice!!ma nessuno lo fa!!perchè??nella via in cui vivo gli unici bidoncini a occupare il marciapiede sono quelli del mio condominio composto da due famiglie, i mie vicini piuttosto si fanno i km al gelo in bicicletta ma vanno a buttare i rifiuti NONdifferenziati in altri bidoni che ancora (spero per poco) permangono lungo le strade del paese!cosa bisogna fare per inculcare le buone abitudini?spero che questa non sia la solita iniziativa pre elettorale, che i palagianesi si sveglino dal coma dell’ignoranza e che tutti contribuiscano a migliorare l’ambiente che ci circonda!!

Lascia un commento